martedì 30 dicembre 2014

TOP IN LED lamp teardown



Una lampadina a led permette un bel risparmio sull'energia elettrica in quanto a parità di lux emessi consume molto meno rispetto ad una lampadina ad incandescenza. Il suo costo abbastanza elevato è ammortizzato in breve tempo... se non si rompe prima del previsto. Già perchè a vole risparmiare sulle lampadine a led occorre metttere in preventivo anche la qualità costruttiva e di progettazione dei circuiti di controllo. Questo modello l'ho preso su ebai tempo fa ad un costo inferiore rispetto a quelle che oggi si trovano orami anche nei supermercati e nei brico center. Dopo un periodo di funzionamento abbastanza breve, dovuto al fatto che era installata in cantina frequentata davvero poco, la lampadina si fulmina con grande sorpresa.... cosa sarà successo? La curiosità mi spinge ad aprire, ispezionare, capire, verificare. Questo modello è uno dei più semplici da smontare, senza rompere nulla e facilmente riassemblabile al punto che viene da chiedersi se sono disponibili i ricambi dato che una eventuale sostituzione della parte guasta è davvero ridicola.

Per aprirla occorre innanzitutto togliere il cupolino satinato, con un cacciavite piatto lo si rimuove dall'incastro ovalizzando leggermente il corpo plastico nel lati opposti alle clips di aggancio. La piastra che ospita i leds (JML-11061 TYQP-5353-04A4 P3528-18 20111110) è avvitata con due viti autofilettanti che si vanno ad incastrare fra le alette di un dissipatore cilindrico appoggiato sulla piastra con della pasta che conduce il calore. Il dissipatore forato fa passare i due fili che vanno al circuito regolatore a sua volta collegato alla ghiera filettata. La ghiera filettata è a sua volta semplicemente avvitata al corpo plastico, per cui, per toglierla, basta svitarla e sfilare il tutto per le verifiche del caso. 
Con la lampadina smontata (in trenta secondi netti) il problema  viene subito all'occhio... il circuito di regolazione dei led è esploso, annerendo i componenti circostanti. Per la sigla dovrei smontare una lampadina buona ma per ora non credo di approfondire più di tanto. La sigla che si riesce a lebbere sull'intergrato inizia per BP31... il ponte MB10S (forse origine della sovratensione in quanto sembra anche lui andato)
Credo, nel disquisire in tema di qualità, che in questo caso non possiamo parlare di scarsa qualità del prodotto o errore di progettazione dell'elettronica... piuttosto il problema è insorto per un corto ciurcuito provocato da nidi di ragno rinvenuti asll'interno della lampadina. La parte a cono infatti è aperta per lasciar dissipare meglio il calore, lasciando però esposto il circuito (anche se protetto dal solito tubo termorestringente), che andrà inevitabilmente soggetto a contaminazioni esterne (ragni, polvere, umidità).
Da segnalare un incongruenza nelle serigrafie della basette. Il filo rosso è collegato al V+ del circuito stampato mentre è collegato al V- della basetta con i leds (stessa ovvia inversione per il filo bianco). Per cui sarà necessaria un ulteriore verifica col tester per capire la polarità giusta da applicare alla basetta metallica. Sì perchè la piastra che ospita i leds è un lamierino tondo di alluminio con stampate sopra le piste che collegano i leds, tramite strati di isolante. E' di alluminio solo per esigenze di smaltimento del calore. Interessante la soluzione a accoppiamento col dissipatore ad alette che poermette l'utilizzo di componenti "standard" grazie ai quali si riesce a contenere il costo di produzione e conseguentemente di vendita al pubblico (credo di ricordare di averla pagata pochi euro un paio di anni fa). Che dire ancora? Queste lampadine non dovrebbero essere installate in luoghi polverosi o soggetti alla visita dei ragni, quindi niente cantine, sottoscala, falegnamerie, garage, ripostigli od in genere posti poco frequentati ove la rimozione delle ragnatele non è frequente come quella in posti ove si soggiorna abitualmente. Lo stesso modello è in funzione in altre parti della casa e posso confermare che la loro durata è superiore alle lampadine tradizionali. Unico neo, per mea culpa, è che ho preso il modello a luce bianchissima, che a me non piace proprio. Al prossimo giro luce più giallina. Procedo con esperimenti e verifiche dei led da recuperare... stay tuned. Alla prox.

P.S. il prato è gelato. Ripeto: il prato è gelato. 

lunedì 22 dicembre 2014

Vorrei...

....volare via da quest'acqua fetida in cui devo continuamente pedalare per restare su.

P.S. il verme è nella mela. Ripeto: il verme è nella mela.

mercoledì 17 dicembre 2014

Auguri? no grazie...

Se dovessi ripensare agli auguri che mi sono stati rivolti negli anni passati e confrontarli con ciò che si è avverato... direi che gli auguri possano essere considerati la cosa più inutile del mondo, specialmente quando si percepisce che sono più un clichè che un qualcosa che parte dal cuore. Sì perchè è un abitudine quella di fare gli auguri verso la fine di dicembre, non certo desiderio che ciò che viene augurato si possa mai realizare. Lo si percepisce, dai. Tutto l'anno passato a rompere i c*glioni al prossimo, a rubare, a violare sistematicamente non solo le leggi ma anche le più comuni regole di convivenza civile, a cercare di scavalcare gli altri, a sorpassare, ad insultare, a prendere per il c*lo, a disprezzare ciò che fai o ciò che dici, a fare battute idiote sulla razza, sul sesso omo, sulle coppie gay, sugli immigrati ed in genere su chi si considera "inferiore" a loro ... e tutto d'un tratto, magicamente, diventano tutti buoni, in un orgia di buoni propositi che durano giusto al massimo un paio di settimane, giusto per salvare l'apparenza ma comportandosi come se nulla fosse, come in tutti gli altri giorni dell'anno... pensiamoci... durante le "festività", basta andare in un luogo affollato, tipo che ne so, un centro commerciale per esempio, dove si assembrano i "wannabe ma non posso della spesa"... ci vorrebbe uno psicologo per comprendere certi comportamenti, a volte, in verità, anche uno psichiatra gioverebbe. Un attimo prima a spingere, pestare i piedi, parlare a voce alta, sputazzare in giro, palpeggiare la frutta e le confezioni,  tagliare la strada col carrello o lanciartelo in direzione delle caviglie.... ed un attimo dopo....caaariiiisssssimoooooo, aaaauguuuriiiiiiiii e giù a provare a darti dei bacetti.... che cazzo mi baci a fare! essere infetto e contagioso, mica sono un mafioso o un pupazzetto, baciami il c*lo che è meglio. E poi...auuuuguuuuuuuriiii di cosa? che sino a due secondi fa eri a litigare per un parcheggio di m*rda dove mettere la tua auto di m*rda. Che cazzo mi auuuuguuuuuriiii ? eh? Che vuoi? la pace nel mondo? ecco...inizia a non rompere i c*glioni e lascia in pace il prossimo, dài l'esempio che forse qualcuno di sicuro ti seguirà, selvaggio incivile. 
E poi, una cosa che non sopporto e francamente non capisco come posso accadere... avete presente i commessi di negozio? si dai, quelli che devono ricevere obbligatoriamente i peggiori rompic*glioni che esistono sulla terra, i clienti si chiamano, che solo perchè hanno due euro da spendere pretendono di potersi permettere di mancare di rispetto agli altri, si dai, quei morti di fame che non arrivano a fine mese ma non rinunciano al mega schermo 4k full HD con tante prese dietro che nessuno sa a cosa servano ma indicano una cosa figa che devi avere per forza... ecco, dicevo, i commessi, pagati una miseria, alle prese ogni giorno con dei capi incapaci, che devono poi fare gli straordinari e fermarsi con i rompiballe che arrivano 1 minuto prima della chiusura, si dai, gli addetti alle vendite, già bistrattati, sfruttati, vessati, mobbizzati, a rischio licenziamento per un nonnulla... tanto per non farsi mancare nulla, sotto le festività devono anche indossare un ridicolo cappellino rosso bordato di pelo sintetico bianco, che dopo un paio d'ore di corsa fra gli scaffali inizia a puzzare come una capra morta... ma come fanno ad accettare anche questa umiliazione? Tanto vale vestirli da conigli a pasqua, da befana il 6 gennaio, da pagliacci quando c'è il circo in zona... e DEVONO farlo sorridendo ovviamente e, nonostante questo... ti fanno anche gli aauuuguuuriiiiii... brutta testa di minchia, sicuramente dottore destinato a fare lo strafallito a vita, non ti accorgi di quanto sei ipocrita? manco mi conosci, mi consideri a priori un rompicoglioni (io) e mi fai gli aaauuuuguuuriiiiiiiiii? maddechè?... e poi... lucettine ovunque, led cinesi nei posti più impossibili, addobbi da usare una volta l'anno, palle dappertutto, stelle e stelline, babbi pupazzi attaccati alla ringhiera del balcone, renne di plastica, orsi e conigli, dolci e dolcetti, cioccolatini e  tutte le peggiori schifezze che a smaltirle occorrono massacranti sessioni in palestra a soffrire come delle bestie.... ecco....aboliamo il Natale che è meglio.
Aaaaauuuuguuuuriiiii....ma anche no, NO GRAZIE. 

