mercoledì 29 febbraio 2012

Cartomizer 510 (autopsy & rebuild)

Nel post precedente abbiamo visto la batteria per le e-cig con attacco 510. Ora tocca al cartomizer, quello che fra tutti i sistemi visti costa meno e rende di più in termini di vapore e resa aromatica. Il principio di funzionamento è sempre lo stesso, uguale a quelli visti della serie M40x ma più capiente, quasi il doppio. Un tubo metallico contiene il supporto della resistenza, formato da una scodellina ceramica, sormontata da un tappo di ricarica in silicone trasparente, chiuso sulla sommità dal tappo di aspirazione bianco. La scodellina è montata su un supporto plastico nero che si infila su un tubicino che va a terminare sull'attacco filettato. Un o-ring al silicone assicura la tenuta stagna del liquido per impedirne la fuoriuscita lato batteria. Lo smontaggio si esegue con un attacco per la batteria smontato ed una pinza serrata sul tubo metallico. Si sforza senza premere troppo (altrimenti il tubo si deforma) e si sfila il supporto interno che può uscire lasciando all'interno scodellina e tappo in silicone (ovviamente si strappano i fili ma è meglio così, vedremo poi il perchè). Per far uscire scodella e tappo in silicone basta entrare con un perno della lunghezza adeguata e spingere delicatamente verso il percorso più breve. I componenti disassemblati li si possono esaminare nelle foto. Questo in analisi, è un cartomizer morto dalla nascita. Non so perchè ma, da nuovo appena caricato, non produceva vapore e la resistenza misurata era 10 volte quella nominale. Alimentato con un paio di batterie cariche da 3,7 volts ha resistito (ovviamente) per 4 o 5 tiri, poi è "scoppiato", resistenza fusa nel punto di maggior calore. Occasione ghiotta per un esperimento. A vedere i pezzi così smontati (e puliti che sono nuovi praticamente mai usati), viene voglia di ricostruire la resistenza e sfruttare il wick nuovo nuovo (che il fornitore non ce l'ha, lo deve riordinare e non appena arriva ne compro un centinaio di metri). Il filo per la resistenza ce l'ho già, lo si trova nei negozi on-line di e-cig ma mi sa che procederò con degli esperimenti per trovare qualcosa di simile facilmente reperibile in casa...magari qualche filo di rame di qualche motorino per i lettori CD. Per il wick mi sa che tenterò alcuni esperimenti con altri materiali (ci devo ancora pensare visto che avrei altri cartomizer da rigenerare e ricostruire)...vorrei provare con il filo in fibra di vetro ma non mi sembra che quello rinvenuto lo sia, sembra più cotone o fibra sintetica poco resistente al calore. Bene, gli ingredienti per ora ci sono. Basta solo trovare la lunghezza ottimale del filo per produrre la giusta resistenza e stagnare le due estremità con l'accortezza di far passare uno dei due fili nel foro presente nella scodellina e collegarlo all'asta di supporto. L'altro capo va portato nella ghiera filettata....sarà un impresa credo che il filo è sottilissimo e per farlo stare al suo posto dovrò inventarmi qualcosa che non mi faccia perdere troppo tempo. Il tutto va poi infilato nel tubicino (che avremo recuperato integro nello smontaggio) e tutto dovrebbe tornare come nuovo... così evito di dover ordinare due scatoline alla volta, visto che i negozi on-line di e-cig hanno dei seri problemi di approvvigionamento del loro magazzino.
Credo sia per vari motivi: evitare scorte eccessive in giacenza anche se le scorte sembrano finire nel giro di pochissimi giorni, difficoltà ad anticipare le somme per gli ordini (ed i guadagni vanno tutti in spese??), la dogana che per grossi quantitativi sembra fermi i pacchi indefinitamente ed altri problemi minori, tipo la lentezza dei cinesi che saranno anche miliardi ma a lavorare bene nemmeno a pensarci. Aggiornerò il post o ne farò uno nuovo per riportare i dati tecnici di rigenerazione. Risparmio spinto al massimo e sciopero della spesa mode: on. Alla prossima. 

P.S. the job is over. Ripeto: the job is over. 

