venerdì 13 ottobre 2017

Natale di legno

prototipo natalizio
Non ho soldi per gli addobbi natalizi, e poi al natale che è una festività religiosa non ci credo poi molto. Stare assieme un giorno all'anno per scambiarsi auguri ai quali nè il mittente nè il destinatario ci credono veramente, preferendo l'ipocrita convenzione, è un clichè borghese. Ma dato che la compagna ci tiene alle tradizioni e preferisce quelle più sane e meno bigotte del nord europa dove risiedo...ecco che ho deciso di aggirare l'ostacolo della povertà e creare qualcosa di unico con le mie mani ossute e tremolanti. Credo che il tempo dedicato alla creazione di questo prototipo, preliminare ad una piccola serie, possa significare qualcosa di più per chi lo riceverà. Nelle intenzioni, vorrebbe essere un albero di natale. Il legno c'è, è di oleandro (quello avevo, di recipero ovviamente). Mancano le foglie ma è un albero stilizzato per cui ci può stare. Alla fantasia del ricevente poi addobbarlo come meglio crederà. 
Per realizzarlo bastano dei bacchettini diritti, un trapano con punta da 3 a 5 (dipende dai legnetti) ed una forbice per potature, più dello spago grezzo. 
Si tagliano i pezzettini a varie misure e si assembla il tutto con dello spago di canapa (niente di sintetico per carità!). Già il prototipo è assemblato maluccio ma sbagliando si impara. I fori è meglio farli obliqui con un angolo che segue l'inclinazione della forma finale (meglio aiutarsi con un template di carta). I vari elementi, tagliati alle estremità ad angolo, è meglio inserirli in modo che le estremità siano inclinate dal verso giusto ed i fori è meglio svasarli per infilare meglio lo spago. Ecco, svelato i trucchi del mestiere ora non resta che andare in qualche negozio a vedere quanto costano quelli in vendita. Io non voglio saperlo, tenendo a mente il discorso già fatto per i cuori di legno. Con questa realizzazione inoltre voglio esortare i soliti unani (quelli che fanno a gara col vicino a chi ha l'albero più grosso e più addobbato con i led cinesi) a non comperare mai più pini od abeti vivi destinati poi a morire. Se proprio volete festeggiare qualcosa perchè farlo uccidendo degli organismi viventi? Alla prossima, stupidi idioti. 

P.s.  Il lupo ha perso il pelo. Ripeto: il lupo ha perso il pelo. 

martedì 10 ottobre 2017

Questa settimana...

...,e solo questa settimana, vorrei salutare 50 indiani, 51 tedeschi, 62 francesi, 79 indonesiani, 100 ucraini, 110 inglesi, 244 irlandesi, 297 spagnoli, 370 americani e 5600 unani che hanno visitato le pagine di questo diario, ricordando loro che nella vita ci sono cose più importanti delle mie minchiate... forse.

P.S. la gazza è innocente ed ha un alibi. Ripeto: la gazza è innocente ed ha un alibi

martedì 3 ottobre 2017

Cuore di legno

Di quanto sia meravigliosa e bizzarra la natura è inutile scriverci ancora su. E' periodo di fare scorta di legna per la stufa, giusto per boicottare anche la fornitura del maledetto gas turco, russo o americano (ci manca quello cinese?). Ciocco dopo ciocco, quattro quintali passati per le mani, con la schiena a pezzi, le delicatissime dita da programmatore doloranti ma con la soddisfazione a mille pensando al calduccio nelle fredde sere invernali, salta all'occhio una forma particolare. Un cuore! Si, lo so, forse galoppo troppo con la fantasia ma, in sezione, il ciocco sembra proprio un cuore ed il risultato è assolutamente un pezzo UNICO sul pianeta. E per non pensare al mal di schiena durante il trasferimento del prezioso combustibile dai bancali alla legnaia del padrone che mi ospita, i pensieri corrono... dei sottobicchieri?, portacandele? profuma-armadi?  decorazioni per il natale? 
Intanto vediamo di pensare agli attrezzi che servono: un segaccio, carta vetrata, una morsa da falegname, eventualmente un paio di scalpelli da legno, determinazione, fantasia e olio di gomito. Non dovrebbe servire altro e gli ingredienti ci sono. 
Fatto a fettine il pezzo (a mano), si cerca di aggiustare leggermente la forma, togliendo le sbavature  (a mano) senza però stravolgere la forma che mamma natura ha conferito al tronco, giusto per lasciare il merito a chi ha fatto la maggior parte del lavoro. La corteccia la lascio, conferisce un aspetto più rustico e natuale. Una carteggiata per togliere gli spigoli e rendere più armonioso il pezzo finito ed il gioco è fatto, niente impregnanti o vernici. Nel pezzo che rimane, quello più alto (troppo difficile tenerlo fermo nella morsa), pratichiamo un foro con una forstner (che ormai si trovano anche al Lidl),  per farci stare una candela. Finito. Massimo un ora di svago ed il risultato c'è. Il tutto va regalato al padrone che gentilmente mi ha concesso il privilegio e l'onore di dedicargli una giornata di fatica e sudore, giusto per ricordarmi che oggi, per lavorare quasi "agratis", si deve pure pagare per ricambiare il favore ricevuto. 
E questi cuori di legno ci servono soprattutto a tutti noi, per ricordarci che di questi tempi i cuori della maggior parte degli unani si sono induriti ed inariditi per sempre, per ammorbidirsi solo una volta all'anno, a natale... ma per finta. Alla prossima, ma anche no.

P.S. il ramarro è verde. Ripeto: il ramarro è verde

venerdì 29 settembre 2017

Porta incenso fai da te

Una cosuccia facile facile e veloce. Qualche giorno fa al supermercato ho messo le mani su dei bacchettini di incenso profumato (quei bacchettini che bruciano lentamente) e ne ho preso uno (una confezione intendo), giusto per profumare l'ambiente malsano in cui soggiorno temporaneamente come ospite e per tenere lontani i ragni. Accanto alla moltitudine di scelte dai nomi più improbabili (da cosa odorerà un incenso all'aroma "cupìdo"??), proposti come accessori trovo le tavolette porta bacchettini... tre euro e cinquanta!! Cazzo!!!! una tavolettina di tre millimetri di spessore, microscopica a TREEUROECINQUANTA!!!! mavaffanculo!
Torno a casa incazzato come al solito, brontolando ed inveendo mentalmente contro le multinazionali del male e faccio un salto in guardino... un asse di un vecchio bancale ormai marcio mi chiama e mi supplica di conferirgli nuova dignità... lo accontento. Lo taglio in due parti uguali ed al centro, con uno scalpello da legno pratico l'incavo porta cenere. Un forellino obliquo fa da alloggiamento per il bacchettino. Una mano di impregnante all'acqua effetto cerato, dopo carteggiatura, sigilla i pori ed assicura una maggior durata al materiale. Fatto. Spesa praticamente zero. Sette euro che restano in tasca mia. Meglio in tasca mia che in mano a certi commercianti di m*rda. 
Intento tutto tronfio ad osservare l'opera d'arte appena realizzata, inizio come al solito a riflettere con me stesso. Magari l'oggetto in vendita che non ho acquistato era stato realizzato a mano da uno straniero affamato, sfruttato e senza casa. Magari era pagato un pugno di riso per 18 ore di duro lavoro e sta morendo di fame, forse... ecco... se me lo avesse proposto direttamente il povero..gli avrei dato trenta euro, altro che tre e cinquanta al commerciante.
Ma facendo da me, boicotto si il consumismo ma forse danneggio gli indifesi sfruttati ma comunque tenuti in vita dal sistema... meglio vivi che morti no? NO. la cosa è un pò più complessa ma non mi va di spiegarlo a certe menti vuote. Di sicuro il mio "fai da me" porta nel lungo periodo dei vantaggi alla società e non lo vado certo a spiegare a chi ci vorrebbe bulimici di consumo e spesa, a chi peggio ci crede nei consumi infiniti o a chi non ha voglia di ascoltare e mi chiama zecca comunista (senza rendersi conto che per me è un complimento). 
Magari in futuro inizierò a produrmeli da me i bacchettini profumati, tutti con elementi naturali al 100% e reperibili senza spesa, magari... ora che mi viene in mente, magari lo farò prima o poi. Anche perchè non ricordo dove e quando l'ho letto ma il fumetto che esce dai bacchettini profumati mi sa che non è molto salutare...non si sa esattamente cosa si sta bruciando perchè nella confezione non c'è alcuna indicazione, zero! Ed alla salute, almeno a quella un pò ci tengo. Alla prossima, branco di consumatori senza cervello. 

P.S. La tigre ha perso le striscie ed il bufalo è cornuto. Ripeto:  La tigre ha perso le striscie ed il bufalo è cornuto.