P.S. la pecora è all'ovile. Ripeto: la pecora è all'ovile. 

domenica 14 dicembre 2014

Unani al potere

Il potere, in mano a certi strafalliti, ignoranti come dei lombrichi, è in grado di agire sulla vita delle persone, cambiandone obbligatoriamente le abitudini, le scelte, la visione del futuro, la qualità della vita...in peggio. Chi il potere non ce l'ha, è costretto a subire le scelte scellerate di chi è riuscito, a furia di ricatti e minacce, ad ottenere il consenso di persone schiave, prive di idee, ignoranti e sempre prone ai prepotenti. Il Potere si esercita  meglio dai gradini più bassi, dai consigli comunali, dove accadono cose che voi unani non potete nemmeno immaginare essendo in quei luoghi i controlli assenti e l'opposizione ormai svanita nel nulla, sopraffatta dalla paura. Sono luoghi frequentati, ad esempio, da chi si indigna a fronte dell'accusa di omertà ma un secondo dopo si rifuta di fare i nomi, quando vengono denunciati fatti di una gravità preoccupante. Sono luoghi frequentati da chi ammette pubblicamente, con accorata foga, di conoscere i nomi di chi ha commesso fatti penalmente rilevanti, salvo poi rifiurarsi di  dare indicazioni "per il quieto vivere di tutti"... Camorristi in giacca e cravatta, sedicenti intelligenti, sempre pronti a minacciare chi osa semplicemente porre delle domande. Sempre pronti a modificare le regole quando queste vanno contro i loro interessi. Sempre pronti ad autorizzare (a voce) gli amici e chiudere un occhio sulle conseguenze dannose per la salute ed incolumità pubblica. Sempre pronti ad invocare la sicurezza pubblica salvo poi ben guardarsi dall'applicare le più elementari regole di vigilanza. La motivazione principale dell'opposto rifiuto alle idee di buon senso è ... non ci sono soldi... in realtà per le cose buone che non alimentano i loro conti correnti o per lo meno il loro ego, i soldi non si trovano mai. Camorristi privi di auto coscienza. In pubblico sempre pronti a difendere la "democrazia" (o almeno la loro personalissima visione) ed in privato esercitare tutto ciò che definisce e delinea il mafioso. 
Ed il danno più socialmente devastante che riescono a produrre questi unani, è ingenerare la convinzione che ormai non ci sia più nulla da fare, che la situazione sia compromessa a tal punto da non poter più reagire e tornare (se mai ci fossimo stati, forse nell'immediato dopoguerra) ad una società coesa e collaborativa per il bene comune. Già, il bene comune... anche questo si è trasformato a tal punto che un inceneritore è fattibile per il bene comune, un autostrada o una ferrovia inutile, un ospedale che non verrà mai terminato...per il bene comune di chi? Il bene comune è diventato la motivazione per fare cose ad esso diametralmente opposte, e nella confusione se ne stanno approfittando a man bassa tutti coloro che sono delegati a prendere decisioni, a tutti i livelli, e guai a criticare, guai seri a fare domande. Abbiamo già assistito in passato all'avvento di persone decise ad opporsi a questo stato di cose. Persone corrotte che, fra diamanti, mutande verdi, lecca lecca e lauree facili si sono rivelate peggiori di ciò contro cui si erano schierati, oggi ancora attive dopo aver rispolverato i temi che tanto fanno presa sulle persone esasperate e ridotte male. Stiamo assistendo anche alla lenta trasformazione dei movimenti più recenti, ai piani bassi più orientati a trattare argomenti simili, solo per attirare consenso, non certo per il bene comune. Il filo conduttore che li lega è sempre lo stesso... la nostra delega in bianco senza alcun controllo successivo e costante del loro operato, il consenso silenzioso ed anonimo di una cabina elettorale... al "resto" ci pensano loro, gli unani al potere e gli unani schiavi si sentono felici ed illusi di essersi liberati di una preoccupazione ed incombenza che in fondo li spaventa a morte, illusi di poter prendere il controllo e liberarsi delle catene che li tengono prigionieri. Prima illusi, poi delusi alternativamente, da molti anni ormai.... riusciranno mai a capire? No. Unani. 

P.S. Licio è in campagna e Matteo è alla cassa. Ripeto:  Licio è in campagna e Matteo è alla cassa.

martedì 9 dicembre 2014

O voi o loro

...will need to change how we calculate VAT, and as of January 1, 2015, if you are subject to VAT, you will no longer pay the rate of our Luxembourg office, but rather, of the Member State in which you are located...

Cosa significa? Che a parità di prodotto o servizio, se siete "located" in itaglia, dovrete pagare l'iva al  22% (e non più al 10 o 19%)... senza alcun pratico vantaggio, dato che le tasse da voi in itaglia servono in gran parte ad ingrassare politici, funzionari, morti di fame e rubagalline corrotti. E la cosa buffa, che qui ci fa scompisciare dalle risate, è che non riuscite a liberarvene. Ad ogni tornata, rifate sempre gli stessi errori e nel frattempo girate le spalle a chi invece dimostra con i fatti onestà e correttezza. Per voi non c'è speranza, siete irrecuperabili. Da parte nostra stiamo solo aspettando il tracollo, non abbiamo nessuna fretta. 
Quando accadrà, verremo a comprare... per pochi spiccioli..., le vostre anime. Sì, perchè la crisi non sta distruggendo la bellezza del vostro paese ma le persone. E le persone distrutte si venderanno per poco... manodopera quasi gratis senza andare all'altro capo del mondo...schiavi in saldo, una manna dal cielo per risollevare l'economia, la nostra. Ah, dimenticavo.... non pensate che andrete a ricoprire ruoli dirigenziali, per quelli abbiamo già i nostri. Ci servirà manovalanza specializzata, qualificata sì, ma per pochi euro al giorno, è ovvio. E quando accadrà, aspettatevi di subire lo stesso se non peggior trattamento che per anni avete riservato a chi aveva più bisogno di voi. I diversi diventerete voi. Non ci credete? Poco importa, non c'è problema, continuate a stranazzare e scegliere sempre gli stessi, che anche se cambiano nome non cambia poi molto se chi li propone è sempre lo stesso. non c'è problema. Nel fratttempo, pagate l'aumento e zitti. No all'euro! No all'Europa...certo certo... mandateci ancora di quelli che ci avete già mandato che così ci tranquillizzate e potremo continuare serenamente senza che venga messa in pericolo la nostra di economia.... Noi qui l'iva la paghiamo di meno, voi di più anche se comprerete i nostri prodotti ci fate solo piacere, se non li comprate, prima o poi dovrete farlo che da voi pian piano chiuderanno tutti o quasi. Non abbiamo fretta illustrissimi dottori, autorevoli statisti, rispettabilissimi imprenditori, esimi professoroni del caxo. A presto.

P.S. la cruna dell'ago è stretta, il cammello è ingrassato, novembre non torna. Ripeto: la cruna dell'ago è stretta, il cammello è ingrassato, novembre non torna.

lunedì 1 dicembre 2014

Neon Starter Ballast Spark!

Durante un lavoretto di falegnameria, tipo trasformare due sedie in una scaletta ripiegabile, mi accorgo che il tubo al neon sopra il bancone da lavoro fa fatica ad accendersi. La scarica non si innesca... penso immediatamente al tubo esaurito (strano ha solo 10 anni) e procedo a frugare nella scorta di tubi recuperati da vari smantellamenti di negozi nella fase di post-fallimento (una manna dal cielo questa crisi prolungata). Strano che nessuno di questi funzioni... penso quindi immediatamente allo Starter... è domenica, negozi chiusi (per fortuna) e ... che faccio? Mi viene in mente che in lavanderia ho degli scaffali recuperati da un negozio di fotografia, erano illuminati e per forza ci deve essere qualcosa che fa al caso mio... infatti, all'interno c'è ancora l'impianto elettrico, reattori, starter, interruttori... taac! Prendo lo starter, sostituisco lo starter e... luce fu. Ok. Nella pausa non posso resistere.... devo aprire lo starte rotto e verificare cos'ha! Il problema viene immediatamente all'occhio... usato troppe volte, lo scintillio fra i contatti nell'ampolla hanno consumato le lamine bimetalliche che non stanno più facendo il loro dovere. Bene. Di riparare lo starter nemmeno a parlarne (per ora) ma di spendere due parole su come funzioni si, questo lo si può fare. 
Starter usato vendesi come nuovo
Il tubo al neon è un tubo di vetro, ricoperto internamente da materiale fluorescente, che contiene dei gas (di solito Neon) e una piccola quantità di mercurio. Per accendersi occorre una tensione di innesco della ionizzazione del gas molto più alta di quella necessaria per mantenere acceso il tubo. Inoltre è necessario che i filamenti ai capi del tubo raggiungano una temperatura di 100-200 gradi prima di iniziare ad emettere elettroni che ionizzano il gas e quindi eccitino la sostanza fluorescente che ricopre l'interno del tubo di vetro. Per ottenere l'innesco si usa quindi uno strarter ed un reattore (l'insieme è anche chiamato "ballast"). Lo starter, in sostanza,  è un interruttore che rimane chiuso all'accensione per circa uno o due secondi (il tempo di riscaldare i filamenti). Al passaggio della corrente, le lamine dell'interruttore si scaldano e si piegano (lamine a bimetallo aventi diversi coefficienti di dilatazione) interrompendo la continuità. All'apertura del contatto entra in gioco l'energia accumulata dal reattore (che sostanzialmente è un induttanza) che viene rilasciata ai capi della lampada sotto forma di sovratensione in grado di innescare la scarica ionizzante fra gli elettrodi. Quindi lo starter serve solo a far partire il processo di accensione, tanto che una volta accesa la lampada, può tranquillamente essere tolto senza spegnere nulla in quanto una volta "scaldato" ed aperto, anche se si raffredda ed il contatto si richiude, la maggior parte della corrente passerà per la scarica del tubo fluorescente e pertanto non riuscirà a riaprirlo.
Ma.... il condensatore in parallelo al bulbo dello starter a che serve? E' per ridurre le interferenze EMI generate dall'arco che si sviluppa ai capi del contatto. Ma... che succede se collego uno starter in serie ad una lampadina ad incandescenza?? Boh... dovrebbe lampeggiare con una frequenza che dipende dalla potenza della lampadina stessa suppongo... perchè non provare?... dubito però che i contatti a forza di aprirsi e chiudersi con conseguenti scintille facciano durare a lungo il gioco... alla prossima

P.S. il ravanello è pallido e la bruschetta è pronta. Ripeto: il ravanello è pallido e la bruschetta è pronta.

venerdì 28 novembre 2014

Sapone fai da te (homemade soap)