EGO 510 Battery (autopsia)

Forse ne faccio un uso troppo intenso e riesco a "romperle". La batteria in corso di autopsia non alimenta più anche se apparentemente il processore al suo interno fa il suo dovere, ammesso che si riesca a capire il significato di due lampeggi lunghi e tre brevi emessi al collegamento dell'alimentazione. L'apertura non è per niente difficoltosa, basta usare la tecnica della pinza a dondolo già descritta nelle autopsie precedenti. L'interno rivela la caratteristiche costruttive che si rivelano molto più curate di quelle usate nella serie 40x. Con la soluzione adottata è impossibile che il liquido penetri all'interno dell'involucro che appare ben sigillato. 
Dentro possiamo scorgere il pulsante, la batteria di alimentazione ad "alta" capacità, la schedina elettronica di regolazione dei tempi di alimentazione, di scarica (cut-off alla soglia di scarica) e dello spegnimento di sicurezza attivato e disattivato con 5 rapide pressioni del pulsante. Il processore, come in molti casi riscontrati nell'elettronica visionata in altri modelli, non riporta alcuna sigla per cui o si procede con tirare ad indovinare il tipo (molto presumibilmente un PIC della Microchip con oscillatore interno) o si tenta di sniffare i piedini per cercare di capire come funziona dopo aver tracciato un circuito di massima. Dalle foto possiamo notare visivamente il guasto: il componente  smd siglato A1BH in alto a destra della seconda foto (accanto a quello siglato C633) presenta un rigonfiamento e delle tracce di annerimento attorno....bruciato, facilmente sostituibile (se si trova un componente equivalente) anche se rimontare la batteria la vedo un pò dura. 
Questa l'ho voluta fare a pezzi per due motivi: il primo è l'innata curiosità di capire come è fatta e vedere all'interno i componenti (c'è sempre qualcosa da imparare) e la seconda è che mi serve l'attacco filettato per procedere alla costruzione di un burn device per rigenerare i cartomizer, la loro composizione la vedremo nei prossimi post. La batteria è ancora sana e può essere riutilizzata per qualche esperimento a basso ingombro ove sia necessaria una bassa alimentazione (3.6V) per bassi consumi ottimizzati per una lunga durata...microspie? Anche i due led blu possono trovare un riutilizzo, anche se smontarli dalla loro sede non sarà per niente facile senza danneggiarli. Ok, anche questa curiosità è soddisfatta e va a completare una giornata di lavoro con un bonifico ritardatario avvenuto dopo le minacce di esecuzione giudiziaria nei confronti della banca cui ero creditore... sò soddisfazioni :-) Alla prossima.

P.S. il cesto è pieno e le mele sono rosse. Ripeto: il cesto è pieno e le mele sono rosse.

domenica 26 febbraio 2012

Acer 5620 - riparato

Bene, sono il "felice" possessore di un "nuovo" portatile salvato dall'ingloriosa fine della triturazione da discarica ed il pianeta ringrazia. Sono riuscito a trovare uno schermo LCD a 35 euro, anche se graffiato, perfettamente funzionante (grazie Luca). Una breve trasferta all'uscita dell'autostrada, un rapido scambio e una gitarella in collina per festeggiare, poi il rientro ed il montaggio. Alla prima accensione il sistema si avvia e...ORRORE!!... compare il logo maledetto e la schermata di login maledetta di quel sistema "operativo" maledetto che non voglio nemmeno nominare da quanto porta sfiga, si sappia solo che fa riferimento alle capacità del tipo "home basic". Il maledetto sistema pensa che io sia un certo Marco, e mi chiede la password. Non ce l'ho e non mi chiamo marco. 
Provo con il nome utente, provo a digitare il nome utente al contrario, niente.... poi leggo sotto la casellina di input la scritta "Suggerimento password: 1". Digito 1 ed il sistema si avvia normalmente con la sua nota lentezza pachidermica. Oiboh! vuoi che il Marco abbia impostato una password così banale? Pare di si. 
Il sistema inizia a sbatacchiare il disco, tra mille finestre di avviso, aggiorna questo e quello, compra questo e quello...poi tocca a "giava", l'aggiornamento si blocca e sullo schermo compaiono delle righe verticali...caxo! vuoi vedere che l'LCD non va??. spengo e il computer si rifiuta di riaccendersi, niente, morto...oddio!! che succede?? penso già di farlo a pezzi e venderlo per recuperare le spese. Poi un intuizione, ricordo di migliaia di riti sciamanici di quand'ero tecnico sistemista nel periodo d'oro. apro il fondo, rimuovo e reinstallo i moduli di memoria, richiudo e riaccendo....riparte!! Tutto ok. 
Mi rendo conto che urge una bella formattata per togliere chissà quale Virus e mille schifezze inutili che rallentano all'inverosimile un bi processore con un giga di ram, tre partizioni di cui due inutilizzabili per l'utente e l'ultima piena al 70% di m*rda inutile. Decido di scaricare una Lubuntu, pachettizata appositamente per PC poco performanti. La installo ed il portatile riacquisisce una nuova identità ed una nuova vita. Si sentirà sicuramente meglio, come quando ti tolgono il gesso alle gambe dopo delle fratture, o come guarire dall'artrosi, per non dire del cancro. 
La macchina si comporta egregiamente, anche se sente la mancanza di una webcam integrata e della scheda bluetooth. Ma, vogliamo parlare del vecchio proprietario? Un sadico ignorante che riesce a mandare in frantumi non solo lo schermo ma a distruggere anche la presa degli auricolari, lo slot interno per le memorie SD, il case ridotto ad un porcile ed altri danni minori che denotano una scarsa attenzione all'uso. Credo che il Marco abbia avuto un tale atteggiamento addossando alla macchina la responsabilità della sua lentezza..strano come mai non se la prendano con quella m*erda di sistema "operativo" che non voglio nemmeno nominare. Forse perchè la macchina è un oggetto fisico più facile da distruggere di un software di m*rda, anche se sarebbe più logico e saggio cambiare software e permettere alla macchina di fare il proprio lavoro (il che prova che il Marco è un deficiente). Vabbè, anche oggi ho avuto la prova che il mondo è popolato da cretini imbecilli, utonti dementi, persone disponibili e dentisti incompetenti. Alla prossima. 

