martedì 10 marzo 2015

Vimar elvox art.1721 (riparazione)

 Ed era un pò di giorni che mi incazzavo con postini e corrieri, non senza sgridare mia madre che ci sente poco, ma il campanello di casa non suonava. Problema del pulsante. Provo a toglierlo dalla scatola ad incasso, tolgo l'ossido di rame che si forma su fili e contatti...niente...non chiude, è proprio "rotto". Stamattina un giro dal ferramenta di zona facilmente raggiungibile con il mio cavallo d'acciaio (non proprio, la bici è di alluminio) e l'amara sorpresona... 21 euro!! Caxo!! VENTUNEURO! Alle mie rimostranze la Dottoressa, componente della banda bassotti di turno al bancone prova a difendersi..." ...questo è il modello di qualità...." con un sorrisetto ebete stampato in faccia di chi è abituato a dire sempre la stessa cosa, automaticamente, alle lamentele dei clienti su qualsiasi articolo. Eccheccaxxo! Qualità! "L'ultimo l'ho preso qui due anni fa ed è già guasto!"Vabbè, ho fretta che sto aspettando dei pacchi dai miei fornitori abituali cinesi (che da voi in itaglia non compro proprio più un caxo!) Preso!. 
Sostituisco il pezzo ed il campanello ricomincia a funzionare. Non pago, il vecchio pulsante entra immediatamente in laboratorio. Non può essere che non si possa riparare. L'articolo è prodotto dalla Vimar (www.vimar.com), mod ELVOX Art.  1721 Pulsante da chiamata ad incasso. Non è specificato se da interno o da esterno, fatto sta che per l'umidità e la pioggia è un vero colabrodo. L'apertura, per accedere ai contatti interni, non sembra concessa a noi poveri utenti. Ma si tratta di uno stupidissimo pulsante con dei contatti ed una lampadina a bulbo. Ok, pazienza. Per aprirlo occorre fare delicatamente leva nella parte interna, in basso, sul lamierino ripiegato. Meglio se si riesce ad infilare una lama per tutta la lunghezza, altrimenti col cacciavite pian piano si creano delle inevitabili "onde" che però poi restano nella parte nascosta. Si toglie il lamierino protettivo e si prova a sfilare la parte in plastica trasparente. Poco male se si rompono i supporti dei due piolini lateriali che fanno da perno. Nel caso. o un pò di attack o una nuova sede con dei pezzettini di plastica incollati con termocolla. 
Si può fare. Il contatto viene via stringendo l'arpione centrale e facendo leva delicatamente sui due gancetti laterali, svelando l'interno. Una molla ed un lamierino di ottone che poggia su due lamine conduttrici su cui sono poi fissati i morsetti esterni. Un pò di carta vetrata grana 120 e si rimonta il tutto, grattando anche le viti ed i morsetti in modo da togliere ruggine e ossidi. 
Si rimonta il tutto et voilà, 21 euro risparmiati per la prossima volta. 
Due parole sul pezzo che abbiamo analizzato. Di margini di miglioramento ce n'è a iosa, davvero tanti. Intanto il contatto andrebbe protetto un pò meglio dalla pioggia. La tettoietta della scatola è insufficiente contro la pioggia di traverso. Il contatto poi... andrebbe fatto in modo che alla pressione la lamina di ottone si potesse piegare un pò in modo da creare un naturale sfregamento meccanico fra le superfici in contatto (nei relè si fa così per evitare che lo scintillio accorci troppo la vita alle parti dell'interruttore). Poi... nel modello di due anni fa, le viti che chiudono il pulsante hanno la testa a taglio, mentre le viti dei morsetti hanno la testa a croce... giusto per farci portare due cacciaviti al posto di uno. Già però mi immagino l'ingengere della vimar, reparto R&D ricerca e sviluppo... tutte cose fattibili, ma poi il pulsante quanto andrebbe a costare? 40 euro?
E per finire... il bulbo di illuminazione, 24 volts 3 watt... ma non è meglio un led bianco o colorato con un condensatore ed una resistenza di caduta a reattanza per l'alternata? Se calcoliamo 3 watt per ogni lampadina dei campanelli, moltiplicati per le famiglie italiane... quante centrali nucleari servono solo per illuminare inutilmente anche di giorno dei pulsanti per ogni abitazione? Ci abbiamo mai pensato a risparmiare un pò tutti, con un minimo di intelligenza, per evitare che consumi inutili ed evitabili ci portino a distruggere lo stesso ambiente in cui dovremmo vivere serenamente? Pensaci, dai. Ciao imbecilli. 

P.S. l'orso è sul pack e la foca è veloce. Ripeto: l'orso è sul pack e la foca è veloce.

6 commenti:

viali ha detto...

La ringrazio per le info precise e per me molto utili...se le è possibile le chiedo di indicarmi le misure le pulsante di plastica da lei mostrato ( elvox 1721 della vimar): vorrei sostituire il mio che ha più di 30 anni con quello da lei mostrato ma avrei bisogno delle misure del tasto, misure che non trovo da nessuna parte.Grazie

unamico ha detto...

Viali, scusami ma... le misure del pulsante? la parte trasparente? Il tasto che si muove? Ho compreso bene? posso chiederti perchè una richiesta così specifica? Quali misure in particolare ti servono? posso con un calibro provare a misurare ma se mi dai indicazioni più precise forse posso aiutarti meglio. Per sostiruirlo viene vendito in blocco (scatola più parte frontale)... vuoi sostituire solo la parte mobile? il tasto? aiutami a capire meglio per favore. Grazie.

Anonimo ha detto...

Interasse viti circa 70 mm . Campanello 85x60.
Grazie per le info sulla pulizia. Io mi sono fermato quando ho rotto la linguetta di plastica.
Penso che però non sia ossidato ma rotta la molla o altro, perché non torna

unamico ha detto...

Non ho ancora compreso bene quali misure e di quale parte. cmq...è improbabile che sia la molla rotta. Forse la rottura delle alette/linguette ha incastrato qualcosa dentro il vano dove il pulsante corre avanti ed indietro. Per le misure precise... qualche giorno fa, poco prima del tuo commento e dopo le abbondanti piogge di questi giorni, ho sostituito il campanello (pulsante esterno) con quello rienerato in questo post. Nel tentativo di sistemare quello rotto... oops... plastichetta meldetta... l'ho rotto anch'io... sorry... l'ho buttato (ero troppo inca**ato), deciso di cercare nel frattempo qualcosa di più solido ed affidabile, magari IP57 o più, stagno ed anti ossido, a costo di dover rompere il cemento e rifare l'impianto elettrico. Trovo frustrante praticamente ogni anno doverlo cambiare causa ossido o nidi di formiche all'interno. Ho un anno di tempo per risolvere.

Anonimo ha detto...

Salve a tutti, ho acquistato questo articolo ma mi svugge come si monta, ovvero su quali supporti va montato?
I 2 supporti laterali dove si avvitano le viti a che cosa servono??
Grazie mille per la risposta!

unamico ha detto...

Anonimo.... ciao (questo non è un forum pertanto è inutile che saluti "tutti" ;-)
il pulsante va montato su una scatola ad incasso (che va nel muro) predisposta per questo tipo di pulsante. Le due viti si avvvitano su due alloggiamenti nella scatola che va incassata al muro e nella quale arrivano i fili di collegamento.