venerdì 28 dicembre 2012

Sigarette fai da te - arrivano gli inquisitori!

Andate a rileggere tutti i post della serie... in tempi non sospetti, all'inizio della diffusione delle e-cig, avevo ipotizzato quello che sta accadendo in questi giorni. E' entrato in gioco, a gamba tesa, l'istituto "superiore" della sanità... apperò, che tempismo!
A dare supporto, ci sono schiere di giornalisti, indubbiamente prezzolati (lo capiscono anche i meno dotati) che nel riferire le "notizie" non mancano di sottolineare l'aspetto "salute" che circonda il dispositivo, con un abile gioco di "potrebbe" e "sarebbe" mescolato a frasi che danno ad intendere, in sintesi, che le sigarette elettroniche fanno male, senza approfondire a dovere ma enfatizzando solo una parte di quello che "dovrebbe" apparire un problema nazionale (e ci credo...brevetto cinese.... è un problema serio!).
La nicotina fa male!! ecco, questo è il messaggio che passa. La nicotina è mortale, si sa, se presa pura o in dosi elevate. Ma in rete si trovano articoli contrastanti che dicono in sintesi...in piccole dosi la nicotina aiuta e bla bla bla. Quello che manca è l'idea di "dose" dannosa o benenfica, così uno si regola e ci sta attento, evitando di demonizzare. Se 10mg sono una dose mortale, quanta nicotina c'è (in milligrammi) nelle boccette da 20 ml al 9%?? boh, nessuno lo dice e figuriamoci se i "giornalisti" che tanto blaterano si siano mai posto il quesito. Si dice che la nicotina inalata può favorire dipendenza ai non fumatori... attivi o passivi?? boh, nessuno lo dice. Ed in quale percentuale? boh, nesuno lo dice. Si legge che la sigarette elettroniche fanno male ai minori... eh?? ed i maggiorenni, se fosse vero, sono immuni?? boh, nessuno lo dice. In parlamento la virago verde si è scagliata contro le e-cig ordinandone il bando (verbalmente, e sì, la lega legifera a voce). Nei bar, i fumatori costretti ad uscire al freddo a tirare chiedono agli svapatori si smettere od uscire per "rispetto degli altri"...da non credere. In giro c'è un bran blaterare "che fanno male" ma chi lo dice è un tabagista incallito incapace di cambiare (per paura non si sa di cosa) o un pappagallo rompic*glioni che ripete quello che legge o sente alla TV. 
Fatto sta che in questo mondo di disinformazione di massa rivolta a chi internet la usa male, la notizia che inizia a passare in sordina è che la sigaretta elettronica "deve" diventare presidio medico chirurgico (eh??!), e guarda caso, passare sotto il controllo delle farmacie... he he he.... tutto come previsto, ci pigliano pure in giro. 
Si stanno muovendo, e mi aspetto in futuro una tassa anche sulle sigarette elettroniche coma accade già per le bionde. Così, centinaia se non migliaia di nuove attività nate dal niente ed in periodo di crisi e precariato, dovranno o chiudere o saranno soggette ad una serie di controlli e balzelli da scoraggiare anche il più intraprendente dei giovani che in quel modo avevano trovato modo di sbarcare il lunario (oops...si dice startup). E' proprio vero...appena si cerca di uscire dalla m*rda c'è sempre qualcuno che cerca di rificcartela dentro per predere il tuo posto e fare soldi a palate, al posto tuo ovviamente. Sperate nelle briciole se ne lasceranno cadere a terra, buona fortuna itagliani. 
Alla prossima

P.S. Il pappagallo di paglia canta. Ripeto: Il pappagallo di paglia canta.