P.S. il blocco di travertino è in arrivo. Ripeto: il blocco di travertino è in arrivo.

Sigarette fai da te - EGO tank - autopsia

Una breve pausa per i risultati di una ricerca. Da un pò sto provando una nuova e-cig del tipo Ego Tank, presa in un negozio fisico di sigarette elettroniche. La scelta è ricaduta su questo modello per emulazione, vista usare da persona di fiducia ed acquisiti pareri preventivi da chi la usa da tempo (questo per far felici i rivenditori maledetti sempre alla ricerca di opinion leader acritici da prezzolare con campioni omaggio e favori sottobanco mai confessati). Non mi va di fare pubblicità per ottenere campionature o sconti particolari, voglio restare libero di poter dire le mie opinioni senza condizionamenti e senza paura di esporre le mie convinzioni, giuste o sbagliate che siano. 
Da fedele utilizzatore della serie M40x sto migrando alla serie 510 per varie ragioni, pro e contro compresi. 
Fra i pro posso elencare sinteticamente

  • una durata delle batterie maggiore
  • una durata del liquido maggiore (dipende dal tipo di serbatoio usato)

mentre fra i contro:

  • un peso maggiore
  • un ingombro maggiore

Certo è che la svapata è diversa e varia tantissimo a seconda del tipo di atomizzatore usato. Mi voglio concentrare su quello che sembra il più comodo da usare, il tank, ampiamente descritto in moltissimi post, per cui inutile ripetere qui le sviolinate commerciali al prodotto. Un bocchino trasparente, che fa da contenitore del liquido aromatizzato, facilissimo da ricaricare al volo con le boccette dotate di cappuccio e ago, un atomizzatore a cartuccia microscopico (ce ne sono di 5 tipi diversi a seconda della resistenza).
Il principio di funzionamento è sempre lo stesso: il liquido viene assorbito dal wick e viene convogliato su una resistenza scaldata al passaggio di una corrente erogata da una batteria a pulsante. 
In questo caso abbiamo un atomizzatore a cartuccia rimovibile. Da un lato c'è un contatto elettrico (quello dorato) che si appoggia ad una ghiera adattatrice che si avvita alla batteria e dall'altra un condotto metallico che si inserisce a spinta nel bocchino trasparente per pescare il liquido. All'interno del condotto è infilato il materiale assorbente. Il materiale assorbente è poi all'altra estremità avvolto dentro la resistenza elettrica che trova sede su una scodellina ceramica forata, in modo che l'aria aspirata venga convogliata al centro della resistenza, esca per le due aperture lasciate dal condotto metallico rettangolare incastrato nel supporto rotondo e si infili attraverso due condotti laterali del bocchino trasparente.  
Il condotto di pescaggio del liquido è inserito a spinta nel corpo metallico dell'atomizzatore e risulta estremamente facile rimuoverlo facendo leva con un cacciavite sottile (si noti la conformazione delle scanalature progettate per grippare condotto al corpo metallico). 
Il wick che vediamo in foto è completamente bruciato a forza di ricariche ed uso intenso, complice anche la bassa resistenza dell'atomizzatore che ne ha decretato la morte entro solo una settimana.  Al tatto il materiale non sembra fibra di vetro ma piuttosto una seta sintetica molto morbida, secondo me inadatta causa la scarsa resistenza alle alte temperature.  Un estremità del wick che si infila parzialmente nel condotto di pescaggio (dotato all'interno di tre micro scanalature disposte a 120° sulla circonferenza interna), è racchiusa dentro un "tubicino" di maglia metallica, presumo che sia previsto sia per facilitare l'inserimento che per rendere più rigido il materiale assorbente. 
La parte del contatto, è alloggiata in un tappo di plastica, facilmente rimovibile a cui è collegato un filo rosso. L'altra estremità della resistenza è collegata ad un filo nero che si collega al corpo metallico dell'atomizzatore. 