Licenziata per furto

No, non è tollerabile!. Prendo spunto dal licenziamento di un operatrice ecologica, rea di aver preso tra i rifiuti un monopattino da regalare al figlio, per esternare la mia indignazione e totale disapprovazione. L'argomento non è nuovo e ne avevo già parlato tempo fa, quando dei vigili multarono dei soggetti che avevano perfezionato un baratto all'esterno di una discarica (oop...ecocentro come vorrebbe qualche laureatino o sedicente spin doctor). 
Uno schifo che rivela un amministrazione da azzeccagarbugli, la perdita totale del buon senso, della comprensione oltre al senso di "coesione sociale".  Qui mi sa che è invece, forse, una questione di becero razzismo o forse una meschina vendetta per chissà mai quale terribile torto subìto da qualche dirigente magnaschèi, leso nell'onore (si certo, certo) perso nei meandri di anni di inciuci e porcherie varie. 
Ma restando più sul generico, e generalizzando come piace a noi "populisti", vengono in mente alcuni ragionamenti, fatti da noi che non siamo avvocati e nemmeno siamo managers dallo stipendio di giada.
Un oggetto finito in discarica, percepito quindi dall'utente come "senza valore", diventa "proprietà" di un azienda a partecipazione pubblica. Per il conferimento è stato pure pagato un tributo o tassa (non sottilizziamo sulla differenza tecnica fra i due termini), soldi pubblici quindi. Ma sta storia delle municipalizzate non è molto chiara. Quando fa comodo sono privati e l'area di conferimento è proprietà privata e ciò che c'è dentro è proprietà privata...e quindi le regole, lì, sono private e plasmate a loro esclusivo diletto e consumo. Quando invece legittimamente (ed a buon ragione) ci si lamenta del servizio o si criticano gli importi in bolletta...allora è cosa pubblica e bisogna rivolgersi al comune. Di sicuro è una gran presa per il culo e noi qui a strali ad ascoltare.
Ma la cosa peggiore è che in mezzo alle interpretazioni mutevoli fra pubblicoo privato, ci si affretta a considerare un bene privato ciò che è un rifiuto destinato a chissà quale parte dello smaltimento o riciclo. Di sicuro molte municipalizzate raccolgono i rifiuti e li rivendono con profitto a chi ricicla. Ma i profitti vengono redistribuiti ai comuni? Sono soldi pubblici o privati? Non lo so, lo confesso ma a pensar male si fa peccato, però a volte ci si azzecca. A chiedere chiarimenti non si ottengono risposte chiare. Certo è che la tassa di smaltimento aumenta anche quando la multiutility di turno fa profitti ed i bilanci sono in attivo. Quel fiume di soldi dove va realmente?? fra le mille pieghe dei bilanci? viene in toto reinvestito? boh!
Ad ogni modo abbiamo capito che il conferimento di un oggetto all'azienda privata ma a partecipazione pubblica conferisce allo stesso un valore e che questo valore si genera nel momento in cui si oltrepassa il cancello dell'ecocentro, così come automaticamente passa di "proprietà" nell'istante in cui viene estratto dal mezzo privato all'interno dell'area privata.  Un delirio legislativo degno del più pazzoide dei pazzi. Dove vivo io è il contrario. Ci pagano per conferire i rifiuti a chi li ricicla realmente. 
Sorvoliamo anche sul fatto che nel vostro paese spesso si vedono "gli operatori" scambiarsi o caricare in auto "rifiuti" di varia natura. Forse qualcuno addirittura li vende agli utenti o li usa come merce di scambio per chissà quali favori. Se non si fa parte del "cerchio magico" il prelievo di oggetti aventi utilità pratica è assolutamente vietato e fisicamente impedito da corpulenti operatori scrupolosissimi nell'applicare delle regole ferree che però valgono solo nei confronti di chi non è loro amico. Ma lasciamo perdere, noi siamo tolleranti di fronte a queste cose... noi. Alla prossima.

Fedele non è un cane. Ripeto: Fedele non è un cane. 

martedì 12 settembre 2017

HP4620 repair & rescue

Una buona occasione. La solita massaia che acquista una stampante nuova ("...costa solo sessanta euro!") e quella "vecchia" la si butta. Non sarà l'ultimo grido ma a me va più che bene, nonostante avessi bandito tempo fa le inkjet per motivi già sviscerati. 
Il pattume ha solo un piccolo difetto... il nero non stampa, i colori si ma il nero no, solo il nero non esce, nonostante infiniti cicli di pulizia. Cartucce nuove (due), il problema permane ed il "tennico" ne decreta la morte prematura. Bene, grazie.
Googlando e consultando il sito accapì si deduce che è un problema di testine che in questo modello sono separate dalle cartucce. Scelta infelice dai, da quando Canon ci ha messo lo zampino in accapì, la situazione è degenerata come quando in Ferrari sono arrivati i tennici di Fiat col Montefuffolo. La soluzione dei canali di ventilazione della cartuccia è una scemenza inventata come preludio all'invio della stampante al servizio di assistenza (fate un mutuo prima di chiamarli).
Ma... si può estrarre la testina di stampa e pulirla? ovvio che si. In rete si trovano dei filmati che spiegano come estrarla... con le dovute cautele: 
  1. Si toglie il supporto laterale del gruppo scanner
  2. si tolgono sei viti, 5 sopra ed una sotto il pannello
  3. si toglie il pannello
  4. si tolgono altre due viti torx T10
  5. si toglie la parte superiore
  6. si tolgono due molle dietro il carrello
  7. si sfila la testina 

Attenzione alla striscia trasparente (l'encoder di posizione), ai cavi flat e a non perdere le viti (suggerimenti inutili ovviamente, siete tutti bravissimi lo so).
La testina la si immerge per una notte nel solvente specifico per inchiostri. In mancanza del solvente va bene anche alcool isopropilico. Alla peggio un pò di prodotto a base di ammoniaca sgrassante che però non evapora e va poi asciugato come meglio viene. Il giorno dopo si rimonta il tutto e se il danno è solo meccanico la stampante dovrebbe continuare a stampare per un pò. Lasciamo perdere per ora il lavaggio a fondo che richiede uno smontaggio ai minimi termini, ore di lavoro e capacità superiori alla media. Se non funziona ancora? Beh.... io la tengo per lo scanner con ADF e le proprietà wireless. Per me le stampanti a getto possono anche morire. Alla prossima.

P.S. Il filo è da torcere e lo scotch non attacca. Ripeto: Il filo è da torcere e lo scotch non attacca.

lunedì 11 settembre 2017

Il delirio di un operatore ecologico

Per pagare l'affitto quando vengo in itaglia e far fronte agli insoluti che solo nel vostro paese sono all'ordine del giorno, sono "costretto" a fare qualche lavoretto extra. Oggi mi sono recato alla discarica (l'ecocentro come qualcuno lo vuole chiamare).  Di quel luogo maledetto ne ho già parlato ampiamente così come il delirio di certi operatori assunti per volontà politica più che per meriti.
Avevo la necessità di scaricare del ciarpame e, memore di indicazioni passate, mi sono avvicinato con l'auto vicino al vascone dove confluiscono gli "ingombranti civili". Con "ingombrante civile"  si definisce tutto quel rifiuto composito che necessita di particolari trattamenti per il riciclo, ovvero materiale molto distante dalle "materie prime" facilmente riciclabili (almeno per la maledetta municipalizzata). 
Purtroppo accanto al vascone c'era il mega luminare del riciclo, un tipo che ha finito la quinta elementare a calci nel culo ai tempi della montessori e per questo promosso ovviamente a capo area. Inizio a buttare dei manici di scopa metallici e plastificati. L'omino intento a parlare di Lega e Salvini  con un altro luminare della politichetta spiccia dei vostri paesotti, con la conda dell'occhio mi vede e immediatamente parte con un cazziatone pubblico ad alta voce. I manici di scopa metallici vanno nella vasca dei metalli... oops... conoscendo la mega intelligenza di questo blasonato dotto esperto professorone, gli mostro un altro manico di scopa, sta volta di plastica, piegato in tre.... "Metallo!!" mi sento apostrofare con tono da facocero incazzato. Resto interdetto e replico: "Caro signore, la cosa mi perplime alquanto. Per quale arcano motivo la plastica va nel metallo?" "Metallo!!" mi sento rispondere senza possibilità di replica. Porgo allora il manufatto, rischiando l'aggressione fisica, ed attendo che il professore faccia un analisi scientifica per poi sentirmi dire..."Buttalo qui!". Obbedisco, non senza un sorrisetto che deve averlo fatto imbestialire interiormente non poco. Ho già raccontato in passato la bizzarra interpretazione che viene fatta da certi operatori ignoranti. Fatta questa premessa, butto tre ombrelli (uno arrugginito)  senza tela, i quali, ancor prima di toccare il fondo della vasca, vengono accompagnati da un urlo "Noooo.... METALLO!!". Resto davvero basito. sono sicuro che gli ombrelli vanno in questa vasca, non nel metallo e ne sono certissimo. Chiedo spiegazioni al dotto luminare il quale mi spiega che se gli ombrelli hanno il telo non sono riciclabili e vanno negli ingombranti civili, mentre se provvediamo noi a togliere il telo, vanno nei metalli. Stranissimo. Se si viene pizzicati a buttare nei metalli oggetti con inserti in plastica si viene prontamente ripresi, cazziati e messi alla gogna, con invito nemmeno tanto cortese di buttare nell'ingombrante civile. Mi risulta che gli ombrelli senza telo hanno ancora il manico di plastica... per cui... 
Lascio cadere l'argomento ma mi viene in mente di aver pagato da poco il servizio di smaltimento rifiuti... non sapevo che toccava a noi separare ai minimi termini gli oggetti ed a loro raccogliere il tutto solo se in forma il più possibile vicina alle materie prime. Decido da buon pacifista di non proseguire, per non innescare una vera zuffa a colpi di bidoni di vernice tossica stoccati lì accanto. Tocca a dei pannelli di cartone impermeabilizzato... il luminare ormai in cerca di rivincita per la figuraccia rimediata col manico di scopa o di una rissa, si avvicina ed inizia a periziare i pannelli.... "Catrame!" sentenzia alla fine. Ha deciso che è catrame e non c'è nulla da fare... il cartone è nero per cui deve essere catrame per forza!! Niente da fare.... rifiuto speciale, devo portarlo da chi li tratta e pagare ovviamente. E non c'è verso di farlo ragionare! si rifiuta di prendere in carico il rifiuto. Ora, dico io, se ti pago ti arrangi tu a portare dove serve i rifiuti prodotti dai privati, non dovresti rifiutarti in base a soggettive idee prese in mancanza della benchè minima preparazione tecnica. 
Termino di buttare dei vasi di plastica che non va nella plastica e me ne ritorno a casa con il mio rifiuto speciale in simil-catrame. 
Pur deprecando decisamente la folle pratica di abbandono dei rifiuti, capisco perchè qualcuno lo fa. Girano un pò parecchio i c*glioni pagare profumatamente una municipalizzata skizzinosa e choosy, di dover pre-trattare i rifiuti nonostante delle tariffe esose e per dei servizi mai all'altezza di un paese civile, di sentirsi alitare sul collo quando vengono a ficcare non solo il naso dentro l'auto per frugare ed ispezionare cosa stiamo buttando. Se si lamentano che certi rifiuti finiscono nei posti sbagliati è spesso colpa di certi operatori ignoranti e raccomandati.  Se poi si lamentano se qualcuno scarica i vasi in terracotta in strada è perchè non è più possibile farlo al centro di raccolta ed occorre chiamarli col rischio che si rifiutino pure di portarli via. 
Chiedono la nostra collaborazione ma di abbassare la tariffa, se collaboriamo... quello mai, maledetti e stramaledetti. E' recente il ritiro porta a porta del secco non riciclabile, 12 scaricamenti all'anno e quelli in più si pagano a parte. Ma se ne faccio meno di dodici mi fai lo sconto?? Manco a parlarne ovviamente, i virtuosi vanno puniti e sappiamo perchè. Alla prossima.

