sabato 25 giugno 2011

God Hates Clowns

Yo mister jester, I got a question for you,
Where's topiary, nakomis and that fucker sabu?
You talk a big game, Tryin hard to drop all the names,
The only leak you've made? That you're an ignorant butt stain.
Juggle all the balls, why don't you tell me a joke?
How 'bout that time you tried to sink my boys in the lulzboat?
What's wrong, bro? You starting to choke?
The masters of the lulz remain afloat.
I guess "the jester" fits, your cheap magic tricks,
You wrote apache codes? I upgraded 'em, bitch.
You wear a mask, I wear a fucking top hat,
We ain't even in the same class, you fatass.
We're the kings of the lulz, the fast cracking masters,
to all the snitches out there, we leaked your passwords, bastards.
I'm the hacker elite, your hacks are all obsolete,
What's wrong bro, you freezin' up? Here, ctrl+alt+del.
You're like a plague, but only the annoying kind,
Like the one in that movie back in 1999.
You whitehat sucka, god you're so misled,
I wouldn't be surprised if you thought we were the Feds.
And antisec? We're not just the solution,
We're steps one and two to a global revolution.
Terrorist? Go on, fucka, we the heroes,
Floodin your servers, lotsa ones and zeroes.
I guess "the jester" fits, your cheap magic tricks,
You wrote apache codes? I upgraded 'em, bitch.
You wear a mask, I wear a fucking top hat,
We ain't even in the same class, you fatass.
We're the kings of the lulz, the fast cracking masters,
to all the snitches out there, we leaked your passwords, bastards.
I'm the hacker elite, your hacks are all obsolete,
What's wrong bro, you freezin' up? Here, ctrl+alt+del.

P.S. FUB. Ripeto: FUB.

giovedì 23 giugno 2011

mercoledì 22 giugno 2011

Sigarette fai da te (parte 15) fanno male?

Come annunciato e come avevo profetizzato previsto con largo anticipo, prende piede la campagna terroristica anti e-fumo. Si continua ad insinuare, senza produrre niente di scientifico o manipolando l'esposizione parziale di dati e notizie apparentemente preoccupanti. In questo articolo, se si legge con leggerezza, sembra che le e-cig siano inutili per smettere di fumare e facciano male. Siamo alle solite. La guerra è in atto. Toccare gli interessi solo economici di certe multinazionali maledette e di certi interessi monopolistici è dannoso. I dati riportati sono parziali, superficiali, inutili a formare un opinione corretta. 
Se qualche deficiente ha iniziato a vendere le sigarette elettroniche promettendo che sono efficaci per smettere di fumare, bisognerebbe metterlo in galera, punto. Personalmente, ho iniziato di punto in bianco con le e-cig e da fumatore accanito sono diventato uno svapatore abituale, ma io non rientro nelle statistiche fasulle o nei "test" delle organizzazioni prezzolate al soldo dei potenti. E' stata la volontà ad aiutarmi ed il mezzo usato è stato solo un supporto alla mia motivazione personale. Per dire ciò non servono scienziati, test di laboratorio, illustri accademici o organizzazioni mondiali.
Per la dannosità, se si legge l'articolo, si citano le sostanze di 4 tipi di liquidi, tutti di provenienza sintetica. Io uso la glicerina vegetale di origine naturale presa in farmacia. Nessuno, "stranamente" ha mai fatto dei test su di essa...come mai?? Come mai si analizza solo "l'antigelo sintetico" e non la glicerina naturale? Io non lo so perchè, ma posso ovviamente immaginarlo ed immaginare che cosa ci sia sotto. Sulla scia della Fda, a novembre 2010 anche un rappresentante dell’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato che le e-cig sono dannose alla strategia antifumo dell’Oms e che contengono sostanze nocive. Dannose alla strategia antifumo dell'OMS??? Contengono sostanze nocive?? Ma come si fa a dire così senza analizzare tutte le soluzioni possibili?? senza base scientifica certa?? senza che i metodi di analisi siano resi pubblici?? In che mani siamo?? Non riescono a capire se un batterio killer deriva dai cetrioli, poi dai fagioli, poi dalla carne, poi dalla soia poi.... ma stanno scherzando o ci prendono per il sedere???? Un effetto sicuro lo ottengono in questo modo. Perdono di credibilità e per recuperarla dovranno fare tanti di quegli sforzi che nemmeno se lo immaginano. Da voi in "itaglia", nel 2008 il senatore del Pd Ignazio Marino ha proposto un disegno di legge per regolamentare il settore, ma il collega del Pdl Luigi D’Ambrosio Lettieri ha presentato un emendamento per azzerare l’idea. Da un anno il provvedimento giace in Senato, avvolto da una nuvola di finto fumo.Ecchè altro ci si aspettava?? Col fumo tradizionale, che sicuramente fa male, si nota un altrettanta preoccupazione per la salute?? Mi pare di no, a meno che non ci sia da raccogliere fondi. Maledetti schifosi imbecilli, io vi maledico tutti per il resto della vostra meschina esistenza. Andatevene a fanchiulo! Alla prossima.