giovedì 20 dicembre 2012

Rainbow candle

Con la scusa di un giretto al supermarket per prendere l'idraulico liquido, mi imbatto quasi per caso su un nuovo prodotto ed immediatamente mi viene in mente un utilizzo alternativo. Poco tempo fa mi è stato regalato un alberello di natale usb di plastica trasparente, che si illumina con i led multicolori (o rainbow led). Un regalo per sopperire alla distruzione della mitica ed insostituibile glitter lamp usb, andata dopo un uso intenso da parte di chi l'ha presa in prestito restituendola guasta (anatema!!). L'alberello natalizio necessita di un nuovo led multicolore e la necessità ha messo in allarme la ricerca di qualcosa da cui recuperarlo. Quale migliore occasione di un oggetto destinato alla discarica dopo il suo unico utilizzo?? Ho trovato una candela in bicchiere che all'accensione della fiamma, automaticamente, attiva un led multicolore al suo interno. Ho trovato anche un video, eccolo.... 

Immediatamente non ci volevo credere ma è così. Non ho ancora capito come si accenda e spegna da sola semplicemente accendendo e spegnendo lo stoppino, forse una fotocellula tarata sulla luminosità della fiamma, anche perchè non mi sembra ci siano sensori di temperatura solitamente "lenti". Ora devo solo aspettare che si consumi (25 ore dichiarate) e disobbedire alle raccomandazioni del produttore, un disgraziato che dice ai propri clienti di buttare dopo l'uso, ma solo quando la cera arriva a 2,5 centimetri dalla fine...ma se la fine non si sa dov'è (non c'è alcun segno), come si fa a capire quando buttare il tutto?? e poi... non si può in qualche modo recuperare il bicchiere in vetro satinato?? perchè no? bisogna per forza buttare tutto?? e come la mettiamo con la batteria che potrebbe avere ancora un pò di energia?? ed il led, buttiamo anche quello vero?? Certo certo... si legge nelle istruzioni di smaltimento "obbligatorio"..."Capovolgere la candela consumata e dare un colpetto energico alla superficie rivestita da materiale morbido. Rimuovere la cera e la parte elettronica. Separare le batterie e smaltirle secondo la normativa vigente. Smaltire la parte elettronica secondo la normativa vigente. ATTENZIONE: il presente dispositivo deve essere smaltito con raccolta differenziata e non come normale rifiuto, oppure può essere riconsegnato al distributore all'atto dell'acquisto di un nuovo apparechio equivalente. Il mancato rispetto delle direttive è soggetto a sanzione amministrativa in accordo alla normativa vigente".
Ora, facciamo un pò di riflessioni che ci possono convincere a violare la legge... il "colpetto energico" è un vero ossimoro e la superficie morbida ?...boh, vedremo. Smaltire la cera.... nel secco non ricilabile? la cera è riciclabilissima ma non esistono contenitori appositi...come facciamo?? la buttiamo nel secco non riciclabile anche se è riciclabile? Occorre smaltire cera, vetro, batterie ed elettronica con la differenziata, ma se il mio comune è amministrato da un *#@@!** di m*rda che non fa la differenziata cosa devo fare? depositiare il rifiuto davanti a casa sua? boh. E tutto sto lavoro di separare e differenziare...perchè non è compensato con una diminuzione della TARSU che aumenta ogni anno?? eh?? a chi sto pagando lo stipendio, eh? ad un manager di m*rda che paga sottobanco anche l'amministrat*re di m*rda per prolungare la "convenzione" di raccolta rifiuti senza nulla riciclare?. E poi, ammesso che volessi comprarne uno nuovo restituendo l'usato (il dispositivo)... la restituzione va fatta al distributore...chi è? eh?? il commerciante al dettaglio, il grossista o l'importatore?? tutti e tre distribuiscono...quale dei tre?? stai a vedere che è il corriere che fa le consegne. Ah...che sciocco...all'atto dell'acquisto...è sicuramente il supermercato... vorrei proprio provare a consegnarlo ad una di quelle commesse sceme e svampite, che hanno terminato la scuola dell'obbligo a calci in c*lo....ci sarà da ridere.  E poi..."la normativa vigente"...quale?? cerco con google "normativa vigente"?? E la normativa vigente prevede il ri-utilizzo delle cose?? sono soggetto a sanzioni se riutilizzo le cose senza smaltirle?? e se non smaltisco nulla, idealmente producendo zero rifiuti... devo pagare lo stesso lo smaltimento dei rifiuti?? Si, purtroppo si, la normativa vigente è stata scritta da dei dementi malati e vigenti...deficienti con tanto di diploma preso per miracolo.  