Stringi stringi, si arriva al punto in cui il risparmio va estremizzato oltre i limiti. Povero si, sporco e puzzolente no, mai, la dignità non sono disposto a sacrificarla. E sono arrivato ad un punto di povertà ove devo recuperare, riciclare e moddizzare l'impossibile. Stavolta è toccato ad una montagna di saponette da albergo, pazientemente messe da parte con la solita premura di chi sa che prima o poi tutto può tornare utile. Provengono dal periodo in cui, nel paese delle banane dove nacqui ma che abbandonai (capirete perchè...chi mi legge ci vive), lavoravo come tecnico di manutenzione, sistemista, installatore, riparatore, parafulmine... quello che arriva con borse ricolme di attrezzi, cavi, strumenti e risolve problemi, compresi quelli che derivano dall'utonto di turno. 
L'azienda con la quale collaboravo ha assunto un cazzone di idiota al quale il concetto di organizzazione era sconosciuto ma la cui responsabilità era assegnata. Per cui, mentre mi trovavo a Lecce dopo una "sveglia" alle tre di notte per arrivare puntuale dopo una massacrante trasferta in auto fra unani incazzati e senza patente, il pupone telefonava con aria serafica chiedendo..."per caso...potresti fare un salto sino ad Aosta?"...(@!##!*)... no problem, ero ggiòvane e potevo farcela. Solo che ad Aosta arrivava la chiamata per recarsi nell'ordine (non sto scherzando) a Roma, Torino, Bolzano, Messina, Trieste, Salerno e via dicendo a ping pong in giro come uno zingaro con un solo cambio di mutande, uno spazzolino ed una quantità industriale di cartine stradali (navigatore?? non esisteva all'epoca.... tutte ovviamente località ad un tiro di schioppo l'una dall'altra e senza mai rientrare a casa ovviamente. Così passavano le settimane a girare con una Panda 30 e dormire negli hotels presi senza prenotazione (internet non esisteva all'epoca).... il primo che si trovava in strada all'ora giusta andava bene per qualche ora di sonno. Chiaro che le saponette della camera avanzavano e visto che erano pagate, finivano nella scorta, assieme allo shampoo liquido fatto gocciolare nel contenitore comune le rare volte che si rientrava. 
Oggi, quelle micro-saponette ho deciso di riutilizzarle, ma non una ad una....sono minuscole e appena si rimpiccioliscono  un pò diventano inutilizzabili (uno spreco inaccettabile). Così, per recuperarle ho deciso di sminuzzarle con un frullino a motore da cucina (che nell'operazione si è pure rotto il perno di plasticone, maledetta mulinex e la vostra plastichetta di m*rda). Ridotte ad una povere tipo borotalco, ho mischiato il tutto con dell'acqua distillata a bagno maria, in modo da ottenere una pasta liquida al punto giusto per essere versata in degli stampini... dei porta saponette o delle scodelline da soprammobile (almeno a qualcosa servono). Poi si lascia raffreddare ed indurire per un mese, meglio se sul termosifone così si profuma l'ambiente (quando si accende il riscaldamento). 
Semplice ed efficace. Ora, per un pò, non dovrò preoccuparmi di acquistare saponette.... ci penserò quando saranno terminate queste....magari farò un giro per gli alberghi della zona a chiedere se per caso buttano quelle lasciate in camera dagli ospiti. Ho finito i soldi, non mi restano molte soluzioni....olio e grasso, cenere, soda, metodo a freddo o a caldo... Alla prossima.

PS Fanculo ai ricchi. Ripeto: Fanculo ai ricchi. 

sabato 22 novembre 2014

Hoover TC4210 Dust Manager Cannister (rigernerato)

Nuovo... o quasi. Un Hoover Sensory Dust Manager TC4210 (product code 3900385 link) è tornato praticamente nuovo, dopo averlo adottato prima che finisse in discarica e dopo un pò di lavoro, E' pronto per fare il suo dovere per chissà ancora quanti anni. E' un aspirapolvere di quelli a carrello che si trascina con il tubo di aspirazione, cavo avvolgibile (comodissimo), 2000 watt di potenza (da non usare assieme alla lavatrice in funzione se non si ha un impianto fotovoltaico), filtri lavabili che permettono un risparmio nei consumabili, senza sacco (così anche i sacchetti di carta usa e getta diventano un ricordo). 
Era in condizioni a dir poco pietose, trascurato e impolverato all'impossibile. L'aspirapolvere di questo tipo è in realtà abbastanza semplice. Un potente motore, una scheda elettronica a processore e poco di più. Se meccanicamente è a posto, l'elettronica funziona ed il motore gira... è facilmente risistemabile. Come? E' suffucuente pulirlo internamente smontandolo ai minimi termini e la semplicità costruttiva agevola molto l'operazione. Iniziamo.
Si apre il coperchio frontale che può essere facilmente sganciato per poterlo pulire sotto l'acqua corrente. Si rimuovono i filtri anche quelli da passare sotto l'acqua tiepida con un pò di sapone. 4 viti tengono fisso il coperchio che alloggia un filtro quadrato e copre il motore, l'elettronica e l'avvolgicavo (sono le uniche viti da togliere). 
Dentro si nota immediatamente un cilindro nero (grigio se ricoperto da strati di acari morti e polvere sottilissima). E' il contenitore del motore che va rimosso per procedere alla sua completa pulizia. Un gommone nero in testa da togliere e dopo aver tagliato i fili elettrici (da riunire successivamente aggiungendo dei morsetti a vite) il motore si sfila facilmente dal suo alloggiamento, essendo tenuto in sede da dei fogli di gommapiuma (lavabili) che assorbono le vibrazioni durante il funzionamento. Con un pennello morbido (ed un altro aspirapolvere) si toglie quanta più polvere possibile (meglio non smontare gli alloggiamenti delle spazzole a meno che non siano consumate all'osso e no, non usare liquidi per il motore). 
Osservando attentamente si nota, dalla parte della ventola, un coperchio metallico a forma di "pentola". Questo è ribattuto leggermente su due punti lungo la circonferenza che si incastra al corpo motore. Con un cacciavite, facendo attenzione a non crepare la plastica, si allargano delicatamente le due ribattute e aiutandosi con dei leggeri colpetti sul perno ed un cacciavite piatto, delicatamente e lentamente lungo la circonferenza in progressione, si può rimuovere la copertura e mettere in luce la ventola. Per togliere quest'ultima si prende una chiave a bussola da 13mm e si svita il dado che la fissa al perno motore. Occorre ricordare che il filetto del perno è "rovescio", ovvero per svitare occorre ruotare il dado come se lo si volesse avvitare normalmente. Una volta aperto il tutto, si può procedere a lavare le parti o spolverarle con uno straccio umido dopo aver rimosso il più grosso con spazzole e pennelli. Un paio di gocce (non di più) di  lubrificante minerale bianco (quello per le macchine da cucire) è utile per ravvivare la parte in movimento ed agevolare le bronzine. Per rimontare fare le operazioni inverse senza dimenticare nulla. Può essere utile prima di procedere, fare delle foto per memorizzare la posizione dei componenti.
La parte elettronica è relativamente semplice. Un triac per carichi induttivi elevati, un FAGOR FT1216MH da 12Ampère / 600 Volts in TO220-AB montato su un aletta dissipatrice regola la velocità del motore (AC switching) al variare della resistenza di un trimmer  comandabile dalla manopola esterna di on-off. Il resto è regolato dal firmware di un microprocessore 8bit Motorola MC68HC908QY2  architettura Von Neumann CISC Complex Instruction Set Computer (non RISC).  Bisogna ricordarsi, rimontando l'elettronica, di ricollegare il tubicino dello switch di pressione della camera di aspirazione. 
Nel caso la scheda elettronica si dovesse rompere e non si abbia a disposizione la cifra necessaria per la sua sostituzione... alla peggio si usa solo l'interruttore on/off e si fa andare il motore alla massima potenza. sostituire il processore? non credo.... occorrerebbe avere anche il suo firmware. Ad ogni modo la parte che è più probabile che si guasti, oltre al codensatore, può essere il triac, da cambiare con uno equivalente. Che altro dire? Una volta rimossa la polvere all'interno, che in verità non dovrebbe esserci se non fosse che le varie guarnizioni di isolamento non hanno fatto il loro dovere, l'aspirapolvere torna operativo. Per un lavoro eccellente sarebbe opportuno cambiare tutti i filtri e soprattutto le guarnizioni poste in prossimità delle chiusure dei vari coperchi...ci penseremo quando avrò un pò di disponibilità economica, che in questo periodo di merda non è delle migliori. alla peggio, appena trovo una striscia di gomma a sezione quadrata o rettangolare la uso per la sostituzione. Con quest'ultime a posto, non si dovrebbero più verificare acumuli di polveri sottili all'interno dei vani non interessati dal flusso d'aria. L'assenza del sacchetto è dovuta alla presenza di una vaschetta di separazione che funziona col principio che sfrutta la forza centrifuga impressa ai detriti aspirati in un flusso d'aria rotante. Non male come idea, ad oggi sfruttata da altri modelli, alla faccia di quelli che invece usano ancora i sacchetti consumabili, maledetti cultori del consumismo capitalista ed imperialista. Le altre parti e gli accessori sembrano integri, nulla da riparare o acquistare. Ottenuto gratis (all'epoca acquistato per poco più di 300.000 lire) e operativo al 100%...un affare. alla prossima. 

P.S. Lella è sola, Ripeto: Lella è sola.  

lunedì 10 novembre 2014

unani... a volte ritornano.

Sono selvaggi, rompono i c*glioni per abitudine, puzzano, sono invadenti, ignoranti, stupidi, arroganti, prepotenti, egoisti, pigri, menefreghisti, fancazzisti, sfruttatori, infetti... e vengono pure, senza alcun pudore, a chiedere aiuto, magari dopo che hai spiegato come e cosa fare.  E' inutile, sono senza speranza. Agli unani è tutto dovuto, perchè insistono. Gli si dice di no e ritornano a chiedere. Gli si dice basta e continuano a chiedere. Li aiuti e non basta mai, continuano a chiedere aiuto, non capiscono come fare per evitare i problemi ai quali chiedono soluzione, nemmeno quando hanno la soluzione sotto gli occhi... allora pretendono che fai le cose al posto loro... ah, naturalmente agratis. Unani di m*rda. Andatevene in ferie in una caldera di un vulcano attivo.  
Mavaffanchiulo và. 