P.S. Pino è morto e Franco mente. Ripeto: Pino è morto e Franco mente.

domenica 19 giugno 2011

Segnalatore a led per raggi bicicletta

Cosa mi sia saltato in testa di comperare questo affare non lo so. Forse pensavo alla mia sicurezza, dato che viaggio di sera tardi in bicicletta ed ho la necessità di essere visto dagli automobilisti. E' una coppia di segnalatori luminosi da fissare ai raggi della ruota posteriore della bici. Durante la rotazione, un interruttore si chiude per la forza centrifuga e se è quasi buio, un led rosso si mette a lampeggiare. Il livello dell'illuminazione è "misurato" da una foto-resistenza e, affogato nella colla epossidica per celare non si sa quale straordinario segreto o diritto d'autore, un minuscolo circuito integrato fa il resto, compresa la temporizzazione dello spegnimento che avviene dopo pochi secondi che ci si ferma. Il tutto è alimentato a 3 volts tramite due batterie a bottone del tipo AG13.
L'idea è buona, l'efficacia non so quanto. Da dietro, da chi sopraggiunge in auto alle mie spalle, non so quanto si notino due minuscoli led, anche se ad alta efficienza, coperti dal cerchione. Dato che la prudenza non è mai troppa e non passa giorno che qualche ciclista non venga arrotato dalla solita stronza al volante o dal solito padroncino sempre di corsa a fare consegne di cose inutili, meglio abbondare con le luci, anche se non sono tutte obbligatorie. Vale il principio della prudenza. In ogni caso, uno dei due segnalatori presenta una rottura della saldatura del contatto positivo della batteria e l'altro presenta la scollatura del coperchio trasparente protettivo. Tre anni di lavoro e si rompono. Di sostituirli nemmeno a parlarne, anche perchè non si possono definire a tenuta stagna e le batterie si ossidano. Sono alla ricerca di qualcosa di più efficente. Alla prossima. 

P.S. il lupo grigio è fuori dal branco. Ripeto:  il lupo grigio è fuori dal branco.

venerdì 17 giugno 2011

Rasaerba McCulloch mod.MT152 (parte II)

Quasi ci siamo. Ho terminato la ricostruzione completa della base di supporto del motore. Il vecchio supporto in plastica, ad incastro, è stato sostituito da una piastra di alluminio tagliata e sagomata a mano. Si taglia un foglio di alluminio di un paio di millimetri di spessore e si traccia la dimensione di massima che dovrà avere. I bordi poi, con prove ed aggiustamenti successivi, dovranno essere portati alle giuste dimensioni. Per riuscire ad incastrare la base nel suo alloggiamento, ho dovuto affilare i bordi con carta vetrata sino a quando il tutto non è entrato perfettamente al suo posto. Poi tocca alla fase di foratura per far passare il perno del motore ed allineare i tre fori di fissaggio. Ho dovuto crearmi una maschera di carta, prendere le misure esatte dei tre fori e poi procedere con un primo foro "centrato" alla meglio. Una volta creato il foro centrale, ci si aiuta con la maschera per praticare i tre fori di supporto nella giusta posizione. Ha funzionato al primo colpo anche se sono andato un pò "a occhio". Terminato il montaggio (anche se mancano ancora i 4 fori di fissaggio della protezione terminale), mi sono accorto di un problema al rocchetto porta filo. E' sfondato nella parte terminale per cui la molla non riesce più e bloccarlo e durante la rotazione il filo si svolge ed esce. Per ovviare, sto per procedere con affogare la molla nel fondo interno del rocchetto, utilizzando della termocolla. Dovrebbe funzionare, altrimenti, addio attrezzo. Una testa di ricambio non è disponibile e se la soluzione non funziona, dovrò inventrami di costruire una lama flessibile o qualcos'altro....boh....vedremo come andrà a finire. Nel frattempo procedo. Alla prossima.

AGGIORNAMENTO: Funziona. Riparazione terminata ed un rifiuto in meno per la maledetta discarica. Ennio, vaffanc*lo!

P.S. la fotosintesi è in ritardo. Ripeto: la fotosintesi è in ritardo.