P.S. Il ghiro è sveglio e il pappagallo risponde. Ripeto: Il ghiro è sveglio e il pappagallo risponde.

sabato 9 settembre 2017

Grandi rotture

Oggi è stata proprio una giornata disastrosa, peggio di quella di ieri nel corso della quale il solito furbetto, posto davanti alla parcella da pagare, si infuria e tergiversa pur ammettendo l'ottimo lavoro svolto ed esprimendo la volontà che prosegua con la consulenza tecnica. No money? No work!Addio e buona fortuna. 
Oggi invece nell'ordine:


  1. il bio trituratore si è suicidato, motore fuso,
  2. il vetro elettrico lato guida non ne vuole sapere di salire ed è bloccato aperto,
  3. gli occhialini da lettura si sono spezzati in due.
  4. la rete wireless del PC la devo far partire manualmente
  5. Una discussione allucinante all'ecocentro (ma di questo ne parleremo in altra occasione)


Deve essere la maledizione del cliente bastardo di ieri, sicuramente. Peggio per lui. In udienza, davanti a giudice, PM e parte civile se la vedrà da solo oppure accompagnato da un nuovo consulente  tecnico, di quelli che costano poco. Così almeno capirà quanto costa rivolgersi ad un principiante.
Alla prossima

P.S. Notre Dame è chiusa al pubblico. Ripeto: Notre Dame è chiusa al pubblico.

giovedì 7 settembre 2017

Recupero dati da chiavetta USB (parte 1 Teoria)

Sto impazzendo con una chiavetta USB che non riesco ad utilizzare e che credo contenga i piani per distruggere le cose brutte del pianeta in modo selettivo, lasciano intatte le cose e le persone buone... devo riuscire a recuperare quei dati.
All'inserimento del sistema, la chiavetta viene riconosciuta 

[32117.874393] usb 2-1.1: new high-speed USB device number 13 using ehci-pci
[32117.983147] usb 2-1.1: New USB device found, idVendor=0420, idProduct=1307
[32117.983151] usb 2-1.1: New USB device strings: Mfr=0, Product=0, SerialNumber=0
[32117.983694] usb-storage 2-1.1:1.0: USB Mass Storage device detected
[32117.984042] scsi host6: usb-storage 2-1.1:1.0
[32118.995798] scsi 6:0:0:0: Direct-Access     ChipsBnk Flash Disk       5.00 PQ: 0 ANSI: 2
[32118.996783] sd 6:0:0:0: Attached scsi generic sg1 type 0
[32118.997298] sd 6:0:0:0: [sdb] 16384 512-byte logical blocks: (8.39 MB/8.00 MiB)
[32118.997945] sd 6:0:0:0: [sdb] Write Protect is off
[32118.997947] sd 6:0:0:0: [sdb] Mode Sense: 0b 00 00 08
[32118.998550] sd 6:0:0:0: [sdb] No Caching mode page found
[32118.998554] sd 6:0:0:0: [sdb] Assuming drive cache: write through
[32119.005963] sd 6:0:0:0: [sdb] Attached SCSI removable disk

ma sembra non contenga alcuna partizione dati. 

Il led rosso lampeggia per restare poi a luce fissa, segno che il controller, almeno apparentemente funziona. Dopo il riconoscimento escono degli errori di sistema 

[ 6767.472661] usb 2-1.1: reset high-speed USB device number 8 using ehci-pci

Di montare una partizione inesistente nemmeno a parlarne. cfdisk ed Fdisk non sembrano riconoscere l'unità. Creo una partizione e perdo i dati nel chip? no, la partizione non si riesce a crearla. 

Device does not contain a recognized partition table.
Created a new DOS disklabel with disk identifier 0x80b29bcd.

Formattare?.... no, ci ho provato e non si riesce a formattare

A questo punto ho due opzioni:
1) invio la chiavetta a chi si occupa di recupero dati e vediamo cosa succede
2) mi arrangio con la misera attrezzatura a disposizione e risparmio qualche euro (che comunque non ho)
Sorge quindi un problema: cosa potrebbe avere di guasto? Proviamo a ragionarci un pò su ed analizzare le possibili cause
La chiavetta è costruita con pochi componenti. Principalmente un controller ed un chip di memoria NAND flash. Oltre ad una manciata di resistenze e condensatori c'è un quarzo oscillatore da 12 mhz.
Il controller è un CBM2091 della Chip Bank Microelectronics un TQFP (Thin Quad Flat Package) 7x7 mm e spesso 1mm (abbastanza diffuso e credo facilmente reperibile) 
Il Nand Flash Memory chip è uno Specteck FBNL52AHGK3WG da 8 Gb TSOP Type 1 (Thin Small Outline Package) a 48 pin, anche questo di "relativamente facile" reperibilità (sempre te ne vendano uno soltanto e convenga pagare le spese di spedizione). 
Ma il malfunzionamento da cosa potrebbe dipendere?

Potrebbe essere il quarzo? Poco probabile. fosse il quarzo che non oscilla la chiavetta non verrebbe nemmeno vista, mentre abbiamo verificato che viene riconosciuta. Scartiamo quindi il quarzo.

Potrebbero essere i pin D+ e D- della USB magari staccati causa inserimenti forzati che hanno sollecitato meccanicamente la chiavetta?? Un ispezione con un microscopio digitale ci conferma che i contatti sul PCB sono a posto, compresi quelli verso la porta USB del PC. 

Potrebbe essere il controller? Probabile. Dal data sheet vediamo che esso contiene due regolatori di tensione che regolano i 5volts (pin 1) dell'USB, uno a 3.3 volts (pin 2) ed uno a 1.8 volts (pin 3), usati per il chip di memoria. Basterebbe verificare se da quei due pin ci sono le tensioni dichiarate ma... stiamo parlando di saldare ai piedini dell'integrato da 0,5mm (davvero inaccessibili senza specifica attrezzatura) dei fili altrettanto sottili con una punta a spillo (skill level 10/10). Altro non mi viene in mente. 

Potrebbe essere il chip di memoria? Probabile. Verificato che è alimentato correttamente dal controller, potrebbe essere il chip guasto o che ha raggiunto il numero massimo di cicli di lettura scrittura. Come verificare? bisognerebbe staccarlo dal PCB, inserirlo in un lettore di flash ram per esserne sicuri (lettore che per ora non ho) e verificare se leggibile.

Poi dipende: vogliamo davvero recuperare i dati eventualmente presenti o vogliamo riparare la chiavetta? entrambe le ipotesi  richiedono due approcci diversi. Per recuperare i dati (almeno tentare, se recuperabili) occorre staccare il flash chip e: o inserirlo in un lettore oppure provare a saldarlo su una chiavetta gemella (praticamente introvabile). Altrimenti, per riparare, appurato se il controller funziona o meno, occorre sostituire i chip sperando di trovarli e sperando che il costo del materiale non superi il valore di una chiavetta da 8 giga. Al limite si potrebbe verificare se i chip da 16 o 64 abbiano la stessa piedinatura ed aumentare così la memoria disponibile. Mettiamo in conto anche il valore "emotivo" di una riparazione difficilissima.... priceless.  
Vedremo. Alla prossima

P.S. il gobbo sgobba. Ripeto: il gobbo sgobba. 

lunedì 4 settembre 2017

una conversazione allucinante

Ho rottamato un veicolo giunto a fine vita... più di trent'anni di servizio, più che onorevole, sono tanti, senza nemmeno nel frattempo incorrere in rotture o guasti oggi programmati nei "moderni" veicoli.  
Il mezzo riportava sulle fiancate delle scritte pubblicitarie sulle quali grava l'ennesima imposta, riscossa dal solito ente che si frappone fra l'amministrazione comunale e l'utente cittadino, giusto per foraggiare i soliti approfittatori privati che nella PA vedono una mangiatoia ben foraggiata ma da condividere non certo con gli utenti finali. Come ogni italica complicazione, per far cessare l'imposizione tributaria, occorre avvisare l'ente intermediario e, dato che siamo cittadini 2.0, proviamo a farlo con una procedura telematica che ci permette di risparmiare tempo.... Ovviamente nel paese delle complicazioni assurde ed inutili le sorprese non mancano. 
Ci si collega al sito e si inizia a cercare l'immancabile versione digitale del modulo da trasformare poi in modulo cartaceo per la firma manuale e ri-trasformazione in digitale (di firma digitale nemmeno a sognarsela). Il sito, ovviamente progettato con i piedi, ci porta alla sezione che più sembra adatta allo scopo, raggiunta per intuito e tentativi. Occorre però "registrarsi" e dare dati che francamente sono inutili per espletare la pratica: numero di cellulare (personale), data di nascita assieme al codice fiscale (dato doppio), numero di fax (per chi ce l'ha ancora).. e via dicendo... tutti dati obbligatori (sic!)
Ci si autentica e si inizia ad accedere al portale servizi per gli utenti. A qualsiasi richiesta però ci viene proposto di digitare un "codice utente" ed un "codice di controllo" con l'avvertenza che in mancanza dei quali (mai ovviamente comunicati preventivamente) occorre telefonare alla sede. Assurdo. Senza quei due dati non si può proseguire. Telefoniamo e ci mettiamo in contatto, dopo il filtro IVR, con un'impiegata. 
"Buongiorno, dovrei compilare il modulo di comunicazione cessazione imposta di pubblicità sui veicoli ma il sistema del vostro sito mi chiede codice utente e codice controllo."
"Non servono i codici"
"ma il sistema me li chiede"
"basta che mandi una mail con la targa del veicolo dicendo di aver rimosso le scritte"
"una mail normale? no una PEC?"
"basta che mandi una mail con la targa del veicolo dicendo di aver rimosso le scritte"
"ad onor del vero il veicolo non è più circolante. è stato rottamato, posso inviare il certificato di rottamazione?"
"si, allora mandi una mail con la targa del veicolo. Basta che rimuova le scritte"
"ok ma come faccio a scaricare il modulo richiesto?"
"basta che mandi una mail comunicando la targa del veicolo e dicendo di aver rimosso le scritte"
"grazie, ancora una domanda... come posso ottenere il codice utente ed il codice di controllo per accedere all'area riservata e rettificare i miei dati?"
"no, no, basta una mail con la targa del veicolo dicendo di aver rimosso le scritte"
"Grazie buona giornata"

