martedì 12 settembre 2017

HP4620 repair & rescue

Una buona occasione. La solita massaia che acquista una stampante nuova ("...costa solo sessanta euro!") e quella "vecchia" la si butta. Non sarà l'ultimo grido ma a me va più che bene, nonostante avessi bandito tempo fa le inkjet per motivi già sviscerati. 
Il pattume ha solo un piccolo difetto... il nero non stampa, i colori si ma il nero no, solo il nero non esce, nonostante infiniti cicli di pulizia. Cartucce nuove (due), il problema permane ed il "tennico" ne decreta la morte prematura. Bene, grazie.
Googlando e consultando il sito accapì si deduce che è un problema di testine che in questo modello sono separate dalle cartucce. Scelta infelice dai, da quando Canon ci ha messo lo zampino in accapì, la situazione è degenerata come quando in Ferrari sono arrivati i tennici di Fiat col Montefuffolo. La soluzione dei canali di ventilazione della cartuccia è una scemenza inventata come preludio all'invio della stampante al servizio di assistenza (fate un mutuo prima di chiamarli).
Ma... si può estrarre la testina di stampa e pulirla? ovvio che si. In rete si trovano dei filmati che spiegano come estrarla... con le dovute cautele: 
  1. Si toglie il supporto laterale del gruppo scanner
  2. si tolgono sei viti, 5 sopra ed una sotto il pannello
  3. si toglie il pannello
  4. si tolgono altre due viti torx T10
  5. si toglie la parte superiore
  6. si tolgono due molle dietro il carrello
  7. si sfila la testina 

Attenzione alla striscia trasparente (l'encoder di posizione), ai cavi flat e a non perdere le viti (suggerimenti inutili ovviamente, siete tutti bravissimi lo so).
La testina la si immerge per una notte nel solvente specifico per inchiostri. In mancanza del solvente va bene anche alcool isopropilico. Alla peggio un pò di prodotto a base di ammoniaca sgrassante che però non evapora e va poi asciugato come meglio viene. Il giorno dopo si rimonta il tutto e se il danno è solo meccanico la stampante dovrebbe continuare a stampare per un pò. Lasciamo perdere per ora il lavaggio a fondo che richiede uno smontaggio ai minimi termini, ore di lavoro e capacità superiori alla media. Se non funziona ancora? Beh.... io la tengo per lo scanner con ADF e le proprietà wireless. Per me le stampanti a getto possono anche morire. Alla prossima.

P.S. Il filo è da torcere e lo scotch non attacca. Ripeto: Il filo è da torcere e lo scotch non attacca.