P.S. Renato Renato Renato.... Ripeto: Renato Renato Renato....

martedì 4 novembre 2014

Caldarroste

Novembre, primi freddi, nebbia quando non pioviggina, senso di umido nelle ossa, pochissima voglia di uscire... si sta a casa al calduccio e ci si coccola un pò. Ci si vizia anche con la "frutta" di stagione... meglio dire i semi... castagne e marroni... 
Una manciata di caldarroste ed un bicchiere di vin brulè e chi si schioda da casa? Quest'anno, tutti i produttori sono a ripetere come un mantra... non è una buona annata per le castagne. Non è stata una buona annata per nulla dico io... albicocche, susine, insalata, pomodori, uva, fichi, melograni, melanzane, zucchine... poco o nulla quest'anno, che ricorderò come un anno in cui sono andato in carenza di cibo autoprodotto. 
Per questi motivi, le castagne quest'anno costano un occhio, ma... come rinunciare? creano un atmosfera pre-natalizia, tutti intenti a sgranocchiare conversando... ma l'importante è arrostirle per bene altrimenti al seme resta attaccata la pellicina (commestibile sì, ma un pò amara). 
Serve una padella forata (la si trova a meno di tre euro) e si possono fare sul gas di casa (o alla brace per chi ha un caminetto acceso). Prima di mettere le castagne al fuoco occorre inciderle con un coltello, meglio se si ha l'attrezzino a lama curva, si fa prima e soprattutto si fa meno fatica, incidendo solo la buccia senza incidere anche la castagna all'interno. Quello in foto è un "Ausonia inox" che andrebbe affilato un pò (venderanno gli affilatori per taglia-castagne? boh). 
A padella rovente si nettono le castagne e si continua a farle rotolare, così si evita che brucino tutte da una parte, e si annerisce la buccia per bene. Pian piano si nota che le castagne iniziano a gonfiarsi un pò (il taglio se ben fatto si aprirà). Durante l'arrostitura è inevitabile che il piano cottura si sporchi con la pellicina bruciata.... (un panno umido e torna come prima in mezzo secondo) 
Appena la buccia esterna è annerita, occorre farle "passare"... le si avvolge in un panno e si aspetta una decina di minuti (anche perchè appena tolte dalla padella sono bollenti ed impossibili da mangiare). Il calore accumulato terminerà per bene la cottura, il vapore uscirà piano piano ed il seme sgonfiandosi di più della buccia quasi carbonizzata permetterà il distacco naturale della pellicina. Se si usa questo trucco, la castagna uscirà senza fatica e la buccia resterà quasi intatta in due parti. Se invece nonostante questo accorgimento la pellicina resta attaccata al seme...significa che non è perfetta... o c'è il baco all'interno (controllare durante il taglio che non ci siano forellini) o è malata o non si è ben sviluppata verso la maturazione. 
Gnammm... alla prossima.

P.S. il baco baca. Ripeto: il baco baca. 

domenica 2 novembre 2014

Mini sewing machine (repair in progress)

Tempo fa, in un bunker lontano lontano, unamico prese coscienza di essere vittima di un orda di avide sanguisughe sempre pronte a soddisfare bisogni inderogabili. L'abbigliamento, si sà, è un clichè ormai accettato da tutti, quasi un obbligo per chi vive nei paesi nordici dove il freddo vince qualsiasi desiderio di stare ignudi a contatto con la natura, facendo desistere anche il più intransigente degli ecologisti integralisti. Ma l'abbilgiamento si consuma, si deteriora, si disfa con l'uso nel tempo e deve essere sostituito periodicamente, per necessità e non certo per velleità modaiola.
Unamico decise quindi di acquistare una macchina da cucire per confezionarsi da sè vestiti, camicie, magliette e persino le mutande, stanco di frequentar negozi dalla dubbia onestà commerciale e deciso di dare un taglio netto allo sfruttamento di manodopera pagata poco e pure in nero, se non quando in età minore. 
Dopo l'acquisto si stoffe "pregiate" e lungo peregrinare per siti, negozi e sartine improvvisate, comprendendo anche l'analisi dell'usato, fatto un rapido calcolo con la disponibilità economica a disposizione, sempre erosa dalle sanguisughe affamate delle fatiche altrui, optò per quello che si poteva permettere... poco più di un giocattolo di plastica, preso per corrispondenza, pagato poco (ovviamente in offerta). Lo provò, il sogno della sartina svanì per passare in soffitta e nessuno seppe più nulla dello stilista deluso ma determinato a riprovarci. Passati alcuni anni, unamico ebbe la necessità di ricostruire la custodia per gli occhiali, con della pelle squoiata dalla fidata valigetta 24ore messa in un angolo dopo anni ed anni di onorato servizio.... ma questa è un altra storia.... 
Eh si, devo cucire dei lembi di pelle morbida, perchè la custodia attuale è talmente consumata che non ci si fa proprio una bella figura con dei clienti fighetti e sempre pronti a giudicare gli altri basandosi su mere apparenze. Comunque... appena provo a rimettere in sesto la macchinetta... il motorino gira a vuoto... ullallà... l'avevo usata solo una volta per costruire le custodie degli attrezzini che porto con me in bicicletta durante le escursioni estreme... 
Apro l'interno... il solito ingranaggiuo di plastica, quello montato sul perno del motorino.... crepato... maledetto. E' da sostituire e lo scatolone che contiene centinaia di motorini recuperati da stampanti, fax, scanners, fotocopiatori ecc... non mi aiuta, numero denti diverso, foro passante troppo piccolo o troppo grande, materiale inadatto, era troppo bello per crederci. Mi manca un pezzettino microscopico e dovrei buttare il giocattolino? Nonono, non mi arrendo proprio, a costo di farlo di legno. E poi...alcune migliorie no? magari un PWM per regolare la velocità.... un braccio più lungo e sagomato per l'orlo dei pantaloni... una lametta per tagliare il filo quando serve a portata di mano, dei supporti multipli per rocchetti di vario colore.... vedremo....
Il giocattolo, la mini macchina da cucire è un insieme minimale di perni ed ingranaggi. Cucitura a passo fisso, niente zig-zag, niente regolazione della velocità, niente avvolgitore per i rocchetti.... il minimo indispensabile per unire due lembi di stoffa, niente di più... come ci si aspettava. Per realizzare delle piccole custodie, delle bustine con chiusura a velcro, magari può andare più che bene, forse anche per riparare strappi o per piccoli interventi. Per confezionare vestiti nemmeno a parlarne dai. Ma un buon laboratorio deve avere anche qualcosa per cucire, tra un forno di fusione ed una smerigliatrice a nastro. L'importante è essere autosufficienti, che la catastrofe economica e sociale è ormai alle porte. Alla prossima, imbecilli.

P.S.  Camaleonte si mangia chi insetto si fa. Ripeto: Camaleonte si mangia chi insetto si fa.

domenica 26 ottobre 2014

Samsung ML1210 (autopsy)

Certe stampanti arrivano ad un tale livello di usura (o di cattivo stato dovuto ad incuria) che non vale la pena di ripararle. Porta parallela (ormai scomparsa), 600dpi, 12 ppm... nell'usato si trova di meglio. Questa, una Samsung ML1210 è ormai giunta a fine vita, così almeno ho deciso che sia, non fosse per il fatto che ho trovato lo schema elettronico e così posso recuperare i componenti per i quali non si trovano quasi mai le caratteristiche o i data sheet. Ho deciso di studiarla a fondo e, perchè no, recuperare qualcosa per il miliardo di progetti che ho in sospeso, compresi quelli futuri. 
Il problema più grave di questa stampante è il solenoide... la carta entra a pacchi, quando entra, non un foglio alla volta. 
Ad aggravare la situazione è anche un pick-up roller, davvero semi distrutto. Lucido in alcune parti ed addirittura crepato. Dal service manual, la sua vita è di 60.000 fogli, ma il foglio demo della stampante mi riporta appena poco più di 15.000 fogli stampati....qualcosa non torna, esattamente come il modello Samsung di qualche post fa... mi sto convincendo che il gommino che fa frizione e trascina dentro la carta nel percorso iniziale, prima che la carta stessa sia presa dai rulli, sia di scarsa qualità... dai, un pò di cattiveria gratuita... obsolescenza programmata... chi si sogna di portare in riparazione una stampante simile, pagata poco e usata per anni, quando non si vede l'ora, da perfetti consumisti indotti, di comprare un modello nuovo? E si che questo modello ha un costo per pagina molto contenuto ed inoltre consuma poco...40Watt in stampa ed appena 20W a riposo. Vabbè, sono stanco, oggi, di rimproverare una massa di unani spendaccioni e spreconi, solo che il pianeta non ce la fa più e su questo a volte ci vengo a vivere per brevi periodi. 
Il componente che più mi intrippa è la lampada alogena all'interno del fuser. 22 centimetri a 220 volts... come non pensare ad una lampada geek? Si ma mica una lampada normale... un modello con termistore e resistenza NTC, comandata da un microprocessore che ne regola la luminosità se si scalda troppo (misurando la temperatura ambiente) o la spegne quando supera i 150 gradi centigradi... magari da usare all'esterno per il vialetto o per gli angoli bui del giardino... 
A proposito di NTC e termostato... in foto si vede una resistenza NTC (quella rivestita con il Kapton... il nastro arancione). E' direttamente a contatto con il tubo di alluminio (in foto non c'è l'ho tolto) che riscaldandosi fonde il toner sulla carta al suo passaggio (si trova sempre nel percorso finale, verso l'uscita)...notato niente? è sporca ed incrostata... sicuramente non stava facendo egregiamente il suo lavoro. Se pertanto la carta della vostra stampante scotta troppo... c'è l'NTC da pulire....auguri. 
Il circuito che accende la lampada è già fatto, comandabile tramite un segnale on-off a 24Volts ed un diac.... si può pensare ad un PWM per regolare l'intensità luminosa... ma anche ad un riscaldatore per il percloruro ferrico (per i PCB), basta mettere la lampada sotto una piastra di alluminio ed il gioco è fatto (alle estremità la lampada ha due occhielli di fissaggio a vite... basta pensare ad un supporto ceramico, i fili sono già quelli rivestiti in tessuto... troppo facile. Andiamo avanti.
Lo schema mi permette di studiare il driver del motore passo passo (il circuito è praticamente già fatto, pronto per essere riutilizzato), compresi i due stadi di pilotaggio del solenoide e della ventolina a 24 volts (fosse stata da 12 sarebbe stato meglio)....perfetto per la stampante 3D. 
Fra le altre cose, una serie interessante di Zener, solenoidi, filtri, condensatori, ponti raddrizzatori, foto accoppiatori, condensatori per alto voltaggio, leds (una striscia di led rossi farà da stop per la bici), e poi dissipatori, switch, barriere ad infrarossi,  componenti introvabili facilmente in commercio, una miniera...
L'unico componente "misterioso" è l'LSU, la scatola nera con il motore a specchi ed il laser. Niente schema per quella (maledetti cinesi :-). Dovrò provare per tentativi, dato che ho la piedinatura dei connettori, due, uno per il laser ed uno per il motore. Con una telecamenra ho provato a vedere se si riusciva a notare il raggio laser uscire dal diodo ad infrarossi e diramarsi a cono verso la lente curva che si drova subito prima dello specchio deflettore che devia i raggi sul tamburo fotosensibile della cartuccia piena di toner... nulla, non si riesce a vedere nulla anche se le telecamere, nonostante i filtri, dovrebbero riuscire a registrare qualcosa....nulla di nulla, una dilusione diludente. Vabbè, pazienza..l'autopsia prosegue. alla prossima.