Ma come li assumono certi dipendenti nel vostro paese? Ed a chi è affidato lo sviluppo dei servizi via web? E' normale che per il login, il campo E-mail sia precompilato con il codice fiscale? E' normale che i documenti in PDF non si riesca a scaricarli? E' normale che per accedere telematicamente sia necessario preventivamente telefonare in orario d'ufficio senza ottenere ciò che è richiesto dall'ente stesso?... NO, non è normale. Non sembra nemmeno normale l'operatrice al telefono, forse un assunzione fra le categorie protette alla voce "malati di mente" o "pappagallo risponditore".
Ed anche oggi l'ennesima rottura di c*glioni accompagnata dall'onnipresente perdita di tempo in un paese che sulla carta è meraviglioso ma sotto sotto... non funziona letteralmente nulla (a parte la riscossione delle tasse ovviamente). Alla prossima

P.S. la vecchia salta il fosso. ripeto: la vecchia salta il fosso. 




giovedì 10 agosto 2017

Ventilatore V6340C parte 2 (riparato - again)

Ed ecco che con il caldo torrido ritorna ciclicamente la mattanza dei ventilatori cinesi. Questo in particolare proviene da una riparazione dell'anno scorso (stesso periodo...ma và?). Stavolta non è il condensatore andato ma il motore. Morto. Dopo aver proceduto con l'apertura dell'apparecchio (già descritta nel post precedente) si procede con l'apertura delle due calotte metalliche del motore, quelle che sorreggono l'asse su cui va avvitata l'elica. 
La causa della morte prematura del motore è immediatamente evidente. Ad una estremità dell'asse si è formata una specie di melma che indurisce la rotazione dell'asse. Asse duro = surriscaldamento del motore. Di conseguenza, raggiunta la temperatura critica, il fusibile interno di protezione, un fusibile termico non ripristinabile, è saltato interrompendo del tutto il circuito per evitare ulteriori e pericolosi surriscaldamenti (Motore Modello R12-1 da 40 Watt Foshan Shunde Rihuang Electric Company ltd.). 
Per eliminare le cause è sufficiente con della paglietta o con della carta vetrata finissima (1000 grit) eliminare la formazione che impedisce lo scorrimento fluido dell'asse nella bussola di supporto (previo ammorbidimento con spray sciogli grasso o solvente). Con uno scovolino si suggerisce di passare anche la bussola di supporto in modo da eliminare totalmente qualsiasi ostacolo. Si rimontano le calotte metalliche (4 dadi, rondelle e viti passanti) non senza prima aver imbevuto i feltrini interni di svitol. Si controlla che meccanicamente sia tutto ok e si procede con la sostituzione del fusibile. 

La sostituzione del fusibile termico, quello in questo motore  è  un fusibile da 130 gradi 2A 250 Volts in sigla T3WC, sostituito con un altro modello da 128 gradi, non è un operazione facile e non è alla portata di tutti. Innanzitutto occorre individuare dove si trova. Di solito è nascosto, racchiuso dentro un tubicino isolante, posto a ridosso di un avvolgimento. 
Inoltre è solitamente tenuto in sede con dello spago imbevuto di resina indurente che serve a fissare stabilmente tutti i componenti interni dello statore (fili, avvolgimenti ecc.). Staccare il tubicino è rischioso in quanto si corre il pericolo di strappare qualche filo sottilissimo degli avvolgimenti (nel qual caso si può buttare tutto). Per sostituirlo con uno nuovo inoltre non si può usare lo stagnatore (scalda...il fusibile è termico...vedi tu). La difficoltà è poi nell'isolare nuovamente i terminali. A motore aperto in fase di costruzione è abbastanza facile, mentre a motore assemblato l'operazione è bestemmiogena. Per ovviare si sostituiscono i tubicini sterling con del nastro Kapton che resiste bene alle alte temperature (niente nastro isolante...il motore comunque scalda un pò, per cui...). 
Fatte queste considerazioni, la sostituzione di un fusibile termico in questo modello è sconsigliata, difficile per un hobbista, a meno che non si voglia rischiare di buttare 2,5 euri per un fusibile termico nuovo e distruggere l'avvolgimento. Sostituire tutto il motore compreso il meccanismo di oscillazione? magari anche si, ma credo si spenda meno ad acquistare un ventilatore nuovo. 
Un ultimo consiglio: per i ventilatori, specie se li si fa andare per tutto il giorno anche se per pochi mesi, è consigliabile prendere quelli in metallo, costano un pò (molto) di più ma sono più robusti e duraturi. Happy repair. Alla prossima. 

P.S. il cammello ha sete, il sentiero è arso. Ripeto: il cammello ha sete, il sentiero è arso. 

venerdì 4 agosto 2017

mala tempora currunt (sed peiora parantur)

mi hanno proposto di Offrire Customer Experience Omnicanale Agevoli... di dar vita a experience, journey e relazioni omnicanale... in Cloud così come On Premise... inbound ed outbound...?????? che caxo vuol dire?

leggi e rileggi, alla fine è chiaro... una sorta di CRM per la gestione delle relazioni azienda - dipendenti - clienti. Una specie di grande fratello con finalità diaboliche, in grado di manipolare la percezione della realtà e cambiarne le cornici. Tipo quando hai un cliente rompicaxi che per certi spin doctor diventa una opportunità per pigliarlo per i fondelli cambiando il significato delle parole e riportarlo sui binari della fedeltà felice ed assoluta all'azienda del male. Ciò vale anche per i dipendenti che devono coalizzarsi per il bene dell'azienda attraverso percorsi di "team building" ovvero gioco di squadra che in parole povere significa: ubbidisci altrimenti sei fuori. 

Le grandi aziende si affidano a certi servizi per entrare direttamente nella tua vita, appropriandosi la tua libertà di pensare con la tua testa (ammesso che ci sia ancora qualcuno in grado di farlo) e soffocando la possibilità di scegliere sulla base di proprie mappe mentali (le esperienze passate), faticosamente costruite man mano che si invecchia. Le esperienze passate, quelle negative, vengono ridipinte, rielaborate, ricostruite attraverso dei processi comunicativi pianificati su base scientifica. I vecchi commerciali o capi reparto non esistono quasi più, sostituiti da dottorini onniscenti che agiscono direttamente sull'inconscio dell'individuo. Luminosi managers del nuovo millennio, dallo stipendio di giada. Ciò che riescono a fare è devastante: riescono a fare in modo che sia il cliente stesso (o dipendente o comunque loro "subalterno) a prendere una decisione che pare autonoma ma in realtà è abilmente indotta. In due parole ci pigliano per il culo e ci portano pure ad una convinzione/decisione apparentemente autonoma. Nessuno su questo pianeta andrà mai contro una decisione che è convinto sia stata elaborata da sè, è ovvio. Il nostro cervello tende a darci ragione e raramente ci contraddice (fatti salvi i casi di malattia mentale). 
Per cui ci troviamo in una società di persone "convinte" di quello che fanno e guai a contraddirli. Facciamo un esempio per capirci: provate a criticare un acquisto dell'ultimo smart phone... verrete molto probabilmente sommersi da un interminabile sequenza di motivazioni positive che in realtà sono solo una ripetizione a pappagallo di ciò che l'azienda è riuscita a vendere... un incubo mascherato da sogno. Un incubo in quanto il modello acquistato con tenace "autoconvinzione" in realtà è uno spyware, che fa a pezzi la tua privacy, registrando tutte, ripeto, tutte le tue mosse, spostamenti, conversazioni, preferenze, ecc, ecc... rivendute poi a chi ha interesse a proseguire la manipolazione e vendere qualcos'altro, merci, beni o servizi che siano... marketing mirato. Per apparire alla moda hai abdicato al tuo ruolo di individuo senziente.

Provate ancora a far notare che la totale dedizione all'azienda per cui lavorano sta mangiando loro il tempo libero, gli affetti, l'individualità, in cambio di pochi spiccioli..... guai a farlo. L'azienda che li schiavizza verrà descritta come l'azienda migliore del mondo, attenta alle esigenze dei propri collaboratori, generosa e meritoria di riconoscenza. I più intelligenti diranno "si, ma sono costretto a farlo" ma su questo meglio non approfondire troppo. 

Abbiamo creato una società di zombies! dopo aver fatto sprofondare nell'ignoranza la maggior parte di loro per isolarli da una sparuta minoranza di "dotti", è partita la fase due: menti fragili (per alcuni tabula rasa) da sfruttare sia come manodopera che come consumatori. E le grandi aziende ringraziano, comprendendo non solo gli azionisti cornuti col macchinone e la barca, ma anche il seguito di mogli vaccone in pelliccia ed occhialoni, col SUV e cagnolino rabbioso, i figli viziati, le figlie troie e drogate, sino ai soliti leccaculo che quest'ultimi non mancano mai... ZECCHE!
  