Orbene... si possono rigenerare ricostruendo la resistenza? Credo, purtroppo, di no. Maneggiarli è un casino in quanto sono troppo piccoli. Riuscire ad infilare il wick è un impresa e riassemblare il tutto dopo aver saldato i fili quasi "impossibile" date le dimensioni minuscole. Bisognerebbe provare altre soluzioni costruttive, devo pensarci... boh, magari mi verrà in mente qualcosa, magari solo per orgoglio e testardaggine.
Quindi un costo variabile da 5 a 8 euro per atomizzatore è giustificato?. NO. Magari costruttivamente sono necessari dei macchinari particolari che ne lievitano il costo di produzione ma in ogni caso la cifra non vale per degli atomizzatori considerati dal produttore come usa e getta. In più, non so perchè, il vapore che esce è "freddo" ed abbatte tantissimo i sapori ed aromi. La stessa miscela (identica) usata con altri sistemi di vaporizzazione è completamente diversa, più piena, più aromatica, più calda e che concede il colpo in gola tento ricercato dagli ex fumatori accaniti come me. 
Lo sciopero della spesa ad oltranza (come ultima motivazione) mi impone di abbandonare questa soluzione e pensare ad altro, sempre col miraggio di farmeli in casa... forse una soluzione è vicina...non mancherò di sfogarmi e raccontare qui la soluzione. Alla prossima. 

P.S. Marco è l'assassino. Ripeto: Marco è l'assassino.

martedì 21 febbraio 2012

ACER Extensa 5620

E mi è capitato fra le mani anche questa sottospecie di computer portatile, a cui ridare la dignità di un tempo. Non è un gran computer. Ha un difetto congenito che lo rende di bassa qualità. Il coperchio che alloggia lo schermo LCD (Samsung LTN154XA-L01) sembra fatto di carta, troppo fragile, per cui uno dei maggiori inconvenienti derivanti da un uso poco accorto è la rottura della plastica e, cosa peggiore, dello schermo stesso. D'accordo che comunque i portatili vanno trattati con delicatezza, ma la loro natura è quella di essere trasportati ed i progettisti dovrebbero fare un pò di attenzione nel prevedere un uso sicuramente più aggressivo rispetto alle versioni desktop. Comunque, a parte le prestazioni non proprio esaltanti in termini di velocità complessiva, sicuramente causati anche dal funzionamento del sistema "operativo" preinstallato che non voglio nemmeno nominare, resta pur sempre un bi-processore con wifi, masterizzatore ed altri ammenicoli che possono tornare utili in situazioni di emergenza. 
La sostituzione dello schermo non è particolarmente difficile. Il problema è il prezzo. Lo si trova ad oggi quotato su ebai, nuovo, a cifre da 90 - 160 euro (a volte + spedizione). Troppo. Non ne vale la pena. L'alternativa è acquistarne uno con la mother board guasta e di due farne uno. Un occasione l'avrei anche trovata, a 15 euro, però non viene spedito in italia. Lo so. Causa le figuracce di m*erda in primis (dei B di turno) e corrieri o postini che dematerializzano le consegne, dall'estero verso l'italia i fornitori la merce si rifiutano di spedirla, causa l'altissima probabilità di contestazione per mancata consegna.  In caso di mancata consegna si tende a dare la colpa al fornitore il quale ha un solo modo di difendersi: prevenire i contenziosi rifiutandosi di vendervi qualcosa (causa anche la bassa reputazione di ebai). Così, in un economia che non decolla (chissà mai perchè) anche quando dobbiamo acquistare siamo al palo, bloccati, prigionieri di una pessima reputazione cui personalmente non ho contribuito. Grazie davvero a tutti i disonesti. Quindi dovrei pagare uno schermo che già si trova entro i confini di questa repubblica delle banane, pagandolo una cifra stratosferica con l'illusione di rilanciare l'economia... ma che sistema è mai questo? Mi spiace. Continuo a cercare, fiducioso che i miei risparmi guadagnati onestamente siano più meritati da chi invece lavora onestamente in un paese straniero, non certo quello in cui vivete voi, poveri "itagliani".