P.S. il dito è unto. Ripeto: il dito è unto. 

domenica 12 ottobre 2014

Pasta protettiva per legno

Da un pò, mi ritrovo in un periodo in cui devo distrarmi dalle preoccupazioni inutili che mi assillano. L'unico metodo efficace che conosco, contro la ciclica carenza di soldi, è quello di fare delle cose, possibilmente con le mani e possibilmente che coinvolgano la creatività, giusto per non far avvizzire il cervello ed evitare di diventare come la maggiornanza degli unani che popolano il vostro stupido pianeta. Vorrei riprendere, e lo farò, l'interesse per lo sviluppo software oltre alle attività di reverse engineering che tanto mi appassionano. Ma.... devo contemporaneamente liberare un pò di spazio per predisporre il laboratorio al fine di portare a termine alcuni progetti in sospeso. Un pò di cose alla volta e porterò a termine tutto quello che mi incuriosisce e che mi tiene la mente occupata in cose utili (tipo impara l'arte e mettila da parte). 
Mi ritrovo quindi per le mani dei fogli di cera d'api, quei fogli con le tracce esagonali che si mettono nelle arnie per favorire le api a costruire le cellette dove mettono il loro miele. Il nonno aveva un pezzo di terra enorme (beato lui) e si autoproduceva tutto quello che permetteva alla famiglia di vivere più che decorosamente (il terreno era il suo centro commerciale privato). Io, della generazione del consumismo, non ho le arnie ed avrei delle difficoltà ad "allevare" delle api praticamente in centro al paese dove abito... per cui... la cera d'api a buttarla nemmeno a parlarne. Ne farò delle candele. 
Ma una parte la riuso per produrre una crema protettiva impregnante per il legno. Nei miei lavoretti di falegnameria, un trattamento alla cera d'api è un tocco che conferisce una finitura eccellente. La cera d'api, per essere utilizzata a tale scopo, deve essere mescolata con dell'olio minerale. Non ricordo le dosi, sono andato un pò ad occhio, ma il risultato è una pasta tenera e malleabile anche quando si raffredda. Con una spugnetta, un panno o della carta la si può spalmare finemente sulle superfici in modo da otturare la naturale porosità del legno e proteggerlo dall'umidità, senza usare vernici, solventi o altri prodotti definiti "ecologici", che di ecologico non hanno nulla. L'aspetto finale, dopo che l'olio e la cera si "asciugano" (un paio di giorni) è una superficie satinata, piacevole al tatto, superba. I balsami alla cera d'api che si trovano in commercio costano un occhio della testa. Questa invece, praticamente a costo zero. Me ne sono prodotto un barattolo (a chiusura ermetica) e sicuramente lo userò in futuro evitando l'acquisto di altri prodotti, godendo come un riccio per aver contribuito al tracollo economico di quelle aziende inquinanti che si mascherano dietro l'etichetta dell'ecologia per mere ragioni di markerting...bastardi...alla prossima.

P.S. i fiori rossi sono profumati. Ripeto: i fiori rossi sono profumati. 

sabato 11 ottobre 2014

Candele fai da te (esperimenti)

Non è proprio un argomento tecnico, ma lo scopo di questo diario è quello di annotare i miei esperimenti a futura memoria personale. Se poi qualcuno, sparso nel mare del web, farrà uso dei trucchi imparati da me...tanto meglio. Da anni tengo in un sacchetto una quantità industriale di candele usate, racimolate nel tempo con la scolita richiesta.... "ma quella la butti?
Sembra incredibile ma famiglie, bar e ristoranti a lume di candela e più in generale degli autentici spreconi, gettano nella spazzatura le candele che sono considerate "a fine vita". Pensate a quei ceri enormi di tutte le forme e colori che si vedono come complemento di arredamento in molti locali GLAM. Cera a base di paraffina il più delle volte...cera d'api qualche volta, una vera rarità che costa un occhio della testa ed è un peccato solo accendere la candela (è roba per raffinati, non certo per unani dell'ikea). Proprio ieri mi sono recato dai cinesi. Due teglie da dolce (quelle più economiche ovviamente) di dimensione concentrica ed il bagnomaria è fatto (3 euro in totale). Prima, usavo una pistola ad aria calda. Funziona lo stesso, si fa prima ma è molto probabile che la cera si surriscaldi troppo (a volte fa anche fumo se si insiste). Una cera troppo calda, versata in uno stampo, può creare dei vuoti all'interno della candela dopo che si solidifica. Mi è successo in un occasione. Appena lo stoppino ha raggiunto il vuoto, il cero praticamente si è incendiato tutto, producendo una fiamma molto alta, subito pronta ad aggedire i mobili in legno e gli oggetti inveitabilmente infiammabili di cui ci circondiamo. Solo la presenza durante l'accaduto ha impedito andasse a fuoco la casa. L'esperienza insegna. Ora tocca ai punti critici... 
Scioglimento della cera:...bagnomaria forever. Per l'elemento riscaldante ho usato il ferro da stiro capovolto, modificato per altri scopi, già descritto per dissaldare i componenti elettronici SMT dai PCB e recuperare i componenti. La temperatura della piastra non è elevata ma è sufficiente a far bollire l'acqua nel bagnomaria. Venti minuti al massimo ed un cero da un kilo si scioglie alla temperatura giusta, senza bollire. 
Lo stampo: per lo stampo, io uso un tubo da spedizione di cartone (riutilizzabile infinite volte ed apribile sul fondo), ma può andare bene anche il cartone del vino, il rotolo della carta igienica, il contenitore del medicinale o qualsiasi contenitore che si possa aprire per togliere la cera solidificata o che comunque permetta agevolmente i togliere il pezzo. L'avvertenza per il cartone è quello di ungerlo all'interno con vaselina o olio minerale (anche quello per banbini) o glicerina vegetale, così da evitare fastidiosi appiccichi fra cera e cartone. Il tetrapack, per ovvie ragioni, non soffre dello stesso problema. Ovviamente, gli stampi in cartone (ex contenitori) sono usa e getta, così che una candela sarà sempre diversa dalle altre a meno di non avere una serie di contenitori tutti uguali. 
Lo stoppino: Per i più pigri e ricchi, al brico vengono venduti stoppini già incerati che però non sono mai della lunghezza giusta se si improvvisano gli stampi di recupero...sono uno spreco. Io, in sciopero della spesa, uso uno spago di cotone avvolto con una spirale abbastanza larga di filo di rame smaltato sottile, recuperato da qualche avvolgimento di un motorino rotto. 
Lo stoppino che produco in realtà è composto da tre fili avvolti a mò di treccia, per creare una fiamma più consistente in relazione alle dimensioni del cero. Il filo di rame irrigidisce lo stoppino, lo tiene in piedi quando brucia e impedisce che si accorci troppo durante la combustione, fondendosi e dissolvendosi man mano che la cera si consuma. In capo allo stoppino resterà una pallina fusa di rame che va tolta di tanto in tanto. Senza filo di rame lo stoppino resterà cortissimo, appena sopra la cera fusa. Basta una folatina di aria e la fiammella si spegne. Più lo stoppino è grosso e più consistente sarà la fiamma, accorciando però la durata della candela. 
Profumi: Per i più sboroni... si compra olio essenziale al gusto preferito e lo si mescola alla cera fusa (meglio se il contenitore è un vaso di vetro a chiusura). Per i veri geek si mescola alla cera la pianta essiccata preferita, sbriciolata finemente (rosmarino, cannella, erba luigia o limone, arancia, chiodi di garofano, ecc)...la fiamma farà il resto (attenzione a non esagerare con la dimensione dei pezzi essiccati...pericolo di incendio). L'olio essenziale è più consistente come resa mentre le piante restituiranno un profumo leggero e delicato (sconsigliato agli ex fumatori con il naso bruciato dalla nicotina). 
Il porta cero: qui ci si può sbizzarrire. Poco tempo fa ho avviato le sperimentazioni di taglio delle bottiglie di vetro proprio per pensare di realizzare dei porta candela o dei portaceri. Lo step successivo sarà la foratura del vetro per creare dei portacandele a sospensione. Vedremo, tempo e voglia permettendo, non sarò rapido.
PERICOLO: occorre sempre fare attenzione quando si usano fiamme libere (sembra strano ma c'è sempre bisogno di ricordarlo). Nel nostro caso, uno stoppino non perfettamente centrato potrebbe causare la fuoriuscita incontrollata di cera fusa con conseguente incendio dello stoppino scoperto che prenderà aria e iniziarà a bruciare la cera di cui è imbevito... il cero potrebbe inoltre cadere, rotolare, andare a finire sotto il letto dove si conserva la polvere da sparo fatta in casa o il C4 autoprodotto ed addio a tutto il condominio ed all'asilo accanto affollato di orfanelli poveri e malati...avvisati...azzi vostri... magari producetele per regalarle al vostro nemico in segno di "pace"... bastardi. 