Nel frattempo mi devo sorbire una nauseante fragranza di vaniglia e caramello che ha saturato l'ambiente e mi fa venire mal di testa. Appena finisce la cera, non vedo l'ora, inizio a smontare il tutto per capire cosa c'è dentro e recuperare il led, così il natale posso arredare l'ufficio con l'albero geek tecnologico che fa tanto atmosfera... alla prossima. 

P.S. se domani è la fine del mondo sappiate che vi odio tutti, se non ci sarà... scherzavo.  Ripeto: se domani è la fine del mondo sappiate che vi odio tutti, se non ci sarà... scherzavo.

martedì 18 dicembre 2012

Ovovogio 2

Un altro "ovovogio fine 900" che ci lascia e smette di funzionare. Questo proviene dalla cucina, sottoposto a vapore e sbalzi di temperatura notevoli. Ha fatto il suo dovere per anni ed anni, senza sbagliare un secondo e mi sembrava brutto gettarlo fra i rifiuti, assieme al fratello della stanza accanto che per primo se ne è andato in silenzio. Per qualche giorno l'ho tenuto in ufficio, sino a quando, spinto dalla necessità, mi è venuta l'idea di come riutilizzarlo. Ho tolto la meccanica ed è diventato un praticissimo ed utile vassoio per portare il thè delle 5 accanto al PC che uso per lavoro. Un ottima idea. La base è solida con un buon bordo anti scivolamento che evita alle tazze di uscire quando lo si porta in giro. Bene, non avrò salvato il pianeta ma almeno ho tolto qualcosa ai nemici dell'ambiente che inceneriscono tutto quello che gli capita a tiro, avvelenando anche me. Ecco comunque cosa intendo per "riutilizzo delle cose".  Alla prossima.

P.S. il bruco esce dalla mela. ripeto: il bruco esce dalla mela.

martedì 11 dicembre 2012

La stampante che non funziona

Un cliente ha scoperto che la sua stampante a getto di inchiostro, per funzionare, ha bisogno delle cartucce e che queste, se sono installate, addirittura che devono necessariamente essere cariche di inchiostro, altrimenti la stampante non funziona.  Diceva che era rotta e che bisognava cambiarla con una nuova. 
UNANO di m*erda, ti meriti la visita di una schiera di commerciali pronti a venderti l'impossibile sino a prosciugarti il conto bancario già ridotto all'osso.... in giro di soldi ce ne sono pochi, in misura inversamente proporzionale agli sprechi di certi dementi ed alla loro ignoranza tecnologica. 

P.S. gomma liquida e ceralacca. Ripeto: gomma liquida e ceralacca. 