Ora, pensiamoci un attimo, prendiamoci il tempo per farlo. Abbiamo scampo a questo male endemico? Possiamo evitare di farci prendere per i fondelli? davvero vogliamo omologarci al resto del mondo in nome di un concetto di benessere indotto e descritto da altri che non è certo ottimale per condurre l'unica vita che abbiamo?

Io una risposta ce l'ho ma è la MIA risposta. devi solo trovare la tua, diversamente umano. Alla prossima, ma anche no.

P.S. Erminio è assai grato. Il portone è socchiuso. Ripeto: Erminio è assai grato. Il portone è socchiuso.

martedì 25 luglio 2017

Controllare la pressione della pompa macchina caffè

Il caffè rientra fra i diritti fondamentali dell'uomo, assieme agli altri ma senza riconoscimento ufficiale (ipse dixit). Ragion per cui, se per un motivo qualsiasi la macchinetta del caffè espresso che troneggia in cucina smette di funzionare... no... l'eventualità non è contemplata, la macchinetta del caffè è come un dispositivo salvavita e ne va garantito il funzionamento. 
Per i più intraprendenti, previo consenso dell'amministratore delegato che scettico concede al manutentore di casa il permesso di intervenire, è riservato il sacro compito di armarsi di attrezzi  e procedere con la riparazione urgente. 
Fra i difetti maggiormente riscontrati nelle macchinette per il caffè espresso possiamo elencare:
  • perdite di acqua 
  • gocciolii e stillicidi
  • mancanza di pressione
  • rumori strani e vibrazioni inusuali
  • altri strani sintomi solvibili solo con uno sciamano 
Più in generale quindi o perdite di acqua o pressione in calo. 
Per la pressione (fornita da una pompa elettrica) occorre innanzitutto assicurarsi che tutti i percorsi siano liberi da calcare che, in alcune zone con l'acqua particolarmente calcarea, provoca dei veri e propri ostacoli con incrostazioni "facilmente" rimovibili grazie ad appositi prodotti principalmente a base di acido citrico (o più drasticamente con l'apertura della caldaia). 
Per assicurarsi se l'acqua scorre a vuoto in modo fluido e la pompa funziona, è sufficiente staccare il tubicino di mandata (in uscita), direzionarlo in un contenitore ed azionare il pulsante di erogazione. In questo modo si esclude il problema di malfunzionamento dovuto al calcare (flusso d'acqua insufficiente) o alla bobina della pompa (quando proprio non parte). 
Tuttavia, può verificarsi un problema intermedio. La pompa, a vuoto eroga acqua (bobina integra), sembra funzionante, ma sotto carico la pompa non ce la fa proprio a far uscire caffè dall'erogatore che dovrà però essere caricato con la polvere "giusta" (non macinata troppo finemente). 
A questo punto il problema può risiedere nelle membrane usurate della pompa che va sostituita. Ma c'è un modo più rapido per individuare da subito quest'ultimo problema senza dover perdere tempo a sezionare, pulire, decalcificare, smontare, rimontare, scaldare e provare a fare un caffè con conseguente spreco del sacro macinato?
Per misurare se una pompa funziona o meno entro i parametri di costruzione, occorre ovviamente conoscerli. A quale pressione deve essere l'acqua in uscita da una pompa normalmente installata in una macchinetta del caffè per uso domestico? Sembra che il valore più gettonato si aggiri attorno ai 4 bar ma è sempre bene cercare di conoscere il valore del modello in possesso, magari rompendo le balle a qualche centro di assistenza o, perchè no? direttamente al produttore. 4 bar valgono per la pompa, non per il vapore che è generato all'interno della caldaia ed esce direttamente dal beccuccio del cappuccino. 
Ma... dove deve essere misurata la pressione? appena dopo la pompa o dopo la caldaia? Dipende da cosa si vuol provare. Se si desidera testare solo la pompa, occorre collegare in uscita un manometro per liquidi, costruendo un adattatore che assicuri la tenuta in pressione (no perdite). Si aziona la pompa con il pescaggio nel serbatoio principale e si misura. Semplice. 
E' ovvio che l'auto costruzione di strumento simile è giustificato solo per chi abitualmente effettua riparazioni. Per chi invece si ritrova con il problema (statisticamente probabile ogni tre o 4 anni di uso intenso se la manutenzione periodica viene effettuata) e decide di far da sè, occasionalmente, c'è qualche alternativa? Forse sì, ma è un metodo meno preciso e che andrebbe tarato con una pompetta sicuramente funzionante. Basta costruirsi un sifone trasparente, un tubicino di gomma piegato ad U fissato su una scala graduata (del legno compensato), riempito parzialmente di acqua e chiuso nell'estremità opposta all'estremità che va alla mandata della pompa. La pompa comprime l'aria residua all'interno del tubicino tanto quanto sarà in grado di farlo. Ci si segna con un pennarello il livello a zero pressione, poi il livello con una pompa funzionante e si prova la pompa oggetto di misura. Se si nota una grande differenza, allora la pompa è da sostituire, altrimenti il difetto va cercato altrove. Un minimo di intelligenza, ingegno e manualità fanno il resto (tutte qualità che a me mancano). Alla prossima

P.S. il fiume è in piena e c'è siccità. Ripeto: il fiume è in piena e c'è siccità.

mercoledì 19 luglio 2017

conversione all'islam

Se mai mi convertirò all'islam, il mio nome sarà:

agif al aviv

tanto in arabo si legge al contrario.


una strana "convenzione"

Oggi al cellulare (!!) mi ha contattato una signorina con una proposta "allettante". Lei mi manda i clienti ed io garantisco a loro uno sconto. Ovviamente il "servizio" ha un costo di qualche centinaio di euro all'anno. mmm... puzza di bruciato. Una rapida googlata per leggere le opinioni di chi ha aderito e si apprende che in tre anni nessun cliente si  è presentato allo studio professionale convenzionato, quindi apparentemente sono soldi buttati come quelli per certe pubblicità inefficaci. In teoria dovrebbe essere il "servizio" a veicolare i clienti verso la mia attività. Sembra però che il "come" vengano veicolati i clienti potenziali sia un tantino poco efficace. Una personal page nel loro portale, un indirizzo mail "personalizzato"... una consulenza gratuita sul come fare... nulla di più a quanto pare. Una cosa simile a grupòn per capirci ma a pagamento fisso annuale e non a percentuale. La consulenza fornita poi è offerta per insegnare al cliente come farsi pubblicità da solo... ma allora cosa li pago a fare? per una mail ed una paginetta sul web? 

Ma il problema non è questo.  E' il concetto generale che non va. Dovrei pagare qualcuno ed in più garantire uno sconto se tizio si presenta con la loro tesserina! pagare due volte insomma. 

Nel mondo professionale (i liberi professionisti con ritenuta di acconto) in realtà la cosa ci può stare. Si pompa il preventivo della stessa percentuale dello sconto e gli argomenti usati per giustificare la parcella si sa sono infiniti, compresi quelli che fanno leva sulla necessità e sulla paura... è solo marketing in fin dei conti. Ma se pago loro, del marketing dovrebbero occuparsi loro non il professionista. In pratica si delega a terzi l'attività di procacciamento clienti, attività che se fatta in proprio comunque comporta un costo. Per attività di "procacciamento" si intende tutto ciò che si fa per convincere preventivamente il cliente, il quale si presenta dal professionista già pronto a firmare l'incarico senza ulteriori attività. Allora si, se fosse così sarei ben felice di pagare qualcuno che si configura come il mio "commerciale" di riferimento, ma di sicuro lo pagherei a percentuale sul venduto, non certo con un fisso annuale.  Tutto il resto è solo fuffa per raccattare dati e soldi. 

Giusto per fare un esempio, tempo fa io ed alcuni amici ci siamo recati in un ristorante egiziano, con tanto di mega sconto grupòn. Abbiamo mangiato benissimo, ci siamo pure divertiti ... ma... ci tornerei? sicuramente sì... se trovo un altra offerta con uno sconto simile o superiore. Altrimenti no! Consiglierei ad altri il ristorante? Magari anche sì, suggerendo però di aspettare un coupon sconto che renda più appetibile la spesa (ma la crisi fa già questo).
Per me grupòn non funziona per gli esercenti,. E per me, è mia opinione, non funzionano nemmeno le tesserine per la convenzione da pagare due volte (fisso annuale più sconto).

C'è poi un altro aspetto da vedere. Un professionista, che sia avvocato, dentista, asrchitetto ecc.ecc. che si presenta sul mercato con lo sconto è in realtà un perdente stafallito. Lo sconto denigra il decoro ed il prestigio della professione e del professionista. Lo sconto annichilisce la professionalità in quanto il motivo per cui il cliente si rivolge al professionista è solo economico non certo legato alla "bravura" od alla professionalità.

Devo dire che la telefonata ricevuta senza preventivo consenso in violazione della mia privacy non si è nemmeno protratta a lungo. appena compreso il contenuto dell'offerta la mia risata è stata sufficiente per inibire qualsiasi ulteriore insistenza e l'operatrice (poco preparata e poco professionale) ha preferito tagliare corto e troncare la conversazione. Grazie. Numero in black list. Alla prossima. 

