lunedì 2 febbraio 2009

Facebook?? no grazie

Il libro delle facce... ne sento parlare e la curiosità prende il sopravvento. Non vorrei apparire asociale o essere, come sostiene qualcuno, tagliato fuori. Non devo trovare amici o vecchi compagni di scuola o d'armi, le mie ex..., se li ho persi tutti di vista è solo perchè l'ho voluto, nulla di interessante in persone vuote, egoiste, ignoranti, arroganti, socialmente pericolose e potenzialmente dannose al quieto convivere sociale. Mi sono tenuto in contatto solo con le persone che credo meritino la mia amicizia.
Stavolta però, contrariamente al solito, metto a freno l'impulso di registrarmi e vado a consultare preventivamente le condizioni d'uso...c'è da inorridire!! Ci sono più motivi per dire di no! nemmeno morto. Avete letto le condizioni d'uso?? elenchiamone alcune
1) Possono cambiare le carte in tavola (le condizioni d'uso) senza avvisare, e se continui a usare il servizio le accetti implicitamente (anche se non lo sai in quanto non avvisato).
2) Facebook fa discriminazione in base al censo. Se hai piu’ di 13 ma meno di 18 lo puoi usare solo se frequenti una scuola superiore!!
3) Tutto quello che scrivi ti viene espropriato: “all rights reserved” ... si prendono automaticamente i diritti di sfruttamento commerciale dei tuoi contenuti!!
4) Se parli male di qualcuno, anche a ragion veduta, la responsabilità è comunque tua. I diritti si, le rogne no!
5) Su Facebook non puoi far vedere quello che succede in giro... puoi solo postare filmati fatti da te o che contengano te come soggetto... nemmeno i filmati liberi possono essere divulgati
6) Su Facebook l’ultimo criterio per decidere se qualcosa va bene oppure no e’ “il giudizio della compagnia”. Insomma, decidono solo loro cosa da fastidio e cosa no
7) Possono sbatterti fuori anche senza nessun motivo o spiegazione. Alla fin fine bastava solo questa regoletta

Dulcis in fundo...non c'è modo di cancellare definitivamente quanto messo in rete. ci si può disattivare (con una procedura farraginosa) ma non cancellare. Resta tutto a loro disposizione.
Decido di approfondire la ricerca.... tra class action per violazione della privacy (vendita dei dati degli utenti e dei profili senza autorizzazione) e colegamenti con la CIA ed enti governativi vari orientati al controllo globale...c'è da impallidire. Risultato...Facebook, ma vaffanculo!
Alla prossima

P.S. Annaffiare il giardino. Ripeto:Annaffiare il giardino.

1 commento:

pat ha detto...

Eheh, grande! anch'io sto resistendo a facebook e con me altri miei amici. Alcuni ci sono cascati purtroppo. Mia sorella cel'ha, ho fatto un giro con lei affinaco tramite il suo profilo e ho scoperto un ulteriore cosa sconvolgente: ti danno dei "crediti d'argento" da accumulare per non si sa quale motivo se rispondi ad alcune domande preimpostate da facebook riguardo ai tuoi friends. le domande sono del tipo :"Secondo te michela(es) ha mai fatto uso di ecstasy?" oppure: "Pensi che Gioia(es) falsificherebbe il suo curriculum per trovare più facilmente lavoro?" e via così, tra uso di marijuana, sesso a tre ecc... e i tuoi amici ripondono, si o no, secco, rendendo così pubbliche cose che uno mai metterebbe su un profilo di un qualsiasi social network... ti giuro dopo aver visto sta cosa mi sono sentito quasi male... ciao
Pat