P.S. Le feste sono vicine, è finito il vino. Ripeto: Le feste sono vicine, è finito il vino. 

mercoledì 8 ottobre 2014

Avvitatore PT CD006 (batterie parte 2)

Ed alla fine, mi ritrovo con un avvitatore più potente (vedi parte1). Il giro in negozio è stato fruttifero. Appena entro, mi fiondo con sicurezza verso gli scaffali delle batterie e ne scelgo una al piombo che entra nel vano come un pisello nel suo baccello. Al bancone, il commesso solleva alcune perplessità. Le batterie al piombo non danno agli avvitatori lo stesso spunto delle nikel-cadmio o nichel metalidrato. Cerco di capire perchè, se la capacità è la stessa... riesco solo ad ottenere una dichiarazione... "le nichelcadmio sono più cattive"...forse intendeva "brutali" riferendosi all'amperaggio allo spunto....boh... Mi fa notare inoltre che le Ni-Mh da 2000 mAh (Kinetic N2000SC1P) sono più grosse di quelle da 800 rinvenute nel pacco, ma le loro dimensioni sono perfette per riempire gli spazi vuoti. In sintesi, il pacco batterie "standard" degli avvitatori è dimensionato per alloggiare solitamente le batterie più grandi di quelle di tipo AAA usate dai cinesi. Segue una sequenza di battute in valutazione del concetto di "qualità" dei cinesi e sull'estremizzazione dei prezzi al ribasso nel settore utensileria da hobbisti. 
Ergo... alla fine della chiacchierata, decido di prendere le batterie più grandi. Torno in laboratorio e mi accingo all'assemblaggio. Le linguette le ho puntate con dello stagno (punta a 350° ed un pò di flussante agevolano molto il lavoro). Dopo un oretta di lavoro il pacco batterie è installato ed in carica. Tre ore dopo misuro 16 volts circa... wow... l'avvitatore va che è una meraviglia. Ora lo devo testare sotto carico, per verificare se riesco ad utilizzarlo abbastanza a lungo per i lavoretti in falegnameria. Unico neo...la spesa... ogni batteria costa circa 4 euro e ce ne vogliono 10. Certo avrei potuto tranquillamente cercare in rete e trovare una soluzione più economica ma, dato il prezzaccio di acquisto dell'avvitatore (meno di dieci euro), trovato in offerta, direi che la spesa ci può stare. 
Il tutto risulta un pò più pesante ma è il prezzo da pagare per una maggiore autonomia, poco meno che tripla rispetto a prima. Alla prossima. 

P.S. I topi rosicchiano le provviste. Il mulo è in sciopero. Ripeto: I topi rosicchiano le provviste. Il mulo è in sciopero.

martedì 7 ottobre 2014

Avvitatore PT CD006 (batterie parte 1)

La domenica, tra i tanti giretti di esplorazione del territorio, ci si ritrova a fare l'immancabile giretto al Brico di zona. L'ultimo, visitato con la curiosità di chi è alla ricerca di attrezzi e strumenti utili per le riparazioni domestiche, ha dato i suoi frutti. Tra gli scaffali ripieni di utensili, è in bella vista una pila di avvitatori a batteria ad un prezzo davvero scontato. Meno di dieci euro per un avvitatore con allegato controllo di coppia, set di punte da legno e inserti per avvitare. Da tempo ero alla ricerca di un avvitatore perchè con il trapano, anche se regolato in velocità è un casino. Il trapano è pesante, non è bilanciato, si fatica a tenerlo con una sola mano, ha troppa potenza (e le viti affondano nel legno se non si fa attenzione), ha il cavo che ingombra non poco ed è un problema se si eseguono dei lavori al volo. Il prezzo medio di un avvitatore "serio", con batteria al litio + una di scorta, caricabatteria decente, controllo di coppia, magari a 48 volts... va da più di 159 euro in su, dipende dalla dotazione e dalla marca. La roba seria la si paga è ovvio ma... io non sono un carpentiere e se la batteria si scarica...pazienza, aspetto che si ricarichi e riprendo con i miei hobby. 
Dell'acquisto non sono pentito, anzi. L'utensile è un PT Primer Tool mod. CD006 da 550 g/min e classico mandrino da 10mm, fabbricato in cina e importato da una ditta brianzola. Come tutte o quasi le cose cinesi.... il problema è in agguato. Da 3 alle 5 ore di ricarica della batteria (che purtroppo scalda troppo) e si riesce ad avvitare dalle 5 alle 10 viti se va bene. Poi muore. Evidentemente la batteria non sta facendo il suo dovere, per cui urge disassemblaggio e conseguente delusione (e devo dire che me l'aspettavo). 
Il pacco batterie è formato da elementi da 1,2V 8mm mAh Ni-Cd ricaricabili (ovviamente) in serie da 10 per i 12 volts. Alcune presentano la classica formazione di cristalli bianchi che ci indicano come siano già da sostituire... già! "nuove"? no, ovvio che no. Chissà per quanto tempo l'utensile è rimasto in magazzino, ed in quali condizioni, prima di trovare un rivenditore in cerca dell'affarone (per sè stesso ovviamente, bastaldo di melda). 
Almeno è stato "onesto" da pensare ad un prezzo "umano", sapendo che le batterie non sono mai coperte da garanzia ed i resi per valori così modesti, statisticamente, avvengono raramente. 
Un pò di biadesivo tiene fermi gli elementi per evitare che se ne vadano in giro per il contenitore. Già. La cosa che stupisce è lo spazio vuoto... ce n'è a iosa, abbastanza per pensare ad una modifica e potenziare l'autonomia dell'utensile, visto che è l'unica problematica che presenta al momento. In fin dei conti è solo un motorino in cc ed alcuni ingranaggi fatti in serie (spero non di plastica). Parto alla ricerca di una batteria di ricambio e poi vediamo cosa si può fare. L'avvitatore mi serve che devo realizzare una sedia/scaletta pieghevole con due sedie di recupero... hihihi, mi diverto ogni giorno di più. Alla prossima. (parte2)

P.S. l'affare si ingrossa e la dispensa è vuota. Ripeto: l'affare si ingrossa e la dispensa è vuota.

martedì 30 settembre 2014

off topic

no dico, non ci voglio credere... a certe affermazioni proprio NO! "Non sono padroni, ma lavoratori. La sinistra li rappresenti"..."Noi oggi abbiamo detto con serenità che gli imprenditori sono dei lavoratori e non dei padroni e che la sinistra si candida a rappresentarli"... dico.... qualcuno si sta fumando roba veramente buona.... che caxo stanno dicendo? quale sinistra? il PD?? Pensare che il PD sia di sinistra è come sc*parsi una vecchia pensando che un tempo è stata giovane.
Qualcuno magari è disposto anche a crederci senza nemmeno pensare che ci stanno prendendo per i fondelli. Dopo aver visto gli operai votare lega perchè la "sinistra" non li rappresentava e poi, dopo i furti nelle casse del partito, passare con i 5 stelle, ora mi tocca assistere anche a questo ennesimo delirio. Robe da non credere. 
Ma veramente "qualcuno" ha detto una cosa simile? Gli imprenditori sono lavoratori? e da quando? Gli imprenditori tendono ad essere degli sfruttatori. Punto. Gli imprenditori  "danno lavoro" come merce di scambio per ottenere manodopera subordinata alla cieca ubbidienza silenziosa, senza diritto della benchè minima critica o osservazione (il più delle volte giusta e democraticamente sacrosanta). Gli imprenditori non sono lavoratori. Punto. Gli imprenditori pensano al profitto ed al proprio ego. Punto. Gli imprenditori, quando non hanno bisogno, ti danno un calcio nel culo e ti mettono per strada (poco gli importa del tuo mutuo di m*rda). Punto.  La crisi non è colpa dei lavoratori, che non possono intervenire nelle decisioni aziendali, ma delle scelte scellerate dei padroni. Punto. Se ad un imprenditore le cose vanno male, non è per colpa dei lavoratori. Punto. 
Ecco, c'era bisogno di ripartire dai fondamentali. E sicuramente si sente il bisogno di disegnare il profilo degli "imprenditori", quelli di oggi, spesso figli di altri imprenditori che tramandano dinasticamente l'attività a dei figli fancazzisti e scialacquoni. Sta storia del padrone buono è solo nellla testa di chi ha interesse ad annacquare il cervello di chi ormai si sta abituando alla schiavitù e che finisce inesorabilmente per solidarizzare con il proprio aguzzino...sindrome di Stoccolma, non c'è dubbio. Del resto, gli imprenditori sfruttatori, non esisterebbero se non ci fosse qualcuno disposto a farsi sfruttare un pò più degli altri. E via così verso il baratro, ma con il sorriso sulle labbra. Sì perchè vien da ridere davvero, trovare per strada i forconi (oops..."lavoratori non padroni") che distribuiscono volantini, per spiegarci che la crisi è colpa della germania, dell'euro, delle tasse, dello stato, dell'articolo 18, dei gay, degli extracomunitari, dei monsoni tropicali e delle cavallette.... tutti "imprenditori" sull'orlo del fallimento ad aizzare i pecoroni ignoranti per il proprio tornaconto. E quelli sarebbero "lavoratori" bisognosi di essere rappresentati da quelli che oggi si definiscono "di sinistra"?? Ma fermarsi un attimo a riflettere no? Nella miriade di imprese oggi nel vostro paese delle banane... quelle più grosse, i grandi marchi, sono state vendute, altre se ne sono andate a pagare le tasse altrove, altre ancora lavorano in nero e sono sconosciute al fisco...
Secondo quanto emerge dagli ultimi dati Eurostat relativi al 2011, l'Italia, con i suoi oltre 3,8 milioni di imprese. Di questi 3,8 milioni di aziende italiane, ben il 94,8% sono microimprese, solo il 5,2% sono pmi e appena lo 0,1% sono grandi imprese. Queste danno lavoro in totale a quasi 15 milioni di persone, di cui la maggior parte (46%) è impiegata nelle microimprese.... quanti sono quindi i "lavoratori non padroni"? 
Si, si, certo, certo... mi diverte assistere al vostro inesorabile declino, con un debito pubblico che aumenta sempre più, con la spesa fuori controllo, con le manovrine per dare 80 euro immediatamente rosicchiati dagli aumenti e decapitati dai tagli... lo volete capire che siete in una barca che affonda e nessuno sta tappando i buchi? rifiutate di crederci? Davvero? Bene. Allora va tutto bene, non c'è problema. Sono anni che chiedono sacrifici ai lavoratori ma le cose non sono mai migliorate. Ora tocca ai diritti, domani toccherà a qualcos'altro, ma non preoccupatevi. L'importante è credere che le cose vanno bene, la crisi sparirà d'incanto, sarete tutelati al massimo e non dovrete più preoccuparvi di nulla, ci pensano gli altri che avete delegato. Credeteci intensamente e soprattutto credete che il governo vi salverà... del resto l'avete scelto e voluto voi, non può essere che avete sbagliato a scegliere vero? Voi non sbagliate mai e la colpa è sempre degli altri. Andrà a finire che vi chiederanno di andare a picchiare i colpevoli, sempre gli altri, non voi, o magari saranno gli altri a venire a prendervi per picchiarvi... perchè... diciamolo...prima o poi il creditore verrà a presentare il conto per riscuotere e quelli non sono certo tipi che digeriscono bene la battuta "non ho un euro, fammi causa". 
Comunque vada, dopo il patatrac, tutti a leccarsi le ferite e si ricomincia con un altro giro uguale al precedente...l'importante è continuare su questa strada. La storia insegna, ma siete tutti dei somari. Fanchiulo teste di caxo!