P.S. l'azienda non ha amici, solo clienti. Ripeto: l'azienda non ha amici, solo clienti.

giovedì 29 giugno 2017

Trapano PT Tool mod.CD006 (riparazione parte 2 - sostituzione motore)

Non male, davvero. Ero rassegnato a buttare l'avvitatore ma alla fine... riparabile. Avevamo visto nel post precedente il problema. Motore praticamente andato, da sostituire. Sorprendentemente, dalle centinaia di motorini salvati dalla pulizia periodica, ne trovo uno che forse fa al caso, stesse dimensioni, stesso voltaggio, stesso passo delle viti di fissaggio... un quasi miracolo (o frutto della standardizzazione di massa nella produzione cinese). Ma andiamo con ordine. 
Per smontare l'avvitatore si procede con togliere le otto viti nere con testa a croce, a vista, poste tutto attorno all'avvitatore. Nessuna vite nascosta sotto le etichette o sotto i tappini di gomma. 
L'apertura è immediata, non ci sono clips di aggancio, o saldature ad ultrasuoni o adesivi o altre trappole bastarde. 
Si toglie il motore, solidale al riduttore planetario e mandrino, trascinando anche il pulsante regolatore di velocità (con la levetta per la rotazione reverse) ed i contatti batteria, un unico blocco. Occorre in questa fase ricordarsi di segnare con un pennarello rosso indelebile la posizione dei contatti della batteria (filo rosso positivo, filo nero negativo) che dovranno poi essere rimontati correttamente senza invertire la polarità e rischiare di bruciare il regolatore di velocità. 
Si staccano i fili nel retro del motorino in modo da maneggiare meglio il corpo motore / riduttore / mandrino che dovrà essere smontato. Il motorino infatti è avvitato internamente con due viti di acciaio e per toglierlo occorre preventivamente aprire il coperchio del riduttore svitando le tre viti nere con testa a croce. Fare molta attenzione ai tre ingranaggi nei quali si infila il perno del motore. Un pò d'olio e grasso dovrebbero tenere "incollato" il tutto ma la precauzione è d'obbligo, giusto per evitare di rimontare gli ingranaggi nella stessa sequenza o dover cercare a pavimento le rotelline che magicamente si infilano sempre nei posti meno accessibili e più impensabili. 
Ora viene il bello. Sicuramente il motorino di recupero non avrà l'ingranaggio giusto montato nel perno. Quello che ho usato io aveva una puleggia per il trascinamento di una cinghia di un carrello di stampa di una stampante HP a getto di inchiostro. Essendo di plastica, per toglierla è bastata un cacciavite piatto. L'ingranaggio da recuperare dal motorino bruciato è invece metallico (per fortuna almeno non è di plastichetta), infilato a pressione. Occorre sfilarlo. Moooolto tempo fa avevo acquistato un estrattore di ruote per modellismo. Saggia decisione, anche se non ho la passione per le automobiline... purtroppo in questo caso e per questo utilizzo, ho dovuto modificarlo un pò in quanto il perno del motore non passava nell'alloggiamento dell'estrattore. 
Con una punta diamantata ho allargato lo slot ed alla fine sono riuscito ad estrarre l'ingranaggio. Per installarlo nel perno del nuovo motorino? Morsa in metallo (di quelle ad apertura generosa) e un pò di manualità. Alla fine l'ingranaggio ha trovato posto nel nuovo motorino ... il 90% del lavoro svolto. 
Si rimonta il tutto (non è difficile) cercando di seguire i segni (il riduttore entra bene solo in una posizione) e si prova. Se tutto è andato per il verso giusto, l'avvitatore riprende a funzionare come prima. Ora, alcune considerazioni:
Il motore. Quello originale riporta le seguenti sigle: HRS-550S-7521F DC 12V HONG YANG (modello - tensione di lavoro - produttore).  E' un motorino che si trova in commercio a circa 10 sterline (https://gimsonrobotics.co.uk/categories/dc-electric-motors/products/hrs-550s-dc-36mm-motor-12v-and-18v-versions) descritto come "high-powered brushed DC electric motor is of a '550' can size, typical to many cordless tools and remote control cars. Maximum efficiency power output can exceed 80W and peak power output is hundreds of watts from a motor only 36mm in diameter. " già pronto con l'ingranaggio a 9 o 15 denti oppure su ebai http://www.ebay.com/itm/RS-550-Motor-18-volt-12-24-v-DC-20k-RPM-High-Torque-Drill-Robot-Saw-Electric-/221686274208 a 16 dollari circa... un miracolo. L'ampia offerta di ricambi ci suggerisce che in realtà è probabile che si brucino più spesso di quanto si pensi.
Quello di recupero invece riporta le sigle: C8108-60062 - TN821803 - made in china (codice parte HP - modello (forse) - luogo di produzione). L'unica cosa in comune è la tensione di lavoro, 12 volts. Oltre a questa si rileva la stessa disposizione / dimensione dei fori di fissaggio. Quello di ricambio è leggermente più lungo (1 millimetro) ed il perno è passante (esce da entrambe la parti) e va oltre l'altezza dei due contatti... meglio così, meno complicazioni nell'infilare a pressione l'ingranaggio nella morsa. Inoltre il motorino nuovo non ha fori di ventilazione ed apparentemente nemmeno una ventolina che si intravede nel modello bruciato. E' certo che il motorino di trascinamento di un carrello di stampa non è progettato per un uso "pesante". Forse quest'ultima differenza lo renderà puù soggetto a riscaldamenti o forse i motorini di quelle dimensioni sono tutti uguali.
In realtà il motorino della stampante non va bene, è troppo lento e non ha la stessa coppia di quello originale...peccato.

Il regolatore di velocità è tutto racchiuso e l'unico componente che lascia intravedere è un integrato della ST Microelectronix (P60NS04Z N-CHANNEL CLAMPED 10 Mohm - 60A TO-220 FULLY PROTECTED MESH OVERLAY MOSFET ) montato du un dissipatore di alluminio. Dato che funziona non cercheremo di decodificare lo schema.  
Per finire... che dire? mi ritrovo con l'avvitatore in attesa di ricambio, ho alleggerito la discarica, mi sono pure divertito... satisfaction level 100%....per ora Alla prossima.

P.S. Come primo, brodo di giuggiole. Ripeto: Come primo, brodo di giuggiole.

mercoledì 28 giugno 2017

Trapano PT Tool mod.CD006 (riparazione parte 1 - prologo)

Avevo già affrontato l'argomento per questo trapano a batteria (parte1 parte2), in occasione dell'acquisto iper scontatissimo e conseguente sorpresa delle batterie da giocattolo rinvenute nel pacco e prontamente sostituite.
Oggi mi sono offerto di tinteggiare il locale caldaia dell'amico che mi ospita agratis, quando devo purtroppo venire nel vostro paesucolo delle banane, popolato da zombie, scimmie ed unani. Mi pare il minimo dare una mano e ricambiare, dato che entrambi odiamo i soldi e fosse per noi le banche ladrone nemmeno esisterebbero. Comunque... recuperato con un baratto soddisfacente 4 litri di tinta bianca (anti umidità ovviamente), devo mescolarla a dovere prima di diluirla. Deve essere rimasta a lungo stoccata da qualche parte, depositando sul fondo la parte solida ed in superficie quel  liquido che nemmeno voglio sapere per ora cos'è e quali schifezze chimiche contiene.  Recupero il mescolatore (un asta con le pale ritorte a vite) e lo attacco al trapano avvitatore. Per un pò nessun problema. Dopo nemmeno un minuto il trapano cala di giri improvvisamente e dopo 5 secondi esce un fumo bianco e puzzolente da plastica bruciata... oi oi.... è andato qualcosa. Porto il trapano in laboratorio ed inizia la dissezione immediata. Devo sapere se è il regolatore di velocità o il motore ad avere problemi. Qualche vite da togliere, nulla di complicato, ed i due gusci in plastica si separano. Provo ad avviarlo ed il problema è immediatamente evidente... le spazzole sfiammano da matti, forse l'avvolgimento è in corto (uno soltanto) o forse sono proprio le spazzole troppo consumate. Ad ogni modo il motore è da sostituire in quanto non è prevista la sostituzione delle spazzole e non si può nemmeno aprire per l'ispezione interna (ma lo aprirò lo stesso, per ripicca ovviamente).
Il motore non dovrebbe essere difficile da reperire, se ne vale la pena ovviamente. Dovrei averne uno di dimensioni simili recuperato da una vecchia accapì ink jet (il motore del carrello orizzontale), magari riesco ad adattarlo e spendere zero! vedremo. Riprendo il lavoro a manina e tinteggio il locale sino ad esaurimento della tinta (che non basta mai). Ora sono sudato fradicio, sono stanco, mi duole la schiena... doccia e poi un pò di riposo. Alla prossima.

P.S. Il pozzo è secco. Ripeto: Il pozzo è secco.

venerdì 23 giugno 2017

Una pila fuori norma

Una pila presa da chissà chi e chissà dove, ricaricabile ed a led. Sembra un buon acquisto, complice forse il suo costo appetibile. Una levetta posta sul fondo, fa uscire dall'impugnatura lo spinotto per inserire la pila direttamente nella presa di corrente per la ricarica, così almeno non si deve riporre da qualche parte quei maledettissimi alimentatori da muro che alla fine non ci si ricorda nemmeno a cosa servono tanto si perdono tra i cassetti e gli anfratti di casa... sempre che ci si ricordi dove sono stati appoggiati.  
Stamane decido di rimettere in carica la pila. Dopo nemmeno un minuto, nonostante l'udito mi stia abbandonando e nonostante il concerto di motoseghe, decespugliatori, rasaerba e tagliasiepi degli schifosissimi vicini che preferiscono ovviamente i motori a scoppio (sembra di stare all'aeroporto tanta è la puzza di gas di scarico), sento un rumore di qualcosa che "frigge" ed il pensiero va alla pila. Fortuna che ero in zona ed ho evitato un sicuro principio di incendio.... la pila è ovviamente andata. Per aprirla basta svitare la ghiera che regge la plastichetta frontale ed una vitina posta in prossimità dello spinotto di alimentazione (coperta dall'etichetta "Quality Control"... si si certo certo). Dentro...una delusione totale. Un circuito minimalissimo, un riduttore a reattanza capacitiva, il solito ponte di diodi, un led rosso e una batteria...tutto rigorosamente senza alcuna sigla, nessun marchio CE... tipica fattura cinese di bassisima qualità, basetta in bakelite, componenti sottodimensionati, plastichetta fragilissima... costo al rivenditore? non credo più di qualche centesimo (di più è una truffa).
Brontolii a parte, orami siamo abituati a riconoscere a occhio la qualità di certi prodotti, mi chiedo come sia possibile permettere a qualche commerciante di commercializzare certi prodotti, tra l'altro palesemente fuori norma. Forse nessuno controlla le importazioni o le controlla male, o intasca qualche mazzetta per girarsi dall'altra parte.. a pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca. 
Lo spinotto che si infila nella presa di corrente è privo della parte isolata tipica delle spine a norma. Per inserire la spina nella presa, occorre tenere pigiata la levetta che la fa uscire, costringendo le dita a stare a pochi millimetri dalle parti in tensione (230V scossa assicurata). Il circuito all'interno poi non prevede alcuna limitazione di corrente per la ricarica.... il rischio di rovinare la batteria è concreto e certo, specie se la si dimentica in carica (come quasi sempre accade) o come in questo caso si cerca di ricaricare la batteria quasi del tutto scarica (assorbe troppo e i componenti dimensionati per una ricarica meno aggressiva letteralmente si surriscaldano con pericolo di incendio). Un oggetto pericoloso e decisamente fuori norma. 
Anche se non sono io l'acquirente, so di certo dove è stata acquistata. Presso un piccolo supermercato oggi chiuso per fallimento. Strano... con certi ricarichi, fallire è matematicamente impossibile. Forse il titolare è proprio un deficiente, ne avevo il sospetto anche per altre ragioni che solo per pietà preferisco non elencare. Di questo ciottolone recuperiamo solo i led bianchi (per il fanale di una bicicletta), il mini led rosso (che ne ho orami una tonnellata)... il resto è tutto da buttare, purtroppo.
alla prossima, ma anche no.