P.S. Pulcinella ha perso la maschera ed Arlecchino balla. Ripeto: Pulcinella ha perso la maschera ed Arlecchino balla.

domenica 19 febbraio 2012

HTC P3600 riparazione (quasi) impossibile

Quando un dentista con le braccine corte si mette a fare il tecnico elettronico riparatore... è una manna dal cielo per certi versi. L'ultimo salvataggio di hardware "rotto" è di ieri. Un portatile ACER extensa 5260 con LCD crackato (lo vedremo in futuro) ed un palmare HTC P3600 Trinity mod. TRIN100 con Winzozz mobile. L'opera di devastazione è iniziata con la tecnica del "fai da te senza alcuna attrezzatura o preparazione tecnica". Non si sa per quale motivo ma l'attila tecnologico ha voluto cambiare lo schermo LCD e quindi produrre tutta una serie di inconvenienti che nemmeno il più sadico dei criminali riuscirebbe a produrre. Quando mi viene consegnato mi sento dire... lo schermo non si accende, "probabilmente a causa del connettore difettoso" (e già mi viene qualche sospetto sul "difetto"). Mi assicuro che l'utonto se ne voglia liberare senza nulla in cambio e procedo col ritiro e salvataggio dalla discarica. 
In laboratorio provo ad aprire il tutto e già noto una serie di problematiche. Le viti torx... probabilmente è riuscito a toglierle con un cacciavite a stella, massacrandole. Una di queste non ne vuole sapere di uscire. A forza di girare a vuoto il criminale è riuscito a togliere dalla sua sede il filetto femmina (un dadino tondo e microscopico) che dovrebbe restare incastrato nella plastica. Per togliere la vite occorre quindi aprire il guscio sforzando (con il rischio di spezzare plastica, mother board o i flat arancione che collegano LCD e tastiera) infilare una pinzetta a becchi sottili, bloccare il "dado" e girare la vite con il suo cacciavite T4. 
Con l'apertura si prosegue con l'osservare l'opera di devastazione. Il guscio è spezzato in prossimità dello slot per l'inserimento della micro SD. Ma la cosa peggiore è accaduta al connettore dove si innesta il flat dello schermo. Manca lo sportellino di chiusura che preme i contatti del flat sulla motherboard. Di sostituirlo nemmeno a provarci. Troppo vicino ai componenti, servirebbe il forno o il riscaldatore IR e un attrezzatura che non ho (e che solo i laboratori specializzati ed attrezzatissimi hanno). Allora come fare per riportare in vita l'apparecchio? Per il dadino niente paura. Lo si rimette in sede con un pò di colla (un quarto di goccia) e si spera che tenga. Per la plastica spezzata, un nuovo cover non ci starebbe male, lo si dovrebbe trovare per una ventina di euro ma è una soluzione per chi non è in sciopero della spesa o chi non boicotta il mercato. 
Per il connettore.... si osserva che il flat è infilato sotto due file di contatti dorati. C'è una fila superiore rigida ed una fila inferiore flessibile che viene premuta da uno sportellino a pettine. Lo si cerca di recupero da qualche telefonino o da qualche lettore CD o DVD...con un "pò" di fortuna se ne trova uno di uguale ed il gioco è fatto: probabilità 1/10000000000. Occorre quindi aguzzare l'ingegno. Si cerca sempre dai connettori flat una plastichetta di chiusura come quella che si intravede nella foto (o simili), la si riporta alle dimensioni necessarie tagliandola con un tronchesino di precisione e si prova ad infilarla (è fattta a cuneo) in modo da andare sotto la fila di pin superiori e sopra quella inferiore che deve premere il flat: probabilità 1/100000. Questa seconda soluzione è fattibile ma essendo i pin microscopici e le dita enormi, ci si riesce con estrema difficoltà e si rischia seriamente di creare ulteriori danni. 
Allora? occorre trovare un materiale che riesca ad adattarsi al pettine e nello stesso tempo "penetrare" fra i pin superiori per premere la fila di pin inferiori... una specie di creta o pongo che si adatti a forma di pettine ma che sia rigida abbastanza da tenere premuti i pin inferiori che sono molto più flessibili di quelli superiori (e molto più delicati). Io ho trovato una schiuma di imballaggio dei cartomizer per e-cig, una schiuma nera a memoria di forma, nel senso che è rigida al punto "giusto" ma col tempo si adatta all'oggetto su cui viene premuta. Il coperchio avvitato fa il resto, assieme ad uno spessore rigido di un millimetro che fa da "tappo". Come per magia il palmare torna a funzionare perfettamente, dopo il ripristino alle condizioni di fabbrica. Quest'ultima operazione la si fa premendo contemporaneamente i due tastini appena sotto lo schermo e il tasto di reset fra la presa usb e la porta irda. L'unico "inconveniente è ora la tastierina che non risponde più, forse ho innestato male il connettore o peggio l'avrò involontariamente danneggiato....devo controllare. Comunque... il palmare è tornato in vita e spero che il fixing duri un pò. Giusto in tempo perchè il nokia che avevo si rifiutava di ricevere le chiamate e gli SMS, provocando ingiustificabili crisi isteriche di quei clienti che credono sia reperibile per loro 24/24 7/7... alla peggio, ho dei telefoni di scorta, minimali ed il palmare lo do via a pezzi... ci si recupera qualcosa, le due fotocamere, la tastierina, il motorino di vibrazione, lo schermo LCD...alla prossima.