P.S. l'orologio segna le 12. Ripeto: l'orologio segna le 12.  

giovedì 18 settembre 2014

Samsung ML-1510 (in riparazione / riparata)

Ma..., dico io..., è possibile che bisogna buttare una stampante funzionante solo perchè si è consumato un pezzettino di gomma del valore di pochi centesimi? Uno stupidissimo pezzettino di stupidissima gomma. La carta dal cassetto non parte... è il pick-up roller, un gommino consumato che non fa il suo dovere e non fa più attrito...a meno di non stampare su dei fogli di carta vetrata (e non è detto che non ci provi un giorno, per vedere l'effetto che fa). 
Sostituirlo? Certo. Per accedere al pick-up roller bisogna smontare praticamente tutto...il top cover...vabbè, l'exit roller, l'LSU, il motor assy, il drive assy, l'engine shield assy...non resta poi molto da smontare alla fine. Va così che alla fine il costo di riparazione (se si decide di rivolgersi ad un peracottaro autorizzato) supera il valore dell'hardware, un classico. Complimenti per la politica consumistica di queste multinazionali che continuiamo ad ingrassare. Allora che si fa? si butta? nonono, si ripara. Abbiamo due possibilità. 
La prima a "costo zero". Si accede al perno che sostiene il gommino e lo si ravviva con della carta vetrata grana 80/40 o un pò più fine. Basta ravvivare il lucido della superficie, senza incidere troppo, e si crea una superficie nuovamente ruvida abbastanza da fare presa sulla carta. Funziona? in alcuni casi si. L'idea di rivoltare dentro per fuori il gommino, come un calzino, mi era venuta...ma... l'interno è liscio e non va bene...bastardi. 
La seconda... si googla e si cerca su ebai il pezzo... 4 dollari + tre di spedizione o poco più (evitando quelli che te lo vendono a 13 o 32 dollari)... e lo si sostituisce. 
Con l'occasione, vista la stampante ridotta ai minimi termini, si pulisce per bene l'interno dalla polvere e dai residui di toner, specialmente dalla lente che sta all'ingresso della carta (sensore Jam 1) e la ferraglia torna come nuova di fabbrica...è hardware ragazzi!! Aspetto che arrivi il pezzo e poi vediamo chi la vince. 
Ma nell'attesa è tempo di qualche considerazione. 
Dal service manual si scopre  che sia il gommino che gli altri rullini sono garantiti per 60.000 fogli. Dal menu di configurazione ed autotest della stampante scopriamo che ne ha stampati 9942... ok c'è qualcosa che non quadra...l'usura del gommino mi dice altro... forse la stampante è stata resettata o aggiornata... ma il dato preoccupa un pò. Viene anche da pensare ad un caso di obsolescenza programmata, si progetta ad arte un pezzettino che si consuma un pò più del previsto ed il gioco è fatto. Vai a dimostrare poi con delle perizie che è vero, si dirà che "quel" pezzettino era di "scarto".  
60.000 fogli sono 120 risme di carta da 500 fogli cd. Un azienda di piccole dimensioni (con un paio di impiegate diciamo, per capirci) ne può può consumare 12 tranquillamente in pochi mesi o al massimo in un anno, una al mese sono circa 25 fogli al giorno... ci  può stare come ipotesi. Quindi, se vogliamo ragionare in un ottica di manutenzione preventiva, il gommino andrebbe sostituito una volta ogni 10 anni...a che costi?. Smontare, sostituire, rimontare, per uno che lo fa tutti i giorni, può portare via un paio d'ore in totale... 100 euro in tutto...senza fattura? ci può stare. Al costo della manutenzione programmata aggiungiamo il toner (che include nella cartuccia anche il tamburo "per fortuna"). La cartuccia costa al minimo 17 euro ivata e spedita, oggi....all'epoca costava sui trentadue euro (e qualcuno ad oggi le vende ancora a questa cifra o più)...ce ne vogliono 2 all'anno (una cartuccia mediamente dura per 3000 fogli circa)...quindi dai 34 ai 64 euro all'anno cui vanno aggiunti 10 euro di manutenzione (la frazione annuale del costo decennale). Quindi, costo della carta a parte, ogni foglio stampato ci costa, se consideriamo 20gg lavorativi al mese per 11 mesi tolte ferie e festività) circa 0,0113 centesimi di euro (solo di stampa e manutenzione senza contare nemmeno l'energia elettrica). Notiamo come il costo per stampa è veramente basso, meno di una fotocopia (LOL e viene da pensare ai ricarichi delle copisterie, maledetti ladroni). 
Ragionamenti di questo tipo, li ho sentiti fare da alcuni imprenditori illuminati, preoccupati solo a massimizzare i profitti e perdere tempo a farsi le seghe mentali, che fa tanto imprenditore bocconiano fighetto e pure un pò glam. 
Ma alla fine... per un gommino del valore di pochi centesimi e del costo di pochi euro.... conviene davvero buttare la stampante? No. Decisamente no. Venderla a 18 euro con annunci del tipo "Vendesi stampante Samsung ml 1510 difettosa, buona per ricambi. Difetto : La stampante stampa ma non cattura i fogli dal cassetto."? ...è solo un gommino da 6 euro imbecille, non te ne dò altri 18.!... ma poi... come fa a stampare se non prende i fogli? mistero. 
Per mettersi l'animo in pace, basta pensare che una volta pagata in negozio, una stampante rappresenta un piccolo costo continuo, sia per i consumabili che per la manutenzione. Meno costa come consumabili e manutenzione e più conviene tenersela stretta, visto l'andazzo che punta a farci consumare inchiostro e toner il più possibile, riducendone progressivamente la quantità nelle cartucce. Stampanti di questo tipo, "da supermercato" come le definisco io, sono adatte a ditte individuali, piccoli uffici, privati, non certo per chi ha necessità più importanti. Ma a conti fatti, visto che per recuperarla IO in realtà ho speso solo 6 euro (e potevo tentare di grattare il gommino a zero euro).... a ME non conviene buttarla, ma ripararla nei ritagli di tempo libero e sfruttarla per emergenza, per fare un regalo o per venderla a qualche imprenditore illuminato col braccino corto, che le si trovano a 30/60 euro usate o 300 euro nuove su amazon. La mia sta per diventare praticamente nuova, come la mettiamo? Continuiamo a ingrassare le discariche e protestare quando ce le costruiscono dietro casa?Alla prossima. 

P.S. Il dito punta la luna. Ripeto: il dito punta la luna.

Aggiornamento: gommino sostituito, stampante pulita internamente... tornata come nuova pronta a fare il suo dovere per altri 10 anni. Ora dovranno inventrarsi di cambiare la presa USB o cambiare linguaggio / metodo di invio dati alla stampante... la vedo dura per loro...bastardi. Dovrete vietarle per legge ed ancora non ce la farete. Idioti.

P.P.S. la luna è nera. Ripeto: la luna è nera. 

mercoledì 17 settembre 2014

Taglio bottiglie di vetro (parte 1)

Era da un pò che avevo messo da parte due bottiglioni di vetro, presi appositamente non tanto per il vino contenuto (uno dei quali non era poi un granchè...acqua e polverina colorata) ma per il contenitore. L'idea iniziale era quella di realizzare due vasi porta biscotti e con la parte a cono rimanente, una lampada a soffitto. 
Ed ecco che, dopo la consegna dell'ultimo lavoro che probabilmente non verrà pagato (ormai lavoro gratis e non so come dirlo all'agenzia delle entrate), decido di cimentrami nel taglio del vetro. Ah, sembra sia necessario dirlo a quei deficienti che... lavorare il vetro è pericoloso...stare attenti e non procedere se non si sa come fare o come proteggersi adeguatamente... unano avvisato...
Da esperienze deludenti in passato, l'approccio in questo caso è stato preceduto da una fase di documentazione in rete, circa i metodi adottati per evitare di far esplodere in mille pezzi la bottiglia o produrre tagli storti ed inutilizzabili. Bisogna dire che in rete si trovano consigli bislacchi, incompleti, imprecisi...sembra tutto facile ma tra il dire ed il fare... qui non ho voglia di riportare una guida definitiva (questo lo lascio ai ladri di click) esaustiva (questo lo lascio ai professoroni del web), precisa (questo lo lascio agli "ingegneri"), che funzioni al 100% (questo lo lascio ai cazzari del Kazzakistan).... per dio, questo è solo un diario ipotecnologico, inutile, impreciso e minimalista!