P.S. gigi ha il cappello verde. Ripeto: gigi ha il cappello verde.

venerdì 9 giugno 2017

Il miracolo e lo sfigato

Per una visita periodica devo recarmi all'ospedale, uno dei tanti del vostro paese delle banane, fra scimmie, zombie ed unani, medici esauriti ed infermiere incazzate. Il parcheggio è enorme e per trovare posto devo lasciare l'auto a quasi un kilometro dall'ingresso, ovviamente al sole che sembra esista una tassa anche sull'ombra. Nessun problema, che sarà mai? due passi mi faranno sicuramente bene e non ho programmato una visita ortopedica, posso camminare è una bella giornata di sole e l'aria è anche frizzantina. Purtroppo non posso recarmici in bici in quanto sono sicuro che a lasciarla legata da qualche parte... all'uscita non c'è speranza di ritrovarla. Mi incammino con passo tranquillo ma il tragitto pedonale è una specie di incubo: 
Zingari che chiedono l'elemosina (puntualmente prelevati a fine giornata da lussuosissime mercedes.
Testimoni di geova sempre attivi per vendere libri o convincerti che la fine del mondo è vicina (senza rendersi conto che il mondo civile è già terminato da mò).
Tossici e tossiche (spesso "ragazze madri"...poverine) sempre a caccia di spiccioli (ma ultimamente chiedono anche 5 o 10 euro) che poi te li ritrovi al bar a fare una colazione che manco te la puoi permettere.
All'interno una schiera di bigotte attempate (oops..."volontarie") che in cambio dell'acquisto di una piantina ti chiedono soldi oppure più direttamente un contributo per l'africa, per il cancro, per la malattia rara, per l'ospedale in india, per l'acquisto dell'ambulanza (privata), per l'ennesima onlus nella quale i solidi "dirigenti" si fanno belli nei salotti buoni (quelli dove tu povero mortale nemmeno puoi entrare), mentre i soldi raccolti vengono spartiti in mille rivoli di "rimborsi spese" tanto da lasciare solo gli spiccioli alle finalità di raccolta. A tutti rigorosamente ho smesso da tempo di dare soldi. Pago le tasse ed una parte di esse è destinata per il sociale. Andate a chiederli a chi se li mette in tasca e se li ruba per se, non a me. 
Terminata la commissione (tre ore di attesa per 3 minuti di visita) esco e... come per magia tutti i questuanti sono scomparsi... zingari, bigotte e tossici... puff... spariti!. Oddio... che è successo? una cosa straordinaria! Un evento che si ripete con ciclicità pari al passaggio della cometa di Halley. Sono passati i Vigili!
Sembra un paradiso, sembra quasi la svizzera non fosse per la sporcizia rimasta. Oltre ai questuanti svaniti... nessun'auto in divieto di sosta! Sembra magicamente siano scomparsi d'incanto i motivi che spingono decine e decine di automobilisti (tutti con difficoltà deambulatorie, pare) a parcheggiare davanti all'ingresso nei posti riservati ai taxi o all'autobus.
Magicamente all'ospedale non c'è più nemmeno un disabile, tanto i parcheggi a loro riservati sono tutti liberi!! Tutti!!! Sono tutti guariti! Miracolooooo!!
Anche le aree non adibite a parcheggio ma vicine all'ingresso sono miracolosamente sgombre! No dai non è possibile! non ci credo!! 
Infatti, cento metri più in là... uno sfigato... l'unico pirla che non ha avuto la prontezza di togliere l'auto davanti la rastrelliera delle biciclette. La rastrelliera è lunga una ventina di metri, perennemente occupata dalle auto (impossibile utilizzarla). Ogni volta che ci passo davanti mi metto a brontolare contro gli automobilisti incivili, contro quelli che pretendono il parcheggio nel punto più vicino all'ingresso.... proprio di fare due passi nemmeno a parlarne o meglio si cerca di farne il meno possibile...pigrizia fatta persona.  Stavolta mi fermo un paio di minuti, ad ammirare la scena con lo stato d'animo di chi si rende conto che visioni del genere non si vedono spesso nella vita. Osservo la multa infilata sotto il tergicristallo, con un sadico sogghigno del "ben ti stà" o "dovevano fartene di più di multe!", con la misera soddisfazione di chi in tantissimi anni si vanta di non averne mai presa nemmeno una. 
Terminata la riflessione ed il momento di rilassamento, conscio che la "giustizia" a volte si manifesta, anche se raramente, troppo raramente, mi incammino verso la mia vettura, sperando nessuna abbia spaccato i finestrini, rigato o ammaccato la carrozzeria...l'auto ha 25 anni ma vorrei conservarla integra ancora per un pò. Per il piccolo miracolo non mi faccio illusioni... tempo 15 minuti e la situazione torna esattamente come prima. Proprio non imparerete mai, siete senza speranza. Alla prossima, ma anche no.

P.S. La vecchia salta e il medico è biondo. Ripeto: La vecchia salta e il medico è biondo.

Recuperare avanzi di rete per zanzariere

Sembra che a nessuno sia mai venuto in mente in quanto su gùgol non si trovano indicazioni al riguardo. Qualche anno fa mi sono costruito un telaietto di legno per la finestra dell'ufficio. Dal ferramenta ladro e bugiardo, ho acquistato una rete per zanzariere con il sistema "attacca e stacca", in pratica una striscia adesiva tipo Velcro su cui fissare la rete in modo che la si possa rimuovere al bisogno ma che resti ben salda al suo posto. Le misure della rete ovviamente non sono mai quelle delle finestre, per cui inevitabilmente qualche pezzo avanza, complice anche il solito commerciante di turno che tende a vendere quantità esageratamente superiori al necessario, convinto che tanto ciò che avanza lo si butta (tanto il costo indiretto dei rifiuti è sul groppone di tutti).
Messo da parte gli scampoli avanzati per calmare l'indole ecologista, in questi giorni mi sono cimentato a costruire i telai anche per delle altre finestre, così almeno d'estate posso tenere tutto spalancato e ricambiare l'aria senza essere costretto a fare il bagno nell'autan o respirare il fumo delle spirali antizanzare (e si fottano quelli dei climatizzatori)... così risparmio sia in corrente elettrica che nella spesa necessaria all'acquisto di altre reti inevitabilmente fuori misura che a loro volta producono altri rifiuti e così via.
Ma... ho un problemino. Gli scampoli avanzati sono più piccoli del necessario. Come si può fare per unirli ed ottenere una rete più ampia? Teniamo conto che stiamo parlando di retina di plastica o peggio in "fibra di vetro" (così almeno la spaccia il pusher del negozio) comunque non metallica.
Valutiano diversi metodi:
Nastro adesivo: si creano inestetismi inaccettabili che tanto fanno l' effetto "profugo scampato dalla guerra". Inoltre col sole o con la pioggia il nastro tende a perdere le proprietà adesive e rovinarsi tanto da costringere frequentemente alla sostituzione periodica.
Colla: quella a contatto con solvente sembrerebbe la più adatta. Purtroppo la retina, per quanto fitta, non crea sufficiente area di adesione, lasciando nel contempo nei forellini dell'adesivo che inevitabilmente catturerà insetti e pulviscolo. Epossidica bicomponente? naaa, difficile da applicare senza sbavare ovunque. Silicone? naaa, col tempo, il sole e le intemperie, perde le sue proprietà. 
Ultrasuoni: sarebbe perfetto, almeno per le retine di plastica, ma... chi ha in casa una saldatrice ad ultrasuoni? Io... solo che si è rotta e non ne vuol sapere di ripartire... è in attesa di riparazione.
Termosaldatura: stesso discorso del punto precedente. Si può pensare in alternativa alle macchinette sigilla sacchetti ma hanno un area riscaldata troppo stretta, per cui saldare assieme dei pezzi grandi è quasi impossibile a meno di non fare una saldatura che genera una protuberanza inestetica rispetto alla termosaldatura di testa. La retina inoltre è troppo sottile, o si taglia o non si salda...trovare il tempo giusto è un impresa da perderci giornate intere così come fondere in modo uniforme un area ampia.
Cucitura: temo che possa risultare, a lungo andare, poco efficace, a meno di non usare del filo di nylon molto sottile, tipo la bava da pesca. Non nuoce tentare (avendo una macchina per cucire, meglio se di tipo industriale).
telaio zanzariera fai da te
Telaio su misura: Un telaio con delle assicelle sottili di legno (5X25mm) e dei rinforzi angolari di compensato. Colla per legno e graffette metalliche (spara punti) riescono ad irrobustire la struttura in modo egregio, più che soddisfacente. All'interno del perimetro si creano delle "finestrelle" della misura giusta per gli scampoli di telo. Per i punti di giunzione si usa del compensato tagliato a "T", a "L" o a croce (dipende dalla disposizione). Con un pò di manualità si riesce pure a dare un aspetto "artistico" al prodotto finito, magari anche con delle pezze di diverse tonalità (nero, grigio e bianco). Il tutto può essere fissato a muro con delle "L" di alluminio tagliato a misura e forato. Verniciare il tutto con vernice all'acqua resistente alle intemperie (3 mani). Per fissare il telo al telaio bastano delle semplicissime puntine da disegno. Lasciare sbordare il telo dal telaio crea una barriera per formiche ed insetti striscianti e compensa la tolleranza dimensionale del telaio rispetto al muro (altrimenti non entra). Al posto delle assicelle di legno, vanno bene anche le canalette rettangolari di plastica per i fili elettrici, quelle col coperchio, tenute assieme inserendo negli angoli dei rinforzi di lamiera o compensato (anche se esteticamente il tutto, esteticamente, è bruttino). 