lunedì 11 settembre 2017

Il delirio di un operatore ecologico

Per pagare l'affitto quando vengo in itaglia e far fronte agli insoluti che solo nel vostro paese sono all'ordine del giorno, sono "costretto" a fare qualche lavoretto extra. Oggi mi sono recato alla discarica (l'ecocentro come qualcuno lo vuole chiamare).  Di quel luogo maledetto ne ho già parlato ampiamente così come il delirio di certi operatori assunti per volontà politica più che per meriti.
Avevo la necessità di scaricare del ciarpame e, memore di indicazioni passate, mi sono avvicinato con l'auto vicino al vascone dove confluiscono gli "ingombranti civili". Con "ingombrante civile"  si definisce tutto quel rifiuto composito che necessita di particolari trattamenti per il riciclo, ovvero materiale molto distante dalle "materie prime" facilmente riciclabili (almeno per la maledetta municipalizzata). 
Purtroppo accanto al vascone c'era il mega luminare del riciclo, un tipo che ha finito la quinta elementare a calci nel culo ai tempi della montessori e per questo promosso ovviamente a capo area. Inizio a buttare dei manici di scopa metallici e plastificati. L'omino intento a parlare di Lega e Salvini  con un altro luminare della politichetta spiccia dei vostri paesotti, con la conda dell'occhio mi vede e immediatamente parte con un cazziatone pubblico ad alta voce. I manici di scopa metallici vanno nella vasca dei metalli... oops... conoscendo la mega intelligenza di questo blasonato dotto esperto professorone, gli mostro un altro manico di scopa, sta volta di plastica, piegato in tre.... "Metallo!!" mi sento apostrofare con tono da facocero incazzato. Resto interdetto e replico: "Caro signore, la cosa mi perplime alquanto. Per quale arcano motivo la plastica va nel metallo?" "Metallo!!" mi sento rispondere senza possibilità di replica. Porgo allora il manufatto, rischiando l'aggressione fisica, ed attendo che il professore faccia un analisi scientifica per poi sentirmi dire..."Buttalo qui!". Obbedisco, non senza un sorrisetto che deve averlo fatto imbestialire interiormente non poco. Ho già raccontato in passato la bizzarra interpretazione che viene fatta da certi operatori ignoranti. Fatta questa premessa, butto tre ombrelli (uno arrugginito)  senza tela, i quali, ancor prima di toccare il fondo della vasca, vengono accompagnati da un urlo "Noooo.... METALLO!!". Resto davvero basito. sono sicuro che gli ombrelli vanno in questa vasca, non nel metallo e ne sono certissimo. Chiedo spiegazioni al dotto luminare il quale mi spiega che se gli ombrelli hanno il telo non sono riciclabili e vanno negli ingombranti civili, mentre se provvediamo noi a togliere il telo, vanno nei metalli. Stranissimo. Se si viene pizzicati a buttare nei metalli oggetti con inserti in plastica si viene prontamente ripresi, cazziati e messi alla gogna, con invito nemmeno tanto cortese di buttare nell'ingombrante civile. Mi risulta che gli ombrelli senza telo hanno ancora il manico di plastica... per cui... 
Lascio cadere l'argomento ma mi viene in mente di aver pagato da poco il servizio di smaltimento rifiuti... non sapevo che toccava a noi separare ai minimi termini gli oggetti ed a loro raccogliere il tutto solo se in forma il più possibile vicina alle materie prime. Decido da buon pacifista di non proseguire, per non innescare una vera zuffa a colpi di bidoni di vernice tossica stoccati lì accanto. Tocca a dei pannelli di cartone impermeabilizzato... il luminare ormai in cerca di rivincita per la figuraccia rimediata col manico di scopa o di una rissa, si avvicina ed inizia a periziare i pannelli.... "Catrame!" sentenzia alla fine. Ha deciso che è catrame e non c'è nulla da fare... il cartone è nero per cui deve essere catrame per forza!! Niente da fare.... rifiuto speciale, devo portarlo da chi li tratta e pagare ovviamente. E non c'è verso di farlo ragionare! si rifiuta di prendere in carico il rifiuto. Ora, dico io, se ti pago ti arrangi tu a portare dove serve i rifiuti prodotti dai privati, non dovresti rifiutarti in base a soggettive idee prese in mancanza della benchè minima preparazione tecnica. 
Termino di buttare dei vasi di plastica che non va nella plastica e me ne ritorno a casa con il mio rifiuto speciale in simil-catrame. 
Pur deprecando decisamente la folle pratica di abbandono dei rifiuti, capisco perchè qualcuno lo fa. Girano un pò parecchio i c*glioni pagare profumatamente una municipalizzata skizzinosa e choosy, di dover pre-trattare i rifiuti nonostante delle tariffe esose e per dei servizi mai all'altezza di un paese civile, di sentirsi alitare sul collo quando vengono a ficcare non solo il naso dentro l'auto per frugare ed ispezionare cosa stiamo buttando. Se si lamentano che certi rifiuti finiscono nei posti sbagliati è spesso colpa di certi operatori ignoranti e raccomandati.  Se poi si lamentano se qualcuno scarica i vasi in terracotta in strada è perchè non è più possibile farlo al centro di raccolta ed occorre chiamarli col rischio che si rifiutino pure di portarli via. 
Chiedono la nostra collaborazione ma di abbassare la tariffa, se collaboriamo... quello mai, maledetti e stramaledetti. E' recente il ritiro porta a porta del secco non riciclabile, 12 scaricamenti all'anno e quelli in più si pagano a parte. Ma se ne faccio meno di dodici mi fai lo sconto?? Manco a parlarne ovviamente, i virtuosi vanno puniti e sappiamo perchè. Alla prossima.

P.S. Il ghiro è sveglio e il pappagallo risponde. Ripeto: Il ghiro è sveglio e il pappagallo risponde.

sabato 9 settembre 2017

Grandi rotture

Oggi è stata proprio una giornata disastrosa, peggio di quella di ieri nel corso della quale il solito furbetto, posto davanti alla parcella da pagare, si infuria e tergiversa pur ammettendo l'ottimo lavoro svolto ed esprimendo la volontà che prosegua con la consulenza tecnica. No money? No work!Addio e buona fortuna. 
Oggi invece nell'ordine:


  1. il bio trituratore si è suicidato, motore fuso,
  2. il vetro elettrico lato guida non ne vuole sapere di salire ed è bloccato aperto,
  3. gli occhialini da lettura si sono spezzati in due.
  4. la rete wireless del PC la devo far partire manualmente
  5. Una discussione allucinante all'ecocentro (ma di questo ne parleremo in altra occasione)


Deve essere la maledizione del cliente bastardo di ieri, sicuramente. Peggio per lui. In udienza, davanti a giudice, PM e parte civile se la vedrà da solo oppure accompagnato da un nuovo consulente di quelli che costano poco. Così almeno capirà quanto costa rivolgersi ad un principiante.
Alla prossima

P.S. Notre Dame è chiusa al pubblico. Ripeto: Notre Dame è chiusa al pubblico.