mercoledì 8 settembre 2010

Sigarette fai da te - (parte 6) Cartomizer C-E2 M series

Oggi la SDA mi ha consegnato i nuovissimi Cartomizer Ed.2 ceramici. Ho effettuato l'ordine il 28 Agosto alle 19:03 direttamente in cina. Il 3 settembre alle 13:33 arrivano in italia. Consegna al destinatario l'8 settembre 2010 alle 12:45.  Quindi 5 giorni per attraversare mezzo globo terrestre e 6 giorni per fare 200 Km qui in "itaglia". Un record di cui andare fieri non c'è che dire... sono 33 kilometri al giorno...li percorro tranquillamente in bicicletta ogni giorno, potrei farmi assumere come corriere espresso ecologico. Ah...dimenticavo...12 euro per la spedizione (corriere internazionale) e 13 per il pizzo dazio alla dogana itagliana. Fanchiulo.

I Cartomizer C-E2 M-series [M-series-C-E2-Core] sono dei nuovi atomizzatori che usano un materiale ceramico al posto del materiale assorbente, usati per le sigarette elettroniche (e-cig con batterie M401 M402 M403 M6 M7), privi quindi della "lanetta" sintetica interna che abbiamo già analizzato in dettaglio nei post precedenti (cerca "sigarette fai da te" nella casella in alto a sinistra per l'elenco completo dei post inerenti). Sono l'evoluzione dei Cartomizer ed.1, sostanzialmente una resistenza tutt'uno con il materiale assorbente che per l'ed.1 era rappresentato dalla classica "lanetta" sintetica. Anche i Cartomizer ed.2  sono ricaricabili ma con una siringa, il cui ago (un tubicino flessibile semirigido) è in dotazione ad ogni confezione da 5. Capacità di ricarica da 0.6 al massimo 1ml, quindi con capienza  esagerata rispetto alle cartucce a lanetta di tipo XL (0.04ml).
La ricarica "al volo" (mentre si è in giro "fuori sede") è un pò "trafficosa", serve infatti la siringa (che ha già trovato posto dentro un porta e-cig singole), mentre con quelle tradizionali, bastava portarsi appresso solo la boccettina contagocce e rabboccare la scodella alla bisogna. Per ricaricare, è sufficente togliere il cappuccio bianco superiore, individuare i due forellini, infilarci la siringa, spingere e richiudere il tutto....pronti all'uso, al massimo trenta secondi. Se si carica troppo, basta asciugare con un tovagliolo l'eccesso che fuoriesce.
Ad essere pignoli ed ipercritici...la siringa che vendono assieme ai cartomizer (a parte) non entra nel collo delle boccettine ed.2 della FA, (quelle con il tappo di sicurezza per intenderci), mentre entrano in quelle ed.1 con l'imbocco più largo (provvidenza vuole che ne ho conservate un pò). In entrambi i modelli però bisogna togliere il beccuccio contagocce che fa anche da "tappo" aggiuntivo.
Dalle istruzioni allegate nella confezione originale, si raccomanda l'uso sino a 4 ricariche, quindi è una sorta di "usa e getta" dall'uso prolungato. A dire il vero, anche gli atomizzatori tradizionali che abbiamo già analizzato (quelli col ponte a maglia metallica), dopo un pò iniziano a dare "problemi"...meno vapore, meno sapore, più duri da tirare, scottano dopo un paio di settimane di uso intensissimo...vedremo con questi i sintomi e se sarà possibile spingere l'uso ben oltre le 4 ricariche (vi terrò aggiornati...promesso). Ad ogni modo c'è da dire che la boccata è sicuramente più piena, più vapore, più sapore, la tirata è morbida ed ariosa..... ma sarà il caso di provarli più a lungo prima di esprimere un giudizio definitivo, se sono migliori, peggiori o simili ai precedenti. Giudizio da first impression? Good! five stars. Alla prossima.

P.S. L'ottavo nano va da biancaneve in compagnia del lupo. Ripeto: L'ottavo nano va da biancaneve in compagnia del lupo.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

mitico unamico, sei sempre un passo avanti. complimenti per il blog e per la varietà di argomenti, mai noiosi.

Anonimo ha detto...

....ma sfusi ci sono? devo per forza prendere un blister da 5? Fammi sapere, ti lascio la mia mail ******@hotmail.com

unamico ha detto...

Grazie per i complimenti. Nel blister da 5 c'è anche l'ago flessibile per la ricarica. non so se si può usare un ago di acciaio normale (penso di si). Per uno credo si possa fare se vuoi provare e non ti fidi :-) credo ci siano in rete rivenditori disponibili a farlo. Ciao

Anonimo ha detto...

Confermo e concordo....sono ottimi, durano tanto e la boccata è davvero piena. Great!!

P.S. Complimenti per il blog...davvero interessante, specialmente l'approccio antibrand ed anticonsumistico.
Ciao. Startrec