Ho optato per quest'ultima soluzione, la più semplice ovviamente, anche se richiede un pò di più tempo per la realizzazione. Costa di più? Dipende. Le assicelle di legno le ho recuperate da un divisorio per rampicanti in procinto di essere rottamato alla discarica e sapientemente intercettato. Il telo è quello avanzato. Colla, vernice al'acqua, puntine da disegno e graffette.... facciamo un euro per 5 zanzariere? lo so è ancora troppo, si può fare di meglio. 
Alla prossima... ma anche no.

P.S. L'aria al tramonto è più fresca. Ripeto: L'aria al tramonto è più fresca.

giovedì 8 giugno 2017

Il mio capo è una m*rda!

Sì, licenziami pure, insultami, mobbizzami, isolami, vessami, umiliami, tanto ho la scorza più dura del diamante.... ma tu comunque resti proprio una m*rda di persona o una persona di m*rda, scegli pure. Stai abusando del mio tempo in cambio di una paga da terzo mondo. Valgo di più, sicuramente molto più di te che misuri il valore delle persone in base al loro reddito. E sia chiaro...non me ne vado, sono troppo utile ai tuoi concorrenti nella posizione dove mi hai messo. Preferisco farti fallire per conto terzi, a te ed a tutte quelle m*rde che quotidianamente parcheggiano il loro naso fra le tue chiappe flaccide per soddisfare il tuo smisurato e sadico desiderio di apparire e comandare. Pensavi che mettermi a contare le fotocopie fosse innoquo per la tua attività? già... persino il tuo fotocopiatore è insicuro per la tua infrastruttura di rete. Pensavi che farmi pulire gli apparecchi telefonici fosse una lezione? già, anche i tuoi telefoni IP sono privi di protezione dalle intrusioni telematiche. Pensavi che farmi svuotare i cestini della spazzatura mi servisse a capire chi comanda? già, grave errore farmi avvicinare ai PC sulla scrivanie. Pensavi che quel leccachiulo del tuo nuovo responsabile IT, laureato e certificato, fosse un genio? già, il genio delle password a 4 caratteri e con uno strano senso della sicurezza informatica. Per me le cose ora sono molto più facili, grazie. 
In realtà la lezione la imparerai tu, forse. MAI e poi mai andare in conflitto con programmatori e sistemisti. Siamo tantissimi, non dimentichiamo e non perdoniamo. 
Licenziami pure, m*rda di una m*rda che non sei altro, tanto ti tengo in pugno ed oramai per te è troppo tardi per correre ai ripari... corri forrest, corriiiii...

P.S. il lupo è tornato. Ripeto: il lupo è tornato. 
P.P.S... dallo sfogo di un anonimo

giovedì 1 giugno 2017

Sottotitolo del titolo

Qualcuno ha osato chiedermi il perchè della descrizione posta al top di questo personalissimo diario sporadico, ipotecnologico, impreciso, pressapochista, inutile e minimalista. Già, ma perchè dovrei rispondere? Per buona educazione? Ok, quando avrò percezione che la buona educazione prenderà il sopravvento al malcostume generale, quando vedrò che le persone inizieranno a dare il buon esempio piuttosto che emulare gli altri solo per sentirsi parte di un branco (di m*rda ma sempre branco è), forse allora risponderò. 
Unicamente per mio promemoria e non apparire come "gli altri", posso solo dire che il diario è:
sporadico: pubblico a caxo ciò che mi passa per la testa, senza l'ansia in salsa social di pubblicare qualcosa a cadenze periodiche per il sollazzo degli altri e guadagnare così quella visibilità che non voglio per scelta o considerazione che non mi serve.
ipotecnologico: quello che faccio è ciò che è alla portata di un povero tecnico senza attrezzatura e senza strumentazione... ci si arrangia con ciò che si ha.
impreciso: perchè non bado molto alla forma e non rileggo ciò che scrivo. Del resto so riconoscere i miei errori, io.
pressapochista: non mi piacciono le disquisizioni accademico/teoriche che servono solo a certi dottoroni che si masturbano con le parole solo per nascondere la loro pochezza.
inutile: già, non si trova traccia di cose utili qui.
minimalista: via fronzoli ed orpelli, via le parole chiave in logica SEO, via ai criteri che servono solo alla vanità personale. Semplificare è il criterio ed ai sempliciotti che non capiscono... vaffanchiulo.

Il resto sono una serie di insulti che mi sono stati diretti, collezionati nel corso di una vita da parte di "componenti della società civile" e che ho deciso di immortalare ad imperitura memoria, giusto per non dimenticare che questa società di civile non ha ormai più nulla ma si è trasformata in una massa di idioti decerebrati in perenne ed inutile competizione ma sempre inutilmente in cerca di altrui approvazione per soddisfare il proprio ego. Non potendo elevare il proprio spirito, cercano di affossare quello degli altri, semplice no?

Oggi mi avanzano un pò di vaffanchiuli e li voglio generosamente elargire ai primi 10 idioti che cliccano, tappano, spolliciano compulsivamente a caxo sul web in cerca di non sanno nemmeno cosa...zombie! Vado a terminare di auto costruirmi le zanzariere. Alla prossima...ma anche no.

P.S. L'asino scalcia e la gallina è senza uova. Ripeto:  L'asino scalcia e la gallina è senza uova.

sabato 6 maggio 2017

Buon Compleanno

Tanti auguri a meeeeee
Tanti auguri a meeeeee
Tanti auguri unamico
Tanti auguri a meeeeeeee

Si, mi faccio gli auguri da solo. Le poche persone che stimo (2), fatta esclusione per il mio familibancher (che si augura non muoia solo perchè sono in rosso), hanno fatto a gara a chi me li faceva per primo e di persona. Grazie di cuore. Ed al resto dei coprolìti che girano nel vostro paese di m*rda... vaffanchiulo. 
Ciao imbecilli.

P.s. La luna è nel pozzo. ripeto: La luna è nel pozzo.  

martedì 2 maggio 2017

Valex C136 - 1422511 avvitatore (sostituzione batterie)

Valex C136 (1422511)
Un altro ciòttolo che dimostra la sua età, dopo un uso nemmeno tanto intenso. Di solito di domenica o nei giorni festivi, quando all'improvviso si deve avvitare quella maledetta vite della maniglia che è uscita dalla sua sede e che dopo infiniti rimandi e scuse per procrastinare e necessita proprio di essere rimessa al suo posto, càpita di avere bisogno dell'avvitatore... per una vite soltanto ma bisogna far fruttare "l'investimento" in attrezzature di molto tempo fa, giusto per zittire la iena di casa che ad ogni occasione ti precetta per i lavoretti che fanno perdere più tempo che guadagnare soddisfazione. Non si può rinviare e la pigrizia di noi anziani orienta la scelta non su un "volgarissimo" cacciavite ma sull'avvitatore preso in chissà quale ferramenta per hobbisti e bricolari onanisti. 
Ovvio che il ciottolo di plastica ha bisogno di una ricarica ma dopo anni di deposito nel cassetto delle cose inutili... le batterie sono praticamente morte e non ci stanno proprio a tenere la carica. Dopo qualche minuto sono di nuovo a terra e bisogna sostituirle. Niente di più semplice...all'apparenza. 
Stiamo parlando di un avvitarore Valex, codice prodotto 1422511, fuori produzione forse perchè era un ciòttolo di plastica, con il portapunte di plastica, con i supporti di plastica e la demoltiplica.... di plastica?? Ok, non certo un prodotto professionale ma un prodottino per bricolari fai da te, che al massimo devono avvitare quattro cose all'anno... quando va male... ma ci può stare se serve a risparmiare qualche soldino. Ok, il prodotto sembra non più a catalogo dal sito ufficiale, per cui inutile cercare di mandare una mail e richiedere le batterie di ricambio, si rischia di parlare col magazziniere svogliato o con un commerciale pronto a venderti il super ultimo modello.  Quindi o si cercano i tre elementi di dimensioni 1/2SC da 1,2 volts 600 mA (e si trovano in commercio) o si procede con la sostituzione con qualcosa di alternativo, magari al litio che è tanto figo e di moda. Con i tre elementi di sostituzione, ci si pone il problema di saldare i terminali... è sconsigliabile di saldarli a stagno... il calore danneggia le batterie. Servirebbe una micro puntatrice, nemmeno difficilissima da costruire ma è ancora nella to do list. Di progettare un sistema con un unico elemento al litio, tipo una 18650 da 3,7 volts 3000 mAh, magari recuperata da qualche batteria di un portatile defunto, anche se di dimensioni inferiori a quelle originali (meglio, così ci stanno nell'alloggiamento)... per ora no, anche perchè occorre costruire (o comperare) anche un adeguato caricabatteria, dato che il litio è permaloso con le ricariche e si rischia di farle esplodere di brutto.... per ora metto da parte il tutto, cerco gli elementi e vediamo poi se troverò il tempo di sistemare anche questo. Alla prossima

P.S. le Ortiche sono per la zuppa. ripeto: le Ortiche sono per la zuppa.