domenica 9 dicembre 2012

Accumulo compulsivo

Mi sa che sono malato. Sicuramente mentalmente disturbato, come diagnosticò tempo fa la mia tenera compagna in vena di affettuosi complimenti. Ho scoperto da poco, dato che non ho per scelta nè la TV e tantomeno il digitale terrestre voluto da dei dementi, la serie "sepolti in casa"... cose da non credere. Unani che si circondano sino al soffitto di "cose" ed immondizia... ma non sono tutti uguali. Alcuni vivono nella sporcizia, fra cartacce, lattine, bottiglie vuote e residui di cibo... a volte sono anziani o disabili che non ce la fanno proprio (fisicamente), altri casi di depressione cronica mai curata o peggio di traumi affettivi mai elaborati. Altri invece che accumulano oggetti, separano la plastica dal metallo e così via... ammucchiano con criterio ed ordine maniacale dando un preciso "valore" e significato ad ogni singolo pezzo messo da parte. Un altra categoria è quelli che sono affetti da shopping compulsivo, comprano cose nuove e le mettono da parte, tanto erano "in offerta" (e ci mancherebbe) e che un domani potrebbe servire di sicuro.
La cosa che mi ha colpito particolarmente è il punto di vista di quelle persone che si circondano di oggetti, ognuno dei quali è o un ricordo o racchiude un utilità ben definita e percepita ma mai sfruttata.  Ho notato che l'opera dello psicologo che interviene non è convincere la persona malata di disfarsi  delle cose che accumula, ma di farlo ragionare sulle motivazioni che lo portano a comportarsi in quel modo e riportarlo alla "ragione". Manìa da accumulo compulsivo. Mettere da parte degli oggetti che "sono nuovi" anche se usati, che potrebbero servire ad altri, che potrebbero essere venduti, potrebbero essere riparati, potrebbero essere recuperati... potrebbero.... ma regolarmente restano dove sono per anni. 
In qualche ragionamento di quei malati mi ci sono riconosciuto ed a volte, come loro, mi sono sentito in contrasto con le motivazioni degli psicologi intervenuti, prendendo moderatamente le difese dei malati. Anch'io tendenzialmente accumulo quello che per altri è spazzatura, in genere apparecchi elettronici funzionanti o da riparare...alcuni riesco anche a rimetterli in funzione ed utilizzarli... altri restano negli scatoloni in attesa di trovare il tempo per studiarne il funzionamento, sperimentare o recuperare qualche pezzo che mi serve per altre riparazioni. Porta a casa e metti da parte.... è un attimo e non ci si accorge che dopo un pò si inizia ad avere difficoltà a camminare e muoversi fra le cose accumulate che finiscono impilate in verticale sino a quando quasi ci si dimentica di averle, oltre a dimenticare il primo motivo per cui si è deciso di accantonarle. 
Vedere certe situazioni mi è servito per capire molte cose. Francamente non mi interessa il motivo per cui lo faccio. Se ho o no un trauma infantile non me lo ricordo e se l'ho rimosso un buon motivo ci sarà. L'importante è decidere di disfarsi periodicamente di tutto quel "ben di dio", pian piano e senza tagli netti, che tutto è utile ma se è rimasto fermo troppo a lungo... significa che o non serve proprio a nessuno o non ci arrivo proprio a ripararlo o ancora non mi interessa poi così tanto. Mentre penso di farlo, sto male e trovo sempre delle scuse per non farlo, ma devo farlo. Buttare è male, consumare è male per tanti motivi... 

  • si sostengono le ecomafie e si danneggia l'ambiente, è fuori da ogni dubbio, anche se mi consola che non sono cose comprate da me e che comunque in discarica prima o poi ci dovevano finire...pazienza per le balene e gli orsi polari e per i poveracci che muoiono a causa degli inceneritori.... quello che posso lo faccio, la mia parte almeno
  • si sostengono i produttori ed i sostenitori dell'obsolescenza programmata, ma accumulare i loro rifiuti non risolve poi molto, meglio boicottarli e smettere di comprare
  • si alimenta l'estrazione di risorse e materie prime solo per il miraggio di un impossibile "crescita" infinita e di uno "sviluppo" che sviluppo in fin dei conti non è. 

Certo è che continuerò senza sosta a recuperare e riparare, ma senza esasperare l'accumulo per un "magazzino ricambi" che non posso sostenere a lungo. Sto male al pensiero e sono quasi certo che dopo essermi liberato di quelle cose, mi serviranno, lo so già... pazienza, risolverò in altra maniera, spero. 

P.S. Il gufo è in letargo. Ripeto: Il gufo è in letargo.