Il principio di base per un taglio decoroso è quello di creare una frattura nel vetro in un punto previsto (magari agevolato da un incisione) e sfruttare la dilatazione termica combinata alla rigidità del materiale ed alla sua conduttività termica. L'incisione fa da guida, il calore fa sì che la frattura generata dalla differenza di temperatura segua la linea tracciata, rompendo lo spessore rimanente.
In alcuni metodi si sfrutta solo il calore concentrato su una linea precisa, ma il risultato non sembra poi tanto soddisfacente a meno di non usare alcuni accorgimenti. Fra i metodi analizzati, si rilevano i seguenti
  • spago imbevuto di alcool e immersione in acqua fredda
  • tagliavetro diamantato, acqua bollente e acqua fredda
  • tagliavetro diamantato e martelletto 
  • resistenza elettrica

Il metodo che dà migliori risultati, con un taglio netto e preciso, è quello della resistenza elettrica che richiede però la costruzione di un supporto atto a far ruotare perfettamente in asse la bottiglia, oltre ad una serie di elementi non proprio di facilissima reperibilità. Il primo metodo è abbastanza "grezzo", buono quando si deve tagliare una sola bottiglia non "di pregio", a perdere, in quanto può dare dei risultati deludenti (togliere il tappo altrimenti la bottiglia "esplode"). Il secondo metodo richiede che l'acqua bollente venga concentrata sull'incisione...poca acqua bollente... provateci se ne siete capaci. Sulla base della disponibilità di tempo e materiali, al momento, in via puramente sperimentale, ho optato per la terza soluzione, in quanto il collo della bottiglia è risultato abbastanza largo da infilare un bullone fissato all'estremità di un asta flessibile al fine di picchiettare dall'interno in prossimità del taglio e provocare con pazienza la frattura del vetro. 
Per la linea di incisione, ho costruito in fretta e furia un "macchinario" il cui scopo è quello di tenere in asse il bottiglione sulle rotelline diamantate, in modo che l'inizio dell'incisione coincida esattamente con la sua fine (basta una sola passata altrimenti si frattura troppo il materiale e se inizio/fine dell'incisione non coincidono...il taglio verrà storto o alla peggio la bottiglia si rompe imprevedibilmente).  Per farlo ho recuperato dei pezzi di legno, due rulli di una stampante accapì, delle molle, viti da legno, squadrette per tenere fermo il collo della bottiglia, un vecchio tagliavetro arrugginito a cui è stato tolto il manico (tranquillo, meglio così altrimenti ti buttavo) e per il coperchio in legno del multistrato (due dischi per creare il fermo) ed un pomello decorativo salvato un letto destinato, ahimè, al contenitore del legno trattato in discarica.
Devo dire che comunque la soluzione non mi entusiasma poi tanto... il punto di taglio non è regolabile, la rotazione è manuale, occorre premere costantemente (quasi impossibile) la bottiglia... è in cantiere qualcosa di più serio, sfruttando un motorino demoltiplicato dei forni a microonde ed un elemento resistivo di un sigilla sacchetti o un laser di un vecchio masterizzatore DVD...stay tuned.
I risultati comunque sono fortemente condizionati dai seguenti fattori (legati anche al metodo usato):
  • precisione dell'incisione (costante e non interrotto)
  • tipo di vetro
  • spessore del vetro
  • temperatura applicata 
  • concentrazione della temperatura sull'incisione
  • precisione nel picchiettare l'interno
  • lubrificazione del diamante
  • stabilità della rotella diamantata

Tutti fattori che per un incisione precisa devono essere ben applicati (e possibilmente controllati in modo stabile). Data la precarietà del metodo qui appplicato, il taglio risultante non è stato poi dei migliori. Un paio di picchiettii fuori posto mi hanno creato due "U" sul bordo del vaso, oltre ad alcune sbavature in coincidenza di un incisione interrotta anche se di pochissime frazioni di millimetro. Dei tentativi successivi mi hanno fatto optare per il metodo di riscaldamento con la fiamma (un accendino turbo)... migliora qualcosa ma non è ancora perfetto. 
Devo proprio realizzare il macchinario universale... le idee che mi frullano sono troppe, complice anche una serie di filmati che mostrano delle soluzioni davvero interessanti. Step successvo...la foratura... hihi, ci sarà da ridere. alla prossima.

P.S. il panino è imbottito. Ripeto: il panino è imbottito. 

sabato 13 settembre 2014

Homemade E-Cigarette Vaporizer

Bravo! Bel lavoro...ma stai sicuro che lo faremo migliore, più veloce, più potente, più maneggevole....

http://www.instructables.com/id/DIY-Electronic-Cigarette/?ALLSTEPS

Grazie.

P.S. la nebbia agli irti colli piovigginando sale. Ripeto: la nebbia agli irti colli piovigginando sale.

P.P.S... sono curioso di vedere come il PS precedente verrà tradotto da gugol. LOL

mercoledì 10 settembre 2014

Samsung SCX-4521F (riparata)

E' bastato saldare uno ad uno i fili del cavo dell'ADF tranciato da un peracottaro in vena di improvvisazione tecnica e la stampante è tornata come "nuova". 3 ore di lavoro che non avrei dedicato a nessun "cliente"... che, diciamolo, non si meritano proprio lavori di questo tipo. Fanchiulo, continuate a buttare, comprare e lamentarvi. Solo una foto, non è un "guasto comune" che meriti di essere documentato a fondo. Ma...non è stato poi così semplice come vorrei raccontare. Unire i fili ed isolarli uno ad uno con del tubetto termorestringente ha inevitabilmente portato all'aumento della sezione totale del cavo, a sua volta protetto con un tubetto più grande  che non è sfilato tutto, ma ha lasciato scoperti alcuni fili (isolati ahimè con del nastro isolante, lo so... esteticamente brutto ma funziona, tanto si vede poco e poi la stampante è mia e vaffanchiulo ai criticoni incapaci). Ad ogni modo sono riuscito comunque a (ri)infilare il cavo nella sua sede. Con l'occasione ho anche: 
  • pulito dall'interno il vetro dello scanner, 
  • recuperato due viti che erano finite sotto il pannello di controllo (e trovarne altre due che mancavano dal sacchetto delle viti di recupero), 
  • pulito l'interno, 
  • sistemato alcuni cavi volanti che il peracottaro aveva lasciato fuori sede, 
  • fissare alcune parti montate male. 

Il lavoro è stato agevolato, di molto, dal service manual, trovato agratis per fortuna (è in vendita a 5 dollari in alcuni siti), fonte preziosa di informazioni e di dati tecnici interessanti per recuperare eventualmente i componenti interni quando un domani deciderò di riutilizzarli per chissà cosa. Che altro? Ah...il coperchio del flatbed è fissato con due clips di teflon....proprio non mi ricordo come erano montate... sarà la stanchezza...ci starò attento.  Ed ora posso dismettere l'accapì a getto di inchiostro che ha davvero la necessità di essere lavata internamente e riportata in sesto come fosse nuova di fabbrica... magari la vendo per 20/30 euro così recupero il costo del toner che è esaurito
Da un lato sono felice, ce l'ho fatta, dall'altro un pò triste. Ho sacrificato la visita alla compagna che ci è rimasta un pò male. Capisco piccina. Ci si vede tutti i giorni e pensavo che per una sera potessi capire che desideravo tornare nel bunker a trafficare con le mie cose. Ho una miriade di progetti in sospeso ma prima o poi dovrò riprenderli in mano. Mi serve per formazione personale, per lavoro, per svagarmi, per recuperare un pò di fiducia in me stesso e non pensare (almeno per un pò) alla merda che c'è fuori. Alla prossima.

P.S. il verme è nella mela e il baco non fa seta. Ripeto: il verme è nella mela e il baco non fa seta.

Samsung SCX-4521F (riparazione?)

No, non ci potevo credere, è impossibile! Mi pareva proprio impossibile. Da un occasionale giretto in cantina del solito sprecone che, dopo un periodo di accumulo, si accorge di non avere più spazio, fra le cose recuperate salta fuori una stampante laser B/N multifunzione Samsung SCX-4521F con funzioni di fax (che non mi interessa) ed un magnifico caricatore di fogli per lo scanner. Proprio il giorno prima, all'accensione dell'attuale HP che uso in ufficio, sento un bang! clack! Stock!! Crack! Clack, Clack! Sbam!! ed il carrello inizia a sbattere a destra e sinistra senza alcun controllo... una stampante indemoniata penso, forse i vicini mi hanno lanciato una macumba. Vabbè, so già da cosa dipende, è cosa facilmente riparabile e basta recuperare una mezza giornata, che non ho, per risolvere. 
La multifunzione laser capita a fagiolo. La vorrei mettere al posto di quella a getto che uso poco sulla quale periodicamente ed immancabilmente le testine (nuove) si seccano ed occorre bestemmiare in aramaico per farla ripartire. La samsung invece ha un costo del toner che è abbordabile, decente, sostenibile, per cui decido di collaudarla. Per le stampe a colori ho già una laser di recupero. Per le stampe di tutti i giorni una laser con un basso costo stampa è ottima. Se funziona la adotto (e se non funziona ne ho altre due pronte da rigenerare). La accendo e provo. Anche se segnala la mancanza di toner, riesco comunque a stampare le pagine di test (grazie anche alla funzione del firmware che disabilita l'allarme del toner). I driver per linux ci sono...proprieteri come quelli accapì, ma ci sono e la stampante viene riconosciuta al 100% scanner compreso...perfetto... passo a collaudare l'ASF.... morto... non si muove, defunto... hoibò come osa? Proprio quello che mi serviva. 
Decido di chiedere lumi all'ex proprietario... che ne so.... per me è perfetta, funzionava perfettamente... l'ho buttata per prenderne una nuova dopo che la segretaria si è lamentata... sprecone. Decido allora di approfondire l'indagine. Quando lo scanner funziona ma è "guasto" solo il caricatore dei fogli, ci deve essere qualcosa di localizzato nell'unità che ospita il motore, gli switch ed il sensore di presenza fogli. Apro, sollevo, guardo.... e..... e..... noooooooo.... un cavo tranciato di netto!! probabilmente per aprire, il vecchio proprietario non ha pensato di meglio che tagliare il cavo... altrimenti l'unità ASF non veniva via e non si riusciva a pulirla... incredibbile!! ora mi tocca procurarmi il cavo nuovo ma non ci voglio spendere nemmeno un euro.... mi sa che, armato di pazienza, tanta pazienza, giunterò nuovamente il cavo a mano, non ho altra soluzione (e mi toccherà smontare proprio quella parte che è più delicata e difficile. L'ASF mi serve proprio, è comodo per scannerizzare pacchi di fogli senza metterli uno ad uno...si risparmia un sacco di tempo. L'attuale ASF nell'accapì è lento e fa dei rumori strani...si sente come un rumore di gomma sulla plastica e degli ingranaggi che grugniscono... non ho proprio intenzione di aprire, controllare, lubrificare col rischio di rompere qualcosa. Preferisco procedere con il tentativo di riparazione sperando mi possano aiutare i colori dei cavi e che qualche progettista cinese non abbia pensato di renderci la vita difficile a noi occidentali che degli orientali non sappiamo nulla e per questo li guardiamo con sospetto. Procedo...con calma... alla prossima.

P.S. le pere sono mature. Ripeto: le pere sono mature.