P.S. il fulmine ha colpito. Ripeto: il fulmine ha colpito.

sabato 4 febbraio 2012

Alimentatore switching TAD437E8E (parte 1 - reverse engineering)

Sto progettando un sistema per la videoconferenza e l'e-learning. Mi serve un auricolare senza filo per evitare l'impiccio di quelli che si avvolgono a molla. Devo avere il piano di lavoro completamente sgombro se voglio lavorare meglio. Quale scelta "migliore" che un auricolare bluetooth?? La scelta ricade su un modello preso tempo fa presso un bandito dell'informatica, uno di quelli che semina volantini cartacei promettendo cellulari a prezzi stracciati che però se si arriva primi all'apertura del negozio i 100 pezzi promessi sono già stati tutti venduti...a chi?? a nessuno, è una truffa ed il commerciante ci ride e scherza su come se nulla fosse...maledetto bastardo. Aspetta che il 117 lo chiamo io ed un controllo della guardia di finanza non te lo leva nessuno. Comunque, già che ero lì (la truffa ha funzionato) prendo due auricolari in svendita a 9 euro l'uno e li metto da parte, non si sa mai, possono diventare utili come ricetrasmittenti per il quadcopter in corso di progettazione. Oggi li riprendo in mano per l'uso e mi accorgo che un alimentatore da muro per caricare la battteria è morto. L'avrò usato sì e no un paio di volte. 
Ok, niente panico. Per aprirlo basta rimuovere l'etichetta con i dati di targa e svitare la vite con testa a croce in prossimità del cavetto in bassa tensione. Il circuito è talmente semplice e scarno che decido di tirarmi fuori lo schema ancor prima di farmi venire l'idea di andare a chiederlo al produttore cinese. Il metodo per il reverse engineering del circuito stampato lo abbiamo già visto nei post precedenti. Si sovrappongono due foto in trasparenza (una va speculata) lato componenti e lato piste di rame e con un pò di pazienza si ricostruisce lo schema. Poi si desumono con analisi visiva le caratteristiche e valori dei componenti ed il gioco è fatto. Con circuiti così semplici è abbastanza facile e serve come allenamento per quelli più complessi. 
Cosa sarà mai saltato in questo circuito? Un transistor, quattro diodi, un trasformatore, quattro condensatori e quattro resistenze.  Devo ancora vedere... non si notano bruciature ma mi basterà un quarto d'ora per capire cosa sia successo e non credo che i componenti siano difficili da reperire come parti di ricambio (li devo ancora ispezionare per bene). Lo do per riparato dai, non ci credo che sia da buttare, ma non mancherò di aggiornare questo post con lo schema ricostruito ed ulteriori informazioni. Vorrei tanto che anche gli altri imparassero a gettare di meno e ripararsi in casa le cose, giusto per acquisire la consapevolezza che questo pianeta ha un gran bisogno di "gente come noi" se vogliamo lasciarlo anche ai nostri eredi. Alla prossima. 

P.S. il tacchino è nel forno. Ripeto: il tacchino